Mamma tramonta, la zitella è una frittella. Il bestiario dei libri di scuola

scritto da il 28 Febbraio 2019

0caf3bf9-ac89-4ee2-a17e-0b62db458991

“Nel tuo lavoro sono poche le donne, perché le femmine non vogliono fare le giornaliste. Vogliono fare le parrucchiere e le ballerine”.

A parlare così era mio figlio. Lo guardavo attonita e non potevo credere alle mie orecchie. Anni passati a scegliere libri, cartoni animati e storie senza stereotipi. Era lui, che a due anni aveva ricevuto da Babbo Natale la cucina giocattolo. Lui, che aveva messo il rosa con polo e camicie, lui a cui era stato insegnato che non esistono giochi da femmina e giochi da maschio. Lui, che è venuto ad ascoltare la mia intervista a Bebe Vio e che ho portato a conoscere Samantha Cristoforetti, lui che ogni sera mi metteva in mano “Storie della buonanotte per bambine ribelli” e mi diceva: “Ancora un’altra, mamma”.

– Amore, perché pensi questo?

– E quello che dicono le mie compagne quando le maestre chiedono cosa vogliamo fare da grandi.

Allora capisci la potenza di quello che c’è là fuori. A cominciare dalla scuola, con libri, storie e conversazioni di cui non conosci i contenuti, ma che ti arrivano in casa.

Negli ultimi giorni è diventata virale l’immagine del libro che attribuisce alla mamma i verbi cucinare e stirare e al papà lavorare e leggere. Mi ha stupito che abbia stupito. Chiunque ha figli e si è seduto accanto a loro a fare i compiti si è visto passare sotto il naso certi stereotipi. Io, anni fa, avevo iniziato a fare una collezione fra quelli che trovavo online e quelli che mi giravano amici e amiche. E posso dirvi che quell’esercizio non è neanche nuovo, perché esisteva già nella vecchia versione del libro. E nessuno ha pensato di toglierlo. Hanno cambiato immagini sì, ma non i verbi, come dimostrano le foto qui di seguito.

e73fdb6c-2c44-42df-82a1-0ba6c9479c6e

84de5062-2750-44fe-9be0-4efd36f29a43

Cambia il disegno e la grafica ma la mamma continua a cucinare, stirare e tramontare. Un altro fulgido esempio della visione di mamma e papà sui libri di scuola è quello della foto che ho messo in apertura. La “supermamma” si mette il rossetto, cucina i tortelli, stira le camicie, va in posta, fa la spesa, certo va anche in ufficio a lavorare e beve il tè con le amiche, ma ha sempre tempo per i figli. Il “papone” invece, mentre la mamma ha cucinato, apparecchiato e fatto sedere i figli a tavola, se ne sta davanti alla tv a sentire il telegiornale, controlla le mail e forse quando ha finito i suoi comodi va a sedersi per cenare con la famiglia. Attenzione, però: certi stereotipi non fanno male solo alle donne, perché, come in questo caso, non rendono neanche giustizia alle nuove generazioni di papà che hanno un’attenzione per i figli e la famiglia non ancora rappresentata nei libri di scuola. Restano il corpo estraneo del nucleo familiare, tutti lavoro e se stessi.

ce6532b8-95f4-4f82-a694-ccfd9fb8a2f9E la lista degli esempi è lunga. Le faccende di casa alle donne, il lavoro e il divertimento, anche quello con i figli, agli uomini. E il lavoro di cura? Quello innegabilmente alle donne, perché i figli, nell’immaginario, sono ancora di proprietà delle mamme, tanto è vero che a parlare con le maestre, anche nei libri di scuola, ci vanno le madri e non i padri. Così le donne sono soprattutto mamme e gli uomini soprattutto uomini, come nell’esercizio sotto.

acd6d402-662a-445b-bfdf-caec3221f7d8

4db117e0-d432-4d32-af19-f35d9969efa3

Perché la donna, tutto sommato, se non è mamma non ha un’identità.  Peggio ancora se non è neanche in coppia: che funzione sociale può avere? È solo una povera zitella. Solo? No, è una donna brutta che nessuno vuol sposare! Sempre secondo un altro libro per la nostra scuola elementare.

