Mamma tramonta, la zitella è una frittella. Il bestiario dei libri di scuola

scritto da il 28 Febbraio 2019

0caf3bf9-ac89-4ee2-a17e-0b62db458991

“Nel tuo lavoro sono poche le donne, perché le femmine non vogliono fare le giornaliste. Vogliono fare le parrucchiere e le ballerine”.

A parlare così era mio figlio. Lo guardavo attonita e non potevo credere alle mie orecchie. Anni passati a scegliere libri, cartoni animati e storie senza stereotipi. Era lui, che a due anni aveva ricevuto da Babbo Natale la cucina giocattolo. Lui, che aveva messo il rosa con polo e camicie, lui a cui era stato insegnato che non esistono giochi da femmina e giochi da maschio. Lui, che è venuto ad ascoltare la mia intervista a Bebe Vio e che ho portato a conoscere Samantha Cristoforetti, lui che ogni sera mi metteva in mano “Storie della buonanotte per bambine ribelli” e mi diceva: “Ancora un’altra, mamma”.

– Amore, perché pensi questo?

– E quello che dicono le mie compagne quando le maestre chiedono cosa vogliamo fare da grandi.

Allora capisci la potenza di quello che c’è là fuori. A cominciare dalla scuola, con libri, storie e conversazioni di cui non conosci i contenuti, ma che ti arrivano in casa.

Negli ultimi giorni è diventata virale l’immagine del libro che attribuisce alla mamma i verbi cucinare e stirare e al papà lavorare e leggere. Mi ha stupito che abbia stupito. Chiunque ha figli e si è seduto accanto a loro a fare i compiti si è visto passare sotto il naso certi stereotipi. Io, anni fa, avevo iniziato a fare una collezione fra quelli che trovavo online e quelli che mi giravano amici e amiche. E posso dirvi che quell’esercizio non è neanche nuovo, perché esisteva già nella vecchia versione del libro. E nessuno ha pensato di toglierlo. Hanno cambiato immagini sì, ma non i verbi, come dimostrano le foto qui di seguito.

e73fdb6c-2c44-42df-82a1-0ba6c9479c6e

84de5062-2750-44fe-9be0-4efd36f29a43

Cambia il disegno e la grafica ma la mamma continua a cucinare, stirare e tramontare. Un altro fulgido esempio della visione di mamma e papà sui libri di scuola è quello della foto che ho messo in apertura. La “supermamma” si mette il rossetto, cucina i tortelli, stira le camicie, va in posta, fa la spesa, certo va anche in ufficio a lavorare e beve il tè con le amiche, ma ha sempre tempo per i figli. Il “papone” invece, mentre la mamma ha cucinato, apparecchiato e fatto sedere i figli a tavola, se ne sta davanti alla tv a sentire il telegiornale, controlla le mail e forse quando ha finito i suoi comodi va a sedersi per cenare con la famiglia. Attenzione, però: certi stereotipi non fanno male solo alle donne, perché, come in questo caso, non rendono neanche giustizia alle nuove generazioni di papà che hanno un’attenzione per i figli e la famiglia non ancora rappresentata nei libri di scuola. Restano il corpo estraneo del nucleo familiare, tutti lavoro e se stessi.

ce6532b8-95f4-4f82-a694-ccfd9fb8a2f9E la lista degli esempi è lunga. Le faccende di casa alle donne, il lavoro e il divertimento, anche quello con i figli, agli uomini. E il lavoro di cura? Quello innegabilmente alle donne, perché i figli, nell’immaginario, sono ancora di proprietà delle mamme, tanto è vero che a parlare con le maestre, anche nei libri di scuola, ci vanno le madri e non i padri. Così le donne sono soprattutto mamme e gli uomini soprattutto uomini, come nell’esercizio sotto.

acd6d402-662a-445b-bfdf-caec3221f7d8

4db117e0-d432-4d32-af19-f35d9969efa3

Perché la donna, tutto sommato, se non è mamma non ha un’identità.  Peggio ancora se non è neanche in coppia: che funzione sociale può avere? È solo una povera zitella. Solo? No, è una donna brutta che nessuno vuol sposare! Sempre secondo un altro libro per la nostra scuola elementare.

