14 Gennaio 2019

Lavoro, 246mila giovani italiani vanno all'estero, ma non è una fuga

scritto da

    Sono quasi 28mila i giovani italiani che, con una laurea in tasca, nel 2017 sono volati all'estero. A loro si aggiungono 33mila diplomati di 25 anni e più che hanno preso la stessa strada. Una scelta fatta da più di 244 mila giovani negli ultimi cinque anni. E più della metà, il 64% per l'esattezza, ha un titolo di studio medio-alto. I dati emergono dall'ultimo report Istat intitolato "Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente". Il testo specifica anche quali sono le destinazioni più richieste. Il Regno Unito, nonostante Brexit, è ancora il Paese che accoglie la maggioranza degli italiani...

14 Gennaio 2019

Lavoro, come prepararsi a quello che succederà nei prossimi 20 anni?

scritto da

    Investimenti record nel 2018 per i fondi di venture capital nelle startup che operano con l'intelligenza artificiale. Un segno che non può essere ignorato sul lavoro che verrà. Se gli investitori "qualificati", vale a dire quelli con un po' di esperienza e che studiano il mercato, hanno deciso di investire 9,3 miliardi di dollari in aziende innovative che puntano sull'intelligenza artificiale, qualcosa vorrà dire. Senza contare, poi, che gli investimenti delle aziende in robot hanno visto un nuovo record nel corso dello scorso anno. L'industria 4.0, quindi, è già qui come continuano a ripeterci gli esperti di lavoro. E...

04 Gennaio 2019

Il mio mondo inquadrato, foto di una hostess dal mondo

scritto da

    Cinzia Rossi sta andando in auto a Roma per lavoro. La raggiungo la telefono per questa intervista. Mai viste, né sentite prima, ma la conterraneità aiuta lasintonia. Cinzia Rossi da 28 anni lavora come hostess per la compagnia di bandiera italiana, gira letteralmente per il mondo, imparando le regole non scritte che ti consentono di saper stare ovunque. Da qualche anno una passione la accompagna nei suoi viaggi, quella della fotografia. Lo sguardo che rivolge ai luoghi  - ma soprattutto alle persone –  è nuovo. E non solo per la prospettiva dello scatto che avviene attraverso uno smartphone. Si posa sulle persone,...

04 Gennaio 2019

Cinque trucchi facili per apparire intelligenti in riunione

scritto da

    Pronti per il 2019? Quante riunioni avete già in agenda? Durata minima obbligata: 60 minuti. Perché invece non farle di 40, per esempio? Le riunioni di lavoro si portano dietro una serie di regole implicite che neanche il terzo millennio è riuscito a scalfire, nonostante non siano sempre sinonimo di efficienza e risultati. Unica aggiunta degli ultimi anni: più o meno palesemente la gente passa metà del tempo al cellulare o sull’ipad, con discrezione, pensando a tutt’altro (succedeva anche prima, ma richiedeva maggiore fantasia). Eppure le riunioni sono importanti: se non altro possono servire per dimostrare ai...

27 Dicembre 2018

Colloqui, cosa intendono davvero con "lei è troppo qualificato?"

scritto da

    La prima volta che ho trattato a lezione il tema della sovra-qualificazione dei laureati (Over-qualification) ho preso atto di due cose. In primo luogo ho constatato che buona parte dei frequentanti nella mia classe aveva già avuto qualche esperienza di ricerca di lavoro. In secondo luogo, ho preso atto del fatto che l’argomento della lezione risultava irritante per molti di loro. Eurostat definisce il tasso di sovra-qualificazione come la percentuale di laureati che sono abbinati a posizioni lavorative per le quali non sono richieste le competenze associate al titolo di studio. Sono dunque persone troppo qualificate...

26 Dicembre 2018

Anche i robot hanno i pregiudizi ma possono essere alleati delle donne

scritto da

La parità di genere è fondamentale per stabilire se e come cresce la società e l'economia. Garantire l'occupazione e il pieno sviluppo della metà del pool totale di talenti nel mondo influisce in modo significativo sulla crescita, la competitività e la disponibilità futura delle economie e delle imprese in tutto il mondo. Ecco perché ogni anno il Word Economic Forum pubblica il Global Gender Gap Report. Il report confronta 149 paesi nei loro progressi verso la parità di genere attraverso quattro dimensioni tematiche: partecipazione economica e opportunità, accesso all'educazione e risultati scolastici, salute e...

21 Dicembre 2018

Le startup non stanno cambiando il nostro modo di lavorare

scritto da

    L’opportunità sarebbe stata d’oro. Le startup sono innovative, giovani e risolvono i problemi del mondo (o almeno ci provano). Ma, grande opportunità persa, non stanno cambiando il nostro modo di lavorare. Nonostante siano piene di tecnologia e di Millennials – e apparentemente i Millennials sono dei fan del work-life balance – le startup sposano appieno o addirittura peggiorano alcune delle condizioni più “antiche” del mondo del lavoro, prima fra tutte quella che dice che se vuoi avere successo non puoi avere una vita. Lo dicono i loro idoli: da Elon Musk, che twitta “Nessuno ha mai cambiato il mondo...

19 Dicembre 2018

La Lombardia fa scuola sui distretti culturali

scritto da

    La domanda se l’arte e la cultura possono costituire un vero fattore di sviluppo economico non è certo nuova in un Paese seduto sopra un patrimonio di inestimabile valore, di cui troppo a lungo non ha saputo che farsene. La risposta più onesta, tuttavia, al termine dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, non è un insindacabile sì, ma piuttosto un sì a determinate condizioni. Ma quali? A rispondere sono i risultati dei dieci anni di sperimentazione del progetto Distretti Culturali, condotto da Fondazione Cariplo in co-creazione con la Regione Lombardia, le istituzioni e le organizzazioni territoriali, che si...

13 Dicembre 2018

Lavoro agile, perché è necessario nella pubblica amministrazione

scritto da

    Il lavoro agile può rappresentare una leva per l’innovazione nella Pubblica amministrazione. Per comprenderlo è necessario analizzare il contesto in cui si muovono i lavoratori e le lavoratrici del settore pubblico in Italia. La pubblica amministrazione oggi si presenta come un Giano bifronte: da un lato, ha una immagine “anziana”, rappresentata dall’elevata età media dei dipendenti, che supera ovunque i 50 anni, da forti resistenze all’innovazione, ma al contempo da un accresciuto bisogno di flessibilità in un contesto organizzativo rigido e ancorato a vecchi schemi, in termini di tempi, luoghi e processi;...

11 Dicembre 2018

Networking, sei regole per essere circondati da "quelli bravi"

scritto da

    Una delle prime regole del networking, del “fare rete”, è quella di dare prima di ricevere. E’ così che la magia della rete si accende, è così che dalle relazioni umane si ottiene il massimo del valore: quando non si è solo connessi, non ci si conosce solo superficialmente, rimanendo ognuno nelle proprie case, uffici, scrivanie, ma si vive la rete facendo qualcosa che possa essere utile anche per qualcun altro. Perché se è vero che tutti siamo mossi da una motivazione e un'esigenza personali, prima o poi il turno di quello che potrebbe avere bisogno di qualcosa, tocca a tutti, e perché è nella natura umana...