Cambiano i tempi e gli stereotipi resistono e si adattano. Naturalmente, infatti, l‘innovazione e il digitale sono affari da papà. Perché mamma è quella che ancora sogna per te un futuro da violinista, mentre papà sa che sarai un mago dei computer.

c68d8b76-c174-4e89-aa07-37193a41a97a

e16d8e02-9980-4050-891d-1465eedc55b2Perché, diciamocelo, per la tecnologia le mamme sono proprio negate anche quando si parla semplicemente dell’uso di uno smartphone. Per loro è tutta una novità, mentre i papà dominano la materia. E questo succede un po’ con tutte le professioni che hanno un profilo scientifico, come a dire: non è cosa da donne.

scuola-libro

Ma non si tratta solo di mamme e papà. Perché di stereotipi, nei libri di scuola ce n’è per tutti, a cominciare dai nonni. La nonna naturalmente cucina e fa la maglia, il nonno continua, come faceva da papà, a leggere il giornale e fumare la pipa.

This slideshow requires JavaScript.

E chi di stereotipi ferisce, di stereotipi perisce. Si potrebbe paragrafare così la sorte delle maestre. Perché se gli uomini sono svegli, simpatici, divertenti e interessanti come papà e come nonni, lo sono anche come maestri. Mentre le maestre sono quelle che se ne stanno lì a chiacchierare fra loro nell’intervallo.

de112f4b-5e4e-483e-a9f8-745157fcc49d

Dagli adulti ai bambini. Come non dare loro una visione del futuro? Un futuro assolutamente diversificato per genere e già scritto: così le bambine sono quelle destinate a pulire e i bambini quelli che dovranno fare gli eroi e salvare il mondo. Anche sulle copertine dei quadernoni (che poi vorrei conoscere un genitore che compra un quadernone con in copertina una bambina che fa le pulizie!).

quadernone

Con la scuola primaria una sequela di stereotipi invade l’immaginario dei nostri bambini anche rispetto alle loro potenzialità e a quello che “sono portati” a fare: dal fatto che da piccole le bambine giocano con le bambole e preparano la torta, mentre i bambini suonano strumenti, fanno sub e giocano su un prato. Alle prospettive per il loro futuro: alle bambine si dice: ti piace il rosa, farai la ballerina e dovrai essere bella. Ai bambini si dice sei forte, coraggioso e portato a grandi imprese. Che se poi vogliamo, anche in questo secondo caso suona un po’ come un macigno sulle spalle.

This slideshow requires JavaScript.

Il discorso sui libri di scuola, però, è ben più ampio di quello sugli stereotipi di genere. Perché poi ci sono quelli sugli immigrati, ad esempio:

immigrati

scie-chimiche

Ma non manca chi si lancia in novità scientifiche, come nel caso di questo libro della prima media.

Insomma, che dire, cari genitori, insegnanti, educatori, presidi, autori di libri, editori scolastici: forse è il caso di mettersi a tavolino e ripensare questa nostra scuola. Perché ognuno di noi si porta dentro i propri stereotipi e combatterli è dura. Ma insieme possiamo farcela.

Ultimi commenti (10)
  • Mara Tagliavini |

    Sarebbe molto utile avere l’elenco dei testi da cui sono tratte le foto! È possibile?

  • Err |

    Un appunto soltanto: l’immagine relativa alla pagina di testo su migranti/immigrati è talmente di bassa qualità che non è minimamente leggibile, si può sostituire? Grazie

  • Martino Cassinotti |

    Ma… gli stereotipi… chi li crea? Un consiglio segreto e potentissimo o la realtà? Perché lo stereotipo, così come i pregiudizi, sono strumenti cognitivi che ci permettono di interagire con la realtà complessa… il problema è quanto noi siamo in grado e disposti ad aggiornare i propri stereotipi e pregiudizi e, in ultima analisi i propri giudizi.

