21 Maggio 2020

Il regalo della solitudine: fermarsi per ripartire

scritto da

      Viviamo costantemente con la paura della solitudine e in una società in cui si evita ad ogni costo di ritrovarsi soli ,ecco che una pandemia scoppia all’improvviso e lascia tutti chiusi dentro quattro mura in compagnia di se stessi e del proprio Io. In questi giorni ho osservato, attraverso i social network, il comportamento dell’essere umano di fronte ad una condizione di solitudine forzata e analizzando attentamente non posso che arrivare ad una sola conclusione:”L’incontro del proprio sé spaventa la maggior parte degli individui.” Nella prima settimana di reclusione in molti si sono affannati alla...

04 Maggio 2020

Cara Alley, la didattica a distanza crea differenze incolmabili fra i bambini

scritto da

  Cara Alley, Senza le nostre relazioni non siamo niente. L’ho sempre pensato. E ora, sospesa come tutti in questa “bolla” spazio-temporale in cui l’arrivo di questo virus ci ha costretti, il pensiero è passato dalla testa alla “pancia” e mi trovo in apnea ad attendere con ansia il momento in cui potremo tornare a “uscire con”. Perché la nostra vita non tornerà come prima quando riapriranno le aziende e i bar (per quanto il rituale del caffè sia tra le abitudini quotidiane che più mi mancano), ma quando potremo uscire fuori dalle nostre case, come e con chi più ci piace e, soprattutto, alla distanza...

02 Dicembre 2019

Quelle 3 settimane in cui ho creduto di avere l’HIV

scritto da

      #1dicembre #WorldAIDSDay Il primo dicembre di quest’anno è diverso dagli altri anni, per me. Da che ho ricordo, a partire dagli speciali sul tema di MTV e quando ero educatore pari su MTS e HIV ai tempi del liceo, questa giornata è stata sempre una delle più importanti, ed ero convinto di comprenderne davvero l’importanza. Ma non era affatto così. Quest’anno mi è successa una cosa che non auguro a nessuno: test positivo ad HIV. Risultato poi falso, fortunatamente. Ma dopo 3 settimane. Ora, non amo parlare delle mie vicende strettamente personali, ma penso che possa essere utile condividere il racconto...

22 Novembre 2018

Ddl Pillon, un padre assente per 15 anni potrà chiedere di vivere con la figlia?

scritto da

    Cara Alley, Mia figlia ed io siamo sole da sempre, ma con una famiglia alle spalle come poche. LAura (il nome è di fantasia) è nata e voluta da una relazione con un ”bambino” di 4 anni meno di me: io ne avevo 24,lui 20. Decisa e cercata, forse con poca coscienza da parte di entrambi, ma sicuramente voluta. Alla nascita la bambina prende il mio cognome,  perché lui non voleva prendersi la responsabilità. Cerco per tanti anni di fargli avere un rapporto responsabile con noi, non ci riesco in nessuna maniera. Lavoravo tutto il giorno e ho portato la bambina a crescere insieme ai miei genitori (vivo questa...

16 Ottobre 2018

Bambini e mense scolastiche, lettera del sindaco di Samassi alla sindaca di Lodi

scritto da

    Pubblichiamo la lettera pubblica scritta da Enrico Pusceddu, sindaco di Salassi, alla sindaca di Lodi, che ha approvato con la.sua giunta la delibera per chiedere ai genitori di bambini stranieri le certificazioni sui redditi nei Paesi di origine per poter accedere alle agevolazioni per la.mensa scolastica. Gentile collega, mi chiamo Enrico Pusceddu e sono il Sindaco del Comune di Samassi un piccolo paese del Sud Sardegna, situato nella (ex) Provincia del Medio Campidano che ancora oggi le statistiche considerano la più povera d’Italia. Probabilmente il Comune che ho l’onore di amministrare non ha nulla a che...

