Il cielo itinerante: le Stem in viaggio per l’Italia

scritto da il 11 Febbraio 2021

copertina-cielo-stellato

“Portare il cielo dove di solito non arriva”.

Nasce da qui l’idea dell”associazione “Il cielo itinerante”, ad opera di 5 fondatrici e voluta su iniziativa dell’astrofisica Ersilia Vaudo Scarpetta (chief diversity officer for Esae e presidente dell’associazione) e Alessia Mosca (già europarlamentare e vicepresidente). Fermarsi a guardare le stelle può accendere nuovi immaginari e scintille di futuro, ponendo nei bambini e ragazzi le basi per lo sviluppo di uno spirito critico e autonomo. E l’associazione vuole piantare semi per il futuro.

“Le competenze scientifiche e tecnologiche oggi sono l’alfabeto: così come in passato saper leggere e scrivere è stato lo strumento per l’inclusione, oggi avere una alfabetizzazione nella scienza è indispensabile per essere cittadini partecipi della vita collettiva” osserva Alessia Mosca. E ora è più importante che mai dal momento che il divario di competenze, soprattutto in matematica, sta crescendo anche a seguito delle chiusure parziali delle scuole in presenza. Questo rende particolarmente urgente la necessità di attivare e rinforzare l’interesse verso le materie Stem attraverso modalità complementari a quelle scolastiche.

telescopio-bambino“Offrire ai bambini che vengono da situazioni di disagio, la possibilità di scoprire il cielo e avvicinarli alla scienza attraverso il gioco, può mettere in atto una trasformazione profonda. – afferma Ersilia Vaudo – La voglia di proiettarsi in avanti e immaginare per sé stessi prospettive nuove. Sì, un telescopio può fare piccole magie.

Inclusione e creatività guidano la nuova associazione, che si propone di promuovere e sostenere progetti, in autonomia o con altri soggetti, che diffondano le conoscenze scientifiche matematiche e tecnologiche, specialmente tra le bambine e ragazze.

Iniziative simili sono già nate a livello internazionale. Il nome dell’associazione, infatti, trae ispirazione dal progetto The Travelling Telescope Africa, lanciato nel 2014 da Susan Murabana Oduori per promuovere l’apprendimento delle scienze tra i bambini e i ragazzi di varie scuole in Kenya attraverso l’osservazione diretta del cielo.

In Italia, invece, un primo esperimento è stato il progetto “Forcella Brilla” – campo estivo Stem organizzato nel settembre 2020 per bambini di Napoli provenienti da famiglie disagiate su iniziativa dell’Associazione “M&M – Idee per un Paese migliore” con il supporto di associazioni locali e di Space42. Un’esperienza che ha lasciato il segno e acceso la voglia di dare continuità al progetto, estendendolo nelle modalità e nella capillarità territoriale.

foto-galassia“Forcella Brilla è stata una settimana intensa – racconta Fulvio Marelli co-fondatore di Space42 – Lavorare con i bambini del quartiere, così coinvolti ed entusiasti, e vedere che nel corso dei giorni le presenze aumentavano, fino ad arrivare al tutto esaurito della giornata finale, è segno che la scienza e lo spazio siano temi capaci di coinvolgere, se divulgati in modo dinamico ed interattivo.”

È per questo che “Il cielo itinerante” si propone di sostenere e organizzare durante il periodo estivo, e in cooperazione con il terzo settore, 2 tipi di programma, lasciando però aperta la possibilità di proporre, creare, integrare altre modalità ed esperienze.
Un progetto, quindi, aperto ad ogni azienda, ente o realtà che desideri sposare la mission dell’associazione e dare il proprio contributo in termini di sponsorizzazioni, idee ed iniziative.

cielo-itineranteNel corso del 2021 saranno organizzati campi estivi Stem ”hands-on” di una settimana, come “Forcella Brilla”, ma anche un tour itinerante su pulmino con telescopio, che partirà dalla Sicilia e viaggerà verso il Nord passando in varie località caratterizzate da povertà educativa, per avvicinare i bambini/ragazzi alla scienza attraverso il grande potenziale di ispirazione dello spazio, inclusa l’osservazione delle stelle. L’associazione si occuperà inoltre di promuovere e organizzare iniziative per la diffusione della cultura scientifico matematica nelle più svariate modalità.