  • Giulia |

    Gli stereotipi ci sono, ci sono sempre stati, possiamo esprimere tutto il nostro biasimo e la condanna verso una società nella quale l’uomo continua ad occupare i posti “di potere”. Io tuttavia, da mamma di due gemelli che a 40 anni si è rimessa in gioco nel mondo del lavoro, ogni giorno spiego ai miei figli (un maschio e una femmina) che non ci sono ruoli precostituiti nella societá. Che devono trovare compagni di vita che li aiutino a realizzarsi e che lo facciano a loro volta. Un messaggio del genere, moltiplicato per ognuna di noi mamme, lascia sperare in una società prossima migliore!
    Grazie

  • Annalisa Minelli |

    io penso che se mai mio figlio dovesse portarmi a casa un libro con su giustificate le scie chimiche lo esonero io dal fare i compiti. Gli faccio una giustificazione per ridicolaggine del compito e se avessero mai qualche cosa da ridire (chiunque: maesti, presidi e bidelli) ci faccio quattro chiacchiere e li rimando dritti nel mare di ignoranza dal quale provengono.

  • Marta Caffettieri |

    Che i sussidiari delle elementari e i libri delle medie facciano schifo e siano scritti da ignoranti e incomptetenti è da anni che lo denuncio. Con tre figli a scuola ogni volta che leggo qualcosa mi vengono i brividi. Oltre agli stereotipi su uomo e donna, ci sono poi gli stereotipi sui nativi americani, sulle minoranze etniche, e riassunti sulla storia a dir poco fantasiosi. E’ uno strazio. la scuola nostra
    è da ripensare al millimetro.

  • Claudia |

    Le mie figlie hanno 27 e 21 anni. Sinceramente, non ricordo, di aver mai notato se nei loro libri delle elementari e medie degli stereotipi di genere. Forse però 15/20 anni fa c’era una sensibilità minore riguardo a questi temi. Certamente è ora di ripensare questa nostra scuola!

  • Moony Witcher |

    Non conosco l’editore che pubblica questi testi ma il problema peggiore non è solo questo, semmai è chiedersi chi li scrive, chi li compra e chi li fa leggere ai bambini a scuola. Sono testi scolastici o libri che l’insegnante sceglie di sua sponte? Infatti l’orrore è proprio la scelta. Quale insegnante nel 2019 condivide tali stereotipi? Penso nemmeno le maestre/suore lo facciano. Sì, concordo di mettersi a tavolino e creare nuovi testi che parlino chiaro ai bambini, che insegnino con intelligenza la realtà che ci circonda. Dove maschi e femmine, pur nella sacrosanta differenza biologica e spesso psicologica, siano paritari sempre! Che poi la mamma cucini e il papà aggiusti il rubinetto del lavandino, che la mamma insegni all’università e il papà faccia il muratore, che la mamma legga e il papà scriva, che la mamma stiri e il papà faccia il commesso….sono esempi assai banali. Direi che sarebbe importante puntare sull’intelligenza emotiva dei diversi sessi, sulla loro capacità di amare, educare, giocare. Io sono a disposizione, se lo ritenete. Grazie

  • Mara Katia |

    Sarebbero da modificare, ho aiutato dei bambini per i compiti del pomeriggio e comprendo il disappunto divulgato da questa persona.
    Le differenze tra le attività di uomo e donna, tra razze e diversità fisiche e mentali, se non si insegnano alle elementari, se non si portano nelle menti spugnose dei bambini nel momento in cui assorbono il buono della vita e ne traggono esempio è virtù quando mai si potrà? Perché non permettere loro di poter intraprendere la giusta educazione e i corretti stereotipi?

  • Maria Pia Ercolini |

    Riconoscere le professioni anche al femminile, come indica l’Accademia della Crusca, è un piccolo passo in avanti. “Insomma, che dire, cari genitori, insegnanti, educatori, EDUCATRICI, presidi, autori e AUTRICI di libri, EDITRICI scolasticHE: forse è il caso di mettersi a tavolino e ripensare questa nostra scuola”.