21 Gennaio 2021

Società quotate, l'Italia al 6° posto in Europa per gender diversity

scritto da

    Sono appena il 6% le società dell’indice di borsa STOXX Europe 600 con a capo una donna e solamente in 130 (19%) è presente una donna che ricopre la funzione di amministratore delegato oppure di chief operating officer. Sono numeri che non stupiscono (purtroppo) quelli che emergono dallo studio europeo presentato da EWOB, l’associazione European Women on Boards di cui Valore D è membro, che ogni anno analizza la rappresentanza di genere nei consigli di amministrazione e nei vertici aziendali delle più grandi realtà europee. L'Indice sull'uguaglianza di genere 2020 evidenzia un progresso lento, ma costante, in...

18 Gennaio 2021

Governi europei, le donne al potere nei momenti di crisi

scritto da

      Kaja Kallas è stata nominata prima ministra dell’Estonia, e per la prima volta è una donna a guidare il governo nel Paese. Avvocata specializzata in antitrust, eurodeputata liberale, Kallas è stata anche membro dell’Alleanza Antimonopolio Europea ed è a capo del partito riformista. Figlia dell’ex premier, va a sostituire Juri Ratas, venuto a dimettersi a seguito di una bufera che ha travolto il suo gruppo politico per sospetta corruzione. Kallas va alla guida del Paese dunque in un momento complesso politicamente, oltre che per le contingenze internazionali dovute alla pandemia.  Con l’Estonia salgono a...

06 Gennaio 2021

Quote di genere, anche la Germania punta ad avere più donne nei board

scritto da

La Germania si appresta a varare una legge sulle “quota rosa” per cercare di recuperare terreno nella parità di rappresentanza negli organi di gestione delle grandi imprese. La prima economia europea, nonostante veda alla guida del governo da 15 anni una donna, la cancelliera Angela Merkel, sul fronte societario appare in ritardo rispetto ai principali partner internazionali. Così la storica avversione per le quote di genere alla fine è venuta meno. Mercoledì 6 gennaio, il governo ha presentato ai deputati tedeschi un progetto di legge che prevede di imporre la presenza di almeno una donna nei consigli di amministrazione...

16 Dicembre 2020

Lavoro, dal governo a Confindustria l'obiettivo dichiarato è la parità di genere

scritto da

        Un gap che non può più aspettare di essere colmato. La parità di genere sul lavoro non è solo una questione di uguaglianza di diritti ma è necessaria alla ripresa del Paese, dopo la crisi della pandemia. Serve una svolta, però, in tempi rapidi. Perché nella situazione attuale e senza cambi di rotta serviranno ancora 60 anni per raggiungere la piena parità e per colmare il gender gap sul mercato del lavoro e sono davvero troppi. A metterlo in evidenza è un rapporto pubblicato dall'Osservatorio mercato del Lavoro e competenze manageriali di 4.Manager. Non solo: anche l'analisi di Asvis sull'attuazione...

09 Dicembre 2020

Nasdaq, arrivano le quote di genere pena l'espulsione dal listino

scritto da

    Eppur si muove! Non è una rivoluzione, ma una lenta trasformazione quella che sta portando la diversity come valore anche nel business, oltre che nella società civile (non senza rigurgiti di nazionalismo che ci ricordano che è una maratona e non uno sprint ottenere cambiamenti culturali). In questa trasformazione, l’Europa sembra essere più avanti degli Stati Uniti in termini di politiche pubbliche, mentre gli Stati Uniti sembrano essere più avanti in termini di advocacy (supporto attivo e la promozione da parte di individui che mirano ad influenzare le politiche pubbliche) nel settore privato e grassroots...

03 Dicembre 2020

Francesca Nanni, la prima procuratrice generale di Milano

scritto da

      Per la prima volta nella storia della magistratura è una donna la nuova procuratrice generale di Milano. L'incarico - in passato ricoperto tra gli altri anche da Francesco Saverio Borrelli, "padre" del pool Mani Pulite- è stato assegnato dal plenum del Csm a Francesca Nanni, 60 anni, di origini liguri e attualmente pg a Cagliari. Si tratta della prima donna a ricoprire questo incarico, ma resta ancora lunga la strada per la parità di genere in magistratura. Le donne costituiscono la maggioranza dei giudici , ma gli incarichi direttivi in 3 casi su 4 sono in mani maschili. E tra i procuratori generali le donne sono...

15 Ottobre 2020

Premio Marisa Bellisario a Cartabia, Garofalo, Cattani, Ciccone e Branca

scritto da

    Un messaggio di ringraziamento e insieme di incoraggiamento a tutte le donne, vere eroine della pandemia: è questo il senso e il valore simbolico della 32ª edizione del Premio Marisa Bellisario “Donne che fanno la differenza” che si terrà il 15 ottobre presso gli Studi Rai Fabrizio Frizzi di Roma e andrà in onda su Rai1 il 17 ottobre. Selezionate dalla Commissione esaminatrice, presieduta da Stefano Lucchini, le vincitrici della 32ª Edizione del Premio Marisa Bellisario sono: Per l’imprenditoria, la Mela d’Oro va a Maria Laura Garofalo, amministratore delegato e azionista di controllo Garofalo Health...

23 Settembre 2020

Londra, per la prima volta le donne nei board del Ftse 350 superano il 30%

scritto da

    C'è anche chi non ha bisogno di quote obbligatorie. E' il caso della Gran Bretagna, che per la prima volta vede i consiglio di amministrazione delle prime 350 aziende del Paese avere una percentuale di donne oltre il 30%. "I dati mostrano un continuo aumento della rappresentanza delle donne nei consigli di amministrazione delle società Ftse 350. Nonostante le sfide affrontate dalle imprese attraverso la pandemia di COVID-19, la rappresentanza delle donne al vertice delle imprese è aumentata del 3,8% nell'ultimo anno" si legge nel comunicato del governo britannico. Certo la crescita della rappresentanza femminile nei...

21 Settembre 2020

Tiziana Lippiello: "Ecco come immagino la 'mia' università Ca' Foscari"

scritto da

La prima donna rettrice dell’università Ca’ Foscari di Venezia. Il primo rettore donna eletto da un’università del Veneto. Tiziana Lippiello guiderà l’ateneo veneziano per i prossimi sei anni. Sono solo 8, lei compresa, le rettrici in Italia. “Orgoglio non per me – racconta ad Alley Oop - ma per tutte le donne. Perché è il segno di un cambiamento, anche se non sono la sola in Italia. E’ un segnale forte di cambiamento sociale, di forte riconoscimento del nostro ruolo, della nostra intelligenza, delle nostre capacità. Sono contenta, so che colleghe e colleghi desideravano questo cambiamento di genere. E’...

11 Settembre 2020

Una donna ai vertici di una banca purtroppo fa ancora notizia

scritto da

        La vera svolta arriverà quando certe nomine non faranno più notizia. È questa la verità. Jane Fraser, sta facendo la storia della finanza statunitense con la sua nomina, ma è solo un passo, non è un arrivo. Basti pensare che negli Usa le donne se la giocano con gli uomini chiamati John in quanto a percentuale in posizione di ceo nell’indice Russell 3000 Index. E fino al 2015 erano più numerosi i ceo di nome John che non le ad donne. Certo il soffitto di cristallo sfondato da Fraser era di quelli spessi e duri a cadere. E certo la manager ha aperto la strada in un settore come quello finanziario in cui...