30 Settembre 2020

"Scusa, come faccio a diventare dislessico?"

scritto da

"Avevo otto anni quando sono stato diagnosticato come dislessico, disgrafico e gravemente discalculico. Ricordo che fu un momento importante della mia vita, perché, siccome non sapevo fare le cose come le facevano tutti i miei compagni, prima di quel giorno io ero convinto di essere stupido". Sono i famigerati DSA, i disturbi specifici dell'apprendimento, quelli di cui parla Francesco Riva nel suo monologo teatrale e nel suo secondo libro, appena uscito. Un libro ironico, allegro, che trasmette la forza nata da un'esperienza difficile, una fragilità che diventa risorsa. "Ho portato il mio monologo in tante scuole, fatto oltre...

17 Settembre 2020

Scuola, il mio corso di sopravvivenza con 4 figli dalla materna al liceo

scritto da

        Non c'è dubbio. La mia famiglia potrebbe fare da tester per il ministero dell'Istruzione. Abbiamo un figlio per ogni grado scolastico dalla scuola dell'infanzia alle superiori. E in questo inizio d'anno ho scoperto come proprio l'inizio della scuola possa essere un vero e proprio percorso formativo per imparare a pianificare ed organizzare, oltre ad essere il metodo migliore per crescere nella gestione dello stress. E dire che nella mia esperienza di consulente e formatore mi è stato chiesto più volte quale potesse essere un percorso di crescita delle persone all'interno delle aziende. Ma non avevo mai pensato...

16 Settembre 2020

Unicef, chi sono i bambini più felici al mondo?

scritto da

I bambini olandesi sono i più felici, almeno secondo l’ultimo rapporto UNICEF. Nella stessa classifica, quelli italiani occupano il 19esimo posto. Pubblicato a inizio settembre, il documento valuta la salute mentale, fisica e lo stato delle competenze accademiche e sociali dei bambini fino a 18 anni, di 41 nazioni del mondo. Certo classifiche come questa rischiano di sembrare un esercizio ingiusto, dato che confrontano situazioni spesso difficilmente paragonabili. Invece le conclusioni che permettono di trarre sono utili, si spera, per migliorare le politiche. O almeno per chiarire le situazioni esistenti. E rendersi...

16 Settembre 2020

Post lockdown, i bambini hanno retto meglio dei genitori (studio)

scritto da

    Vulnerabili, ma resilienti. Così sono stati definiti i comportamenti dei bambini del lockdown 2020 rilevati a due mesi di distanza - quando si erano ridotte le limitazioni alla vita quotidiana - da un’indagine condotta dalla Società Italiana delle Cure Primarie Pediatriche Lombardia in collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca. L’indagine, per rispondere a queste domande, e ancor prima di iniziare a ragionare sul futuro dei figli, parte dai genitori. Susanna Mantovani, pedagogista e coordinatrice scientifica dello spin off Bambini Bicocca, spiega che: “Nell'insieme i genitori ce l’hanno fatta, ma sono...

14 Settembre 2020

Scuola, quali sono le richieste delle famiglie alla riapertura?

scritto da

    “La prima A entrerà alle 6 e la quinta G alle 11, però di sera perché altrimenti si incrocerebbe con la terza D che uscirà alle 10,58. Dovrete posizionare vostro figlio di fianco al cinesino posto sul pavimento, non fate quella faccia, a questo servono i cinesini, se avete altri figli legateli al palo fuori dal cancello. Verrà fatta valutazione stato di salute, i bambini dovranno stare sull'attenti, i primi 10 che crolleranno non saranno ammessi. Se arriverete in ritardo perderete lo slot e dovrete aspettare che il varco spazio/tempo si riapra”.   «Non è la trama di un gioco a livelli, ma quasi. Dopo mesi di...

14 Settembre 2020

Scuola, nidi, cura, lavoro: basta bonus, servono politiche integrate

scritto da

    Basta con i recinti delle "politiche settoriali per le donne". Largo invece a "politiche strutturali e integrate" in tre settori, abbandonando le azioni per compartimenti stagni e cogliendo la straordinaria opportunità del Recovery Fund: l'allargamento dell'offerta sulla prima infanzia, a partire da nidi e tempo pieno, e del supporto alla cura familiare di anziani e non autosufficienti, anche con una spinta alla condivisione; il rilancio dell'occupazione femminile, pure attraverso il sostegno fiscale; l'eliminazione del gender pay gap. Nel giorno in cui gran parte dell'Italia riapre le scuole, le donne della società...

11 Settembre 2020

Dalla scuola al lavoro, come gestire la rabbia in questa ripartenza

scritto da

      In questi giorni siamo tutti un po’ nervosi e sembra che ognuno di noi abbia scelto una diversa strategia di contenimento dell’ansia, mentre la fine delle vacanze ci mette di fronte al fatto che niente sarà normale ancora per un bel po’. Serve a poco riempirci di rassicuranti definizioni come “la nuova normalità”: ci è chiaro che da questa terra di mezzo niente uscirà uguale a prima, e che comunque qui siamo destinati a restare ancora a lungo. Se questo “a lungo” avesse una data di scadenza sarebbe tutto più facile: diteci che a marzo finisce, oppure a giugno… per la mente umana qualsiasi cosa è...

09 Settembre 2020

Scuola, la sterile polemica sui camici delle maestre

scritto da

      Le maestre di Milano della scuola dell'infanzia indossano dei terribili camici bianchi di plastica. Non sono neanche quelli traspiranti, sono proprio quelli di plastica. Oltre al camice, le complicatissime norme anti-Covid prevedono per loro di indossare mascherina e visiera trasparente. "Non mi metto gli occhiali perché mi si appanna tutto e non vedo più niente", mi ha detto ridendo l'educatrice che ha accolto ieri mattina mio figlio, dopo sei mesi di assenza da scuola. Me lo ha detto ridendo, sorridendo, felice ed emozionata come emozionati ed entusiasti erano tutti i genitori, le altre educatrici, il personale...

09 Settembre 2020

Scuola: Ocse, con lockdown più disparità, Italia recuperi studenti a rischio

scritto da

    “Mi auguro che ora in Italia ci sia molta attenzione sul recupero degli studenti dopo la crisi del coronavirus, perché c’e’ il forte rischio di lasciare indietro soprattutto i ragazzi svantaggiati, con danni che possono essere di lungo termine, non solo sull’economia, ma anche sulla carriera dei singoli individui”. Giovanni Semeraro, economista dell’Ocse tra gli autori del rapporto sulla scuola pubblicato oggi dall’organizzazione, sottolinea che la chiusura delle scuole a causa della crisi sanitaria (18 settimane in Italia, uno dei periodi più lunghi tra i Paesi industrializzati), ha penalizzato soprattutto...

03 Settembre 2020

Giovani italiani più istruiti, ma resta uno svantaggio rispetto al resto d'Europa (Istat)

scritto da

    I giovani italiani sono più istruiti del resto della popolazione italiana ma resta uno svantaggio dell'Italia rispetto al resto dell'Europa sotto diversi punti di vista. Lo sottolinea l'Istat nell'audizione alla commissione Bilancio della Camera sull'utilizzo delle risorse del Recovery Fund. Nel 2019, in Italia, la quota di giovani laureati è del 27,6% a fronte del target del 40% mentre l'Unione Europea nel suo complesso e grandi paesi come la Francia e la Spagna hanno già superato il target previsto. L'Italia - sottolinea l'Istat - "resta al penultimo posto nell'Ue, sopra la Romania". Anche le prospettive...