08 Gennaio 2021

Bambini e ragazzi, cosa chiedono e come possiamo aiutarli?

scritto da

      Non è stato facile per nessuno. E ognuno ha fatto del proprio meglio. Eppure rischiamo di perdere per strada pezzi importanti in questo stato di perenne incertezza dovuto al Covid. I bambini e gli adolescenti sono quelli che corrono il maggior rischio di sperimentare solitudine, depressione e ansia, come conseguenza dell'isolamento da compagni, insegnanti e dal resto della famiglia, secondo quanto riportato dal Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry. A loro abbiamo voluto dedicare uno sguardo più attento, per capire come stanno e cosa noi adulti possiamo fare per rendere questa...

05 Gennaio 2021

Bambini e adolescenti, 2021 cruciale perché la "vita da pandemia" resti una parentesi

scritto da

Flavia, 7 anni: il suo più grande desiderio per il 2021 è che la Befana si porti via il Covid, come per magia. Tommaso, 9 anni:  anche per lui il sogno per l’anno appena iniziato è che il Covid venga sconfitto. Poi ci ripensa: "No, meglio mettersi al sicuro e chiedere che tutte le malattie vengano sconfitte...". L’anno scorso i sogni di Tommaso, Flavia, Giulia, Davide, erano ben altri e differenziati tra di loro. Ora la pandemia ha agito come una livella, rendendoli tutti partecipi delle stesse grandi paure. Il virus ha fatto tabula rasa anche della spensieratezza, dei giochi all’aperto, delle compagnie e delle feste....

16 Dicembre 2020

Diventare genitori: con la pandemia una scelta sempre più difficile

scritto da

    Facciamo meno figli, è ufficiale, lo sappiamo, ce lo dice anche l’Istat. Resta complesso capire il perché. Secondo Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istituto di statistica, sono le difficoltà economiche e sociali a frenare le famiglie, che in media desidererebbero due figli. Ai fattori di contesto vanno associate anche altre cause, perché il problema è assai più complesso di quanto la soluzione di un bonus potrebbe farci sperare. Flavia Gasperetti, nel suo saggio “Madri e no, Ragioni e percorsi di non maternità”, scrive: “Forse, ipotizzo, non dovremmo basarci solo sulle statistiche [...], forse è agli...

08 Dicembre 2020

L'odissea di una madre e la paura di perdere sua figlia

scritto da

  All'indomani della ricorrenza del 25 novembre per il contrasto alla violenza contro le donne ho ricevuto la sentenza di un procedimento civile per il riconoscimento di mia figlia che andava avanti dall'inizio del 2017. Sono rimasta incinta a luglio del 2015 in seguito a un temporaneo riavvicinamento al mio ex, con il quale avevo vissuto una storia a dir poco “turbolenta”. Cerca da subito di convincermi che la cosa migliore è abortire, pretende che sia io addirittura a desiderarlo. Mia figlia nasce ad aprile 2016. Il mio ex si fa vivo tramite messaggio a giugno e manifesta l’intenzione di riconoscere la bambina. Inizia una...

04 Dicembre 2020

Famiglia, la condivisione della cura riduce il gender gap nel lavoro

scritto da

      Con una divisione più equa dei lavori di cura nelle famiglie si ridurrebbe la diseguaglianza di genere nel mondo del lavoro. A portare alla luce questo nesso è un ampio rapporto appena pubblicato dall’Eige, l’Istituto europeo per l’eguaglianza di genere che evidenzia come in tutta l'Ue, la maggior parte del lavoro di assistenza non retribuito sia a carico delle donne, con il 92% che fornisce cure e assistenza per diversi giorni alla settimana, rispetto al 68% degli uomini. In tutta l'UE, trascorrono 90 minuti in più al giorno rispetto agli uomini occupandosi di cure non retribuite. Per l'Eige la partecipazione...

25 Novembre 2020

Buiatti: "Il mio film sulla violenza sui bambini contro l’indifferenza degli adulti"

scritto da

  1 Sentiero - Laguna-Esterno-Primissimo Pomeriggio CATERINA, undici anni e l’aria dolcemente malinconica, scappa di corsa sul sentiero che si snoda fra le barene nell’angolo di laguna pressoché abbandonata in cui vive. Il percorso è stretto; attorno vegetazione e acque basse, salmastre. CATERINA ha fretta ed è impaurita: si volta a guardarsi indietro, i capelli scompigliati e il fiatone. PADRE (off, urlando minaccioso) Caterinaaa! CATERINA ha un sobbalzo, si abbassa di scatto proteggendosi fra le tamerici e l’erba alta. Trattiene il respiro e rimane immobile, mentre gli occhi guizzano veloci…”.   Il...

25 Ottobre 2020

Il soffio magico: la mindfulness a misura di bambino

scritto da

    “La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice.” Queste parole della Montessori mi sono tornate in mente in un momento in cui non ero a scuola, durante i mesi difficili e angosciosi del lockdown. L’esperienza del “fermarsi” mi ha portato ad incrociare nel mio percorso di donna e di insegnante, la strada della consapevolezza del respiro. Prima di questo tempo sospeso, non avevo piena conoscenza del mondo che si apre dietro l’esercizio della respirazione, collegato a movimenti precisi del corpo e a pensieri che riportano la persona al...

23 Settembre 2020

Il lavoro a distanza dal punto di vista dei figli

scritto da

      Il tema del lavoro a distanza [1] può essere trattato da diversi punti di vista. I costi e i benefici di questa modalità lavorativa, contrapposta a quella in presenza, possono infatti essere valutati dal punto di vista delle imprese, dal punto di vista dei lavoratori, dal punto di vista delle famiglie e dal punto di vista della società nel suo insieme. E, da ciascun punto di vista, l’analisi dei pro e dei contro deve prendere in esame una doppia dimensione: quella del tempo (tempi di lavoro e liberi dal lavoro nella giornata e nella vita intera) e quella dello spazio (luoghi di lavoro dentro e fuori casa, e...

18 Settembre 2020

Perché scegliere di non avere figli fa ancora discutere?

scritto da

    Prima del 1978, “orologio biologico” era una locuzione che per la scienza medica stava a indicare i ritmi circadiani dell’uomo e il suo adattarsi allo scorrere del tempo, del giorno e della notte. È stato un giornalista, in un articolo di costume del Washington Post, ad appiccicare alla metafora il significato familiare a noi tutti, ovvero la presunta urgenza prettamente femminile di generare figli via via che il ticchettìo di questo orologio si farebbe più pressante e sinistro. Quando si parla di donne e maternità, i luoghi comuni non si contano, e questo è solo uno di quelli sezionati e sviscerati da Flavia...

17 Settembre 2020

Cara scuola, ne stai passando tante ma insieme possiamo farcela

scritto da

    Cara scuola, Cenerentola d’Italia, ultimo baluardo ad essere rimasto chiuso nella fase 3, durante la pandemia. Bella addormentata da marzo, dimenticata e in attesa del bacio che potesse ridestarti dal torpore nel quale eri caduta, tuo malgrado. Quanti scossoni hai dovuto subire durante la tua esistenza? Hai visto guerre, disastri naturali, carestie. Morta e risorta mille volte, come la fenice dalle sue ceneri. Hai vissuto periodi tremendamente bui, illuminati a tratti da donne e uomini che hanno creduto in te, sempre e hanno fatto dell’educazione una vera missione. Sei stata sempre come creta, modulabile, formata e...