19 Maggio 2020

Questura di Venezia, le donne in polizia iniziano a fare carriera

scritto da

In quarantena l'attività dei poliziotti ha riguardato anche le liti in famiglia, oltre ai controlli in strada per far rispettare i decreti, le telefonate perché la gente voleva indicazioni su quello che si poteva fare o meno. “Abbiamo cercato di creare una situazione di sicurezza, ma non di allarme. Di solito quando al centralino arrivano chiamate di liti in famiglia andiamo a vedere” racconta ad Alley Oop Maria Lucia Lombardo, trent’anni, siciliana, di Caltanissetta, portavoce del questore di Venezia Maurizio Masciopinto dal novembre del 2019 “queste urgenze hanno la precedenza per la normativa del 'codice rosso', si...

13 Febbraio 2020

"Questo non è amore" dico alle donne vittime di violenza che vengono a fare denuncia

scritto da

    Uno dei temi che che mi preme affrontare è la violenza di genere. Penso che l'amore prima di tutto sia libertà di esprimere al 100% se stessi. Quando in una relazione ciò viene meno, si può dire che "Questo non è Amore". Ho deciso di trattare l'argomento in uno dei mie brani intitolandolo proprio così, come la campagna dell'Anticrimine della Polizia di Stato, alla quale ho partecipato in un evento organizzato dall'attuale Questore di Pavia per la prevenzione contrasto della violenza contro le donne. https://www.youtube.com/watch?v=l92_OIfoxzo Quando ho scritto il testo, ho pensato a tutte le donne vittime di...

10 Ottobre 2016

Piccole rivoluzioni: la ministra Pinotti celebra un'unione civile

scritto da

Si scrive “Unioni Civili”, ma si potrebbe tranquillamente leggere “rivoluzioni civili”. Perché quello che la legge Cirinnà sta facendo in questo Paese è una vera e propria rivoluzione culturale. Anzi, è meglio dire che sono tante piccole grandi rivoluzioni culturali. Rivoluzioni che non riguardano solo i diretti interessati, cioè i cittadini omosessuali, ma la società tutta nel suo complesso, e che fino ad un anno fa, sarebbero sembrate davvero impossibili. Chi avrebbe mai detto, ad esempio, che un ministro della difesa, anzi ministra, Roberta Pinotti, avrebbe celebrato l’unione civile tra due donne, rafforzando ancora...

25 Luglio 2016

Ecco perché se vedete inciampare qualcuno col telefonino, probabilmente è un uomo

scritto da

Quattro su cento sono inciampati alla fermata del treno. Diciotto su cento sono stati più fortunati, sono inciampati e basta. Mentre due su tre hanno preso almeno una capocciata contro un passante che andava nell'altra direzione di marcia. Ormai hanno un nome, si chiamano gli smartphone walkers, il popolo dei camminatori con gli occhi al telefonino invece che alla strada. Mentirei, se dicessi che non è capitato anche a me. Ma una cosa mi consola: la maggior parte delle volte, capita agli uomini. Lo ha stabilito un'indagine di Found!: il 58% dei distratti tecnologici sono uomini. Non donne. Sul perché i ricercatori non si...