08 Ottobre 2018

"Ecco perché, da calabrese, sono orgogliosa di Mimmo Lucano"

scritto da

        Sono nata in Calabria 26 anni fa. Come tanti miei coetanei e come molti hanno fatto prima di me, sono partita da casa mia per inseguire un sogno e oggi vivo a Roma. La Capitale è un continuo susseguirsi di incontri e opportunità ma nonostante questo - ogni volta che torno a casa - riprendere il treno che mi porta lontano e mi fa raggiungere la mia nuova quotidianità è straziante. Perchè io la mia terra la amo, con tutta me stessa. La mia famiglia, le mie radici, il mio mare, ogni angolo di casa mi riempie gli occhi e il cuore di meraviglia e poesia. Quando si parla della Calabria generalmente si ricordano...

01 Ottobre 2018

Ddl Pillon: le donne non tornerano indietro, faranno scelte diverse

scritto da

        Non fate figli, non divorziate, ma anche non sposatevi, non smettete di lavorare, non sceglietevi mariti e mogli con stipendi più alti o più bassi dei vostri. La società potrebbe cambiare in fretta e probabilmente non accadrà quello che auspica chi ha scritto il disegno di legge 753 (ndr, cosiddetto Pillon), che vorrebbe una famiglia unita nel bene, e purtroppo, anche nel male. Sì, nel male, perché di questo si tratta: conquiste di generazioni di donne vissute nel secolo scorso, che saranno messe a rischio. Io le ho viste le famiglie unite del secolo scorso: fatte di madri e mogli che non potevano...

26 Settembre 2018

Da mamma non posso misurare il merito solo con il mio lavoro

scritto da

    Qualche giorno fa, mentre attendevo il mio turno incolonnata in auto, di ritorno dal lavoro, mi sono ritrovata ad ascoltare un'intervista di Sebastiano Barisoni a Paolo Crepet. L'argomento era incentrato sui figli, la scuola, l'educazione, la dedizione ed il sacrificio, il merito e l'elite. La sera, dopo aver sistemato la casa, preparato la colazione ed il pranzo per l'indomani ed aver messo a letto la bimba, ne ho parlato a mio marito. Lui, seduto in poltrona, ed io sul divano. Ho ragionato all'educazione che avevo ricevuto da bambina ed a come i miei genitori mi abbiano insegnato il sacrificio con leggerezza, senza...

05 Settembre 2018

Narrazioni differenti, come ti scopri di fronte alla malattia

scritto da

      Lasciare una traccia di sé, nel momento in cui la vita ti porta a confrontarti con una parola imprevista, spesso negata, o a volte urlata a squarciagola. Cancro. «Ho il cancro». Spesso arriva come un boomerang, un fulmine a ciel sereno in una meravigliosa notte d’estate, altre volte dà dei chiari segnali prima del suo arrivo, un po’ come un ospite premuroso che, prima di entrare nel tuo corpo, ti avvisa che la sua villeggiatura sarà lunga. Per alcuni è la fine di un cerchio, per altri una sfida, per altri ancora un nuovo inizio. Cristina, quando ha scoperto di avere un carcinoma al seno in un pomeriggio di...

29 Agosto 2018

Papà, voglio giocare a calcio. Il nuovo sogno delle bambine

scritto da

      “Papà voglio giocare a calcio!” – mi disse sorridendo. Mentre mi guardava aveva il faccino tipico di chi ha in mente una marachella, uno scherzetto, forse aveva capito già che stava “osando”. Erano giorni che le chiedevo quale sport volesse fare, aveva quasi 9 anni e di fare nuoto non se ne parlava, di continuare a fare ginnastica artistica non ne aveva voglia, ed ora, all’improvviso, mi parlava di calcio decisa e sicura. - Ma non conosco nessuna squadra femminile, fino ad ieri parlavamo di nuoto……. Vuoi fare pallanuoto? Vuoi provare? – le risposi di getto; poi la sua dolce insistenza sfociò in...