Cambiano i tempi e gli stereotipi resistono e si adattano. Naturalmente, infatti, l‘innovazione e il digitale sono affari da papà. Perché mamma è quella che ancora sogna per te un futuro da violinista, mentre papà sa che sarai un mago dei computer.

c68d8b76-c174-4e89-aa07-37193a41a97a

e16d8e02-9980-4050-891d-1465eedc55b2Perché, diciamocelo, per la tecnologia le mamme sono proprio negate anche quando si parla semplicemente dell’uso di uno smartphone. Per loro è tutta una novità, mentre i papà dominano la materia. E questo succede un po’ con tutte le professioni che hanno un profilo scientifico, come a dire: non è cosa da donne.

scuola-libro

Ma non si tratta solo di mamme e papà. Perché di stereotipi, nei libri di scuola ce n’è per tutti, a cominciare dai nonni. La nonna naturalmente cucina e fa la maglia, il nonno continua, come faceva da papà, a leggere il giornale e fumare la pipa.

This slideshow requires JavaScript.

E chi di stereotipi ferisce, di stereotipi perisce. Si potrebbe paragrafare così la sorte delle maestre. Perché se gli uomini sono svegli, simpatici, divertenti e interessanti come papà e come nonni, lo sono anche come maestri. Mentre le maestre sono quelle che se ne stanno lì a chiacchierare fra loro nell’intervallo.

de112f4b-5e4e-483e-a9f8-745157fcc49d

Dagli adulti ai bambini. Come non dare loro una visione del futuro? Un futuro assolutamente diversificato per genere e già scritto: così le bambine sono quelle destinate a pulire e i bambini quelli che dovranno fare gli eroi e salvare il mondo. Anche sulle copertine dei quadernoni (che poi vorrei conoscere un genitore che compra un quadernone con in copertina una bambina che fa le pulizie!).

quadernone

Con la scuola primaria una sequela di stereotipi invade l’immaginario dei nostri bambini anche rispetto alle loro potenzialità e a quello che “sono portati” a fare: dal fatto che da piccole le bambine giocano con le bambole e preparano la torta, mentre i bambini suonano strumenti, fanno sub e giocano su un prato. Alle prospettive per il loro futuro: alle bambine si dice: ti piace il rosa, farai la ballerina e dovrai essere bella. Ai bambini si dice sei forte, coraggioso e portato a grandi imprese. Che se poi vogliamo, anche in questo secondo caso suona un po’ come un macigno sulle spalle.

This slideshow requires JavaScript.

Il discorso sui libri di scuola, però, è ben più ampio di quello sugli stereotipi di genere. Perché poi ci sono quelli sugli immigrati, ad esempio:

immigrati

scie-chimiche

Ma non manca chi si lancia in novità scientifiche, come nel caso di questo libro della prima media.

Insomma, che dire, cari genitori, insegnanti, educatori, presidi, autori di libri, editori scolastici: forse è il caso di mettersi a tavolino e ripensare questa nostra scuola. Perché ognuno di noi si porta dentro i propri stereotipi e combatterli è dura. Ma insieme possiamo farcela.

Ultimi commenti (20)
  • Doc P1 |

    Io ci leggo una discriminazione, parallela e paritaria, anche per l’uomo. Iniziare a evidenziarla sarebbe segno di reale equilibrio. Il papà che gioca e fuma, o che tiratardi, è una descrizione che non rende merito agli uomini al pari delle donne chiuse in cucina. Così come un padre dedito solo al lavoro ed escluso dagli affetti è da contestare al pari di donne escluse dal lavoro nelle descrizioni. Continuare a denunciare solo presunte ingiustizie femminili e non di entrambi i generi non porta a nulla.

