“Questo non è amore” dico alle donne vittime di violenza che vengono a fare denuncia

scritto da il 13 Febbraio 2020

backlit-beach-clouds-dark-289998

Uno dei temi che che mi preme affrontare è la violenza di genere. Penso che l’amore prima di tutto sia libertà di esprimere al 100% se stessi. Quando in una relazione ciò viene meno, si può dire che “Questo non è Amore”.

Ho deciso di trattare l’argomento in uno dei mie brani intitolandolo proprio così, come la campagna dell’Anticrimine della Polizia di Stato, alla quale ho partecipato in un evento organizzato dall’attuale Questore di Pavia per la prevenzione contrasto della violenza contro le donne.

Quando ho scritto il testo, ho pensato a tutte le donne vittime di violenza che hanno varcato la porta dell’ufficio denunce dove lavoro, agli interventi di liti in famiglia nei quali sono intervenuto, a tutte le donne che ancora non hanno denunciato.

Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha scritto che una donna, vittima di violenza di genere si aspetta: “Sicuramente protezione e indagini che portino presto ad aver giustizia, ma non solo. Una donna che è vittima di violenza si sente sola, prova vergogna, ha paura di ritorsioni per sé stessa e per i propri figli, si crede colpevole, teme di non essere creduta, di essere giudicata. Il poliziotto a cui chiede aiuto deve saper rispondere a questo dolore, consapevole che il più delle volte l’aggressore è una persona a cui la donna è legata da vincoli affettivi“.

In questi mesi ho cantato il brano “Questo non è Amore” in diverse scuole, in eventi dove erano presenti tanti giovani ragazzi. La risposta è stata più che positiva: con il genere che a loro piace, il Rap, sono riuscito a coinvolgere più persone, trattando questo argomento serio in maniera differente, con la musica.

Ho riscontrato una grande sensibilità da parte dei ragazzi che, ascoltato il mio brano, ne hanno apprezzato le sonorità ma soprattutto ne hanno appreso i contenuti. Penso che questo sia un nuovo modo di comunicare e far ragionare le nuove generazioni sui problemi sociali che ci affliggono, investire sui giovani, sulla cultura della legalità, il rispetto delle regole, è importante per prevenire ogni forma di violenza e discriminazione.

“TRISTE QUANDO ASCOLTO STORIE DI DONNE CHE PER COLPA DELLA GELOSIA SONO ANDATE VIA OSSESSIONE POSSESSIONE UCCIDONO UNA RELAZIONE CHE DIVENTA UNA MALATTIA”

Poche parole ma significative, quelle contenute nel ritornello del mio brano, con il quale mi auguro di sensibilizzare più persone possibili, su un tema delicato che quotidianamente mi ritrovo ad affrontare sia in musica che con il mio lavoro.