Da non perdere l’evento di lancio sul canale Youtube dell’associazione il 12 febbraio alle ore 12.00 durante il quale Ersilia Vaudo e Alessia Mosca, insieme a Susan Murabana di  The Travelling Telescope Africa, racconteranno l’avventura che stanno costruendo. In quell’occasione ci sarà anche l’intervento di Fulvio Marelli, che condividerà alcuni momenti dell’esperienza di “Forcella Brilla”.

“Il futuro entra in noi
molto prima che accada”
Rainer Maria Rilke

Ultimi commenti (10)
  • Massimno Mogi |

    Mi congratulo per l’iniziativa e non posso che augurarle il miglior successo. Io sono stato un divulgatore per circa 35 anni presso un prestigioso Istituto astronomico di una prestigiosa Città che se ne è sempre più disinteressata, orientandosi con decisione nella direzione contraria a quella intrapresa da voi. Per questo credo che non ci sia praticamente più spazio se non per le iniziative “dal basso”. Ho un piccolo osservatorio mio sull’Appennino nell’area di Castelnovo Monti, e dai paesi qualcuno è già venuto spontaneamente a dare un’occhiata alle stelle (di luci ne abbiamo poche). Ricordatevene se doveste capitare in zona; io vivo in Liguria ma appena possibile ci vado. Ricordatevi anche di divulgare le iniziative per la tutela del firmamento (CieloBuio e simili), prima che oltre alla dignità professionale ci facciano anche mancare fisicamente l’oggetto di studio!…

  • Mimma Colella |

    Sono un’astrofila divulgatrice del cielo stellato da decenni.
    Potrei essere disponibile all’uopo in Puglia.

  • Alessandra |

    Potetemettervi in contatto con noi, o darci modo di contattarci??

  • Alessandra |

    Saremmo contentissimi di preparare / coordinare qlcosa con la vostra iniziativa. Abbinata alle nostre , cosmologica floricola agricola realizzate insieme ad una ricerca biologica in due parki a Firenzr , in toscana. Castello dell Acciaiolo a Scandicci e a Mensola Settignano.
    Abbiamo con il patrocinio di Consorzio di Bonifica. Regione Toscana, Italia Nostra, accademia dei Fisiocritici ed altri partners sensibili e interessati, realizzato due parchi floricoli con sperimentazionebiologica, ⁹200 mila tulipani e narcisi in 60 varietà rare interpretati con cura verso i luoghi, la storia per lo sviluppo di una Genetica ed una solidarietà umana.
    Orientamento romano ed etrusco , nella preparazione dell impianto e accenni cosmologico, elementi e stagioni indicate da costellazione edin questo caso equinozio di primavera.

    Saremmo felicissimi di parlarne.
    Con noi collaborano CNE e Crea.
    Siamo affascinati dalla vostra iniziativa visto che era nei nostri piani fare escursioni osservazioni “celesti”
    Grazie
    Alessandra Benati
    349 4263935

  • bruna gasparini |

    sarei interessata grazie bruna

  • bruna gasparini |

    buongiorno sarei interessata grazie bruna

  • Paola viero |

    Ersilia è un’idea bellissima che permette a tutti i bambini e bambine di sognare e volare offrendo loro il cielo!! Moltiplica questa idea e progetto anche in altre città italiane cominciando dalle periferie di Roma che sono tante, estese e grandi!!!

  • Paola viero |

    Coinvolgiamo i bambini non abbienti e i figli di emigrati della periferia romana! Sono tanti e rischiano l’esclusione scolastica univo strumento di ascensore sociale e di inclusione!!!

  • Carlo |

    Bravissime/i un’iniziativa stellare.
    Carlo

  • Michele Del Prete |

    Ottima iniziativa diffondere l’amore per la Scienza, in specie tra Donne e Ragazze