  • Maria Luigia |

    La scelta dei bimbi è ingenua e copiano la più facile e tranquilla. Fortuna è l’impegno dei maestri e genitori. Il risultato non è sotto la media.

  • Elvira Calcaterra |

    Il primo lavoro che ho fatto è stato quello di bibliotecaria presso una piccola biblioteca comunale, sono ancora traumatizzata, ora ho 61 anni, penso che la metà dei libri per bambini e ancora peggio quelli per ragazzi , per esempio quelle pseudo enciclopedie tipo ‘conoscere’ o i ‘quindici’ siano da BRUCIARE. Penso che l’ignoranza attuale sia causata anche fa questi testi che purtroppo ancora oggi vengono considerati da molte persone come contenitori di verità assolute…..

  • Valentina Patrizi |

    Per Christian: prima di commentare in modo così sgarbato (e sessista!!!), le consiglio vivamente di ripassare un po’ di grammatica italiana. I libri non imparano, insegnano!!! Chissà perché non mi stupisce che un difensore degli stereotipi di genere sia così bravo a mostrarsi in tutta la sua ignoranza!

  • Valeria |

    Gli stereotipi vengono in questo caso “inculcati” in giovani menti, che altrimenti non li avrebbero mai neppure presi in considerazione. È interessante notare come gli unici commenti indulgenti, e in qualche caso deliranti, sul tema siano proprio da parte di uomini. Io trovo questo molto triste.

  • lia |

    i libri IMPARANO ai bambini? e l’italiano a te chi lo ha imparato?

  • Martina |

    Tuttavia anche i libri vecchi “insegnano” (più o meno bene) e sicuramente non “imparano” ai bambini. Con simpatia eh! Ché mi sembra un po’ fumantino.

  • Cristiana |

    Nei negozi di giocattoli al reparto “sfruttamento minorile” troviamo un’ampia scelta tra : mini secchio e straccio…marca Vileda, così da forgiare già le menti delle piccole bimbe che saranno future donne delle pulizie, donne di casa, future donne che dovranno pulire lavare, stirare, così come sono presenti mini aspirapolvere folletto, mini tavola da stiro, mini ferro da stiro e via “disfacendo”sempre perché le piccole bimbe possano un giorno diventare grandi donne che lavano stirano puliscono e non fanno nient’altro che questo secondo lo stereotipo sociale nel quale siamo purtroppo inseriti .
    Ho minacciato qualunque zio nonno parente vicino o lontano amica amico genitore di altri bambini a fare un regalo di questo tipo a mia figlia che ha 2 anni perché sto cercando di farle capire che oltre a quello lei come ogni bimba e bimbo nel mondo possono fare quello e molto altro.
    Il problema è quando vedo mio figlio di 7 anni al quale piace ballare saltare gli suggerisco che forse potrebbe interessargli una scuola di ballo…sentirmi riprendere da qualche parente di non dirgli queste cose perché “ti pare un maschio che balla, non gli confondere le idee! Confondere cosa?
    Io credo che i confusi siano ancora le nostre generazioni e quelle precedenti che ancora insistono nel vedere il mondo com’era una volta diviso in belli e brutti diviso in maschi e femmine diviso in buoni e cattivi diviso in questo si può fare questo non si può fare perché questa è da femmine queste da maschio…siamo nel medioevo signori altro che spazio!

  • Christian |

    Fai la giornalista ma non arrivi a capire che i libri di testo delle scuole sono vecchi e vengono riciclati dagli anni 70, credo che veramente tu stessi meglio in cucina. Anche i libri di storia sono vecchi e non aggiornati, imparano ai bambini concetti ormai datati che sono anche stati superati con nuove scoperte archeologiche e quant’altro, ma di quelli nessuno si lamenta? No, perché il vostro ego è troppo più grande. E poi, questi sono altri, nuovi stereotipi, con cui cercate di scacciare altri vecchi stereotipi.

  • Manuela |

    Il problema è che quando è stato fatto notare sono insorte le associazioni di genitori cattoliche contro il “no gender”.