24 Gennaio 2020

Chi è Cecilia Alemani, la prima donna italiana a dirigere la Biennale Arte di Venezia

scritto da

      Il ruolo, la voce e la responsabilità della prima donna italiana a curare una Biennale di Venezia. “È un grandissimo onore poter assumere questo ruolo in una delle istituzioni italiane più prestigiose e riconosciute al mondo” dice Cecilia Alemani, classe 1977, nata a Milano e carriera di successo nella Grande Mela, dove vive ormai da 15 anni. “Come prima donna italiana a rivestire questa posizione, capisco e apprezzo la responsabilità e anche l’opportunità offertami, ripromettendomi di dare voce ad artiste e artisti per realizzare progetti unici che riflettano le loro visioni e la nostra società”....

24 Gennaio 2020

Nellina Laganà nel ricordo di Gabriele Lavia e Federica di Martino

scritto da

    Nellina Laganà era diventata una presenza quotidiana sui social. E anche chi non l'aveva mai vista a teatro, aveva avuto modo di sperimentare la sua passione, la sua caparbietà, la sua voglia di un mondo migliore. La vorremmo ricordare qui su Alley Oop, di cui era un'amica, attraverso le parole di Gabriele Lavia e Federica di Martino, suoi ultimi compagni in scena rispettivamente nei ruoli di Cotrone e della Contessa Ilse  ne " “I Giganti della Montagna”. Per le misteriose alchimie che intrecciano il teatro e la vita, Nellina era infatti stata scelta da Lavia per interpretare "La Sgricia", questa vecchina che...

10 Gennaio 2020

L'infanzia in Libano nei trittici di Chiara Dynys al Museo Correr di Venezia

scritto da

    Una bambina si copre il volto. Un’altra ha la guancia accostata al cofano di una vecchia Mercedes grigia, mentre una terza stringe in una mano un sacchetto di plastica con un pesciolino rosso. I bambini giocano a calcio oppure sono davanti al biliardino, sistemano vecchie biciclette che rivendono o usano per andare a correre con gli amici, chi verso una discarica, oppure viaggiano in due sulla sella del motorino. Tutti sulla strada. Ci sono tanti pupazzi usati, giocattoli per il mercatino, giostre antiche. Ogni storia è narrata da fotografie incastonate in un ciclo di 27 trittici in legno e foglia d’oro. Ogni...

02 Gennaio 2020

Mangiafoco, una sera a teatro per scoprire che possiamo essere Pinocchio

scritto da

      Parlando di Comunicazione Efficace e di Cambiamento non possiamo che trarre grande insegnamento dall'arte degli Attori: fondono, nel loro stare in scena, gesti, parole, movimenti, ritmo con una fluidità, una profondità  e una pluralità di mezzi e di linguaggi che non si limita al palcoscenico ma può essere un esempio anche nella vita. Al Piccolo Teatro Studio di Milano uno straordinario gruppo di attori guidati da Roberto Latini ha portato in scena Mangiafocoliberamente ispirato ai tre capitoli del Pinocchio di Carlo Collodi. Secondo le "casuali" modalità distributive che caratterizzano ormai da troppo...

27 Dicembre 2019

Letizia Battaglia, in mostra fotografie di strada fino al 19 gennaio

scritto da

    “Con la macchina fotografica c’è la possibilità di amare.” Ricorro a questa frase per introdurre la grande mostra di Palazzo Reale a Milano (Letizia Battaglia. Storie di strada, fino al 19 gennaio 2020), occasione preziosa per rendersi conto che non c’è definizione più fuorviante per Letizia Battaglia di “fotografa di mafia”, visto che queste immagini rappresentano solo una parte della sua vastissima attività. La rassegna, già presentata a marzo alla Casa dei Tre Oci di Venezia, è un progetto itinerante, frutto di un importante lavoro di scavo nel ricchissimo archivio della fotografa: sono esposte...

08 Novembre 2019

Joker è un film pericoloso? Ma per chi?

scritto da

        Ci sono diverse ragioni per cui Joker è un film potente di cui vale la pena parlare. E non tutte sono prettamente cinematografiche. Anzitutto, c’è da chiedersi perchè il New York Times e il Guardian, due giornali dalle vedute tendenzialmente aperte e democratiche, lo abbiano decisamente maltrattato. Per il Guardian è il film più deludente dell’anno. Per il New York Times è “senza peso e superficiale”, salvo poi attirare l’attenzione sul pericolo di emulazione che può scaturire da film come questi, in cui la separazione tra bene e male non è manichea come si vorrebbe, ma colma di...

25 Ottobre 2019

La Fotografia Etica fa 10. Grandi reportages esposti a Lodi

scritto da

  Durante il mese di ottobre Lodi ospita il Festival della Fotografia Etica, che taglia quest’anno un traguardo importante, giungendo alla sua X edizione. Questo è il quarto anno che ne parlo, da quando nel 2016 lo visitai la prima volta; in questo lasso di tempo ho potuto apprezzare la coerenza e il rigore che guidano le scelte del comitato organizzatore, il Gruppo Fotografico Progetto Immagine, che ha saputo garantire l’alta qualità dei lavori selezionati, prodotti da fotografi italiani e internazionali di riconosciuto valore, cui si affiancano giovani autori, e, elemento per certi aspetti ancor più importante, ha saputo...

07 Ottobre 2019

La Biennale di Venezia, seconda puntata. La sfida del labirinto

scritto da

    Riprendo il discorso sull’itinerario che vi sto proponendo attraverso la 58° edizione della Biennale di Venezia, diretta da Ralph Rugoff e intitolata May You Live In Interesting Times. Vi ho già raccontato le mie impressioni sulla mostra negli spazi dell’Arsenale, ora mi occuperò del Padiglione Italia e della parte ospitata nel Padiglione Centrale ai Giardini. Il curatore del Padiglione Italia, Milovan Farronato, ha scelto il titolo Né altra, né questa: la sfida del Labirinto, il cui sottotitolo è un rimando a un famoso saggio di Italo Calvino La sfida del labirinto, apparso nel 1962 nella storica rivista...

03 Ottobre 2019

L’ascesa sociale porta alla felicità? La parabola di Martin Eden

scritto da

Ci sono ricordi d'infanzia che restano impressi nella mente. Quello di Martin Eden, protagonista dell’ultimo bellissimo film di Pietro Marcello presentato a Venezia 76 e ancora nelle sale italiane, è il ricordo di un ballo con la sorella: in una scena color seppia, i due bambini sono sorridenti, affiatati e complici. Mentre i corpi danzano e incantano in un movimento a rallentatore, sentiamo affiorare una gioia. E’ una gioia che conosco bene, che ritrovo in certe immagini della mia infanzia e che parla di appartenenza. Martin in quella scena appartiene: ad un contesto culturale, ad un quartiere, ad una famiglia, ad un corpo. Il...

30 Settembre 2019

Macellaro La Franca: "La mia bacchetta per le 2500 compositrici dimenticate"

scritto da

      La grande rimozione nella musica classica porta il nome delle donne. Dimenticate, cancellate, rinnegate. E se qualcosa si muove nella direzione d’orchestra, dove una nuova grintosa generazione di musiciste si sta facendo strada sulla scena internazionale, i repertori sono inchiodati alla musica maschile: nelle grandi sale da concerto, per non parlare dei conservatori, la musica è tutta, inesorabilmente, monocolore. Ne sa qualcosa Maria Luisa Macellaro La Franca, 39 anni, palermitana, sanguigna, un passato da enfant prodige del pianoforte che gira i teatri di tutta Europa con un sogno in tasca: “Voglio...