12 Marzo 2019

EasyJet: vogliamo il 20% di piloti donne entro il 2020

scritto da

        «Parlare ai passeggeri mi piace, è bello fare annunci. È un momento molto atteso da loro, ma anche da me». Carlotta Galaffi, comandante easyJet, è in procinto di partire per l’aeroporto di Gatwick a Londra, “un classico” tra le destinazioni, e confida questo sentimento. La sua professione non nasce da una vocazione d’infanzia, quanto piuttosto da una scoperta e da una consapevolezza acquisite in età adulta. Oggi lavora per la compagnia britannica che nel 2015 puntava a raddoppiare la percentuale di piloti donne sul totale dei piloti assunti ogni anno, portandola dal 6% al 12%. L’anno successivo...

06 Febbraio 2019

Quindici anni di Winx, il femminismo spiegato alle bambine

scritto da

    Era il 28 gennaio del 2004 quando venne trasmessa la prima puntata del Winx Club. Allora la scena dell’intrattenimento per bambini era ancora polarizzato fra riduzioni televisive dei manga, più o meno storici, e classici europei e americani del passato. Il Winx Club piombò nell'immaginario delle bambine come una bomba. Raccontava - e racconta - le peripezie di sei giovani fate, studentesse impegnate a salvare il mondo. Semplice, ma non così tanto. L'ideazione e la produzione era tutta italiana, capeggiata dal talento di Iginio Straffi, uno che per potenza espressiva ha ormai un posto nel pantheon dei grandi...

28 Novembre 2018

State crescendo vostro figlio come un "maschio tossico"?

scritto da

      Fatherly è un news brand statunitense che si occupa di nuova genitorialità. Può piacere oppure no: Ma non gli si può non riconoscere la capacità di individuare tendenze e incidere sull'opinione del suo pubblico di riferimento, che naturalmente è di uomini con figli. Da qualche mese a questa parte gran parte dello sforzo redazionale è concentrato nel racconto di nuove mascolinità. Ma soprattutto nella denuncia della toxic masculinity, la mascolinità tossica, che poi non è altro che violenza - fisica, emotiva, verbale - per ottenere il dominio del singolo - o più spesso del branco - sull'estraneo che sia di...

02 Novembre 2018

Mariagrazia Andriani, l'infanzia come vorremmo che fosse

scritto da

"E' assurdo e inconcepibile pensare che a 5-6 ore di aereo dall'Italia ci siano realtà così. Le comunicazioni sono immediate da una parte all'altra del mondo, globalizziamo tutto, ormai. Ma non gli ospedali". Mariagrazia Andriani è una chirurga pediatra. Ha una voce calma, il tono pacato. Dopo 35 anni di lavoro nell'Ospedale di Pescara, la pensione per lei ha significato iniziare una nuova vita tra il Sudan, l'Etiopia, la Tanzania e Haiti, paesi in cui c'è un chirurgo pediatra ogni 1.600.000 abitanti, mentre da noi il rapporto è di 1 ogni 50mila abitanti, per dare un'idea. "Quando operiamo in missione - ci racconta - arrivano...

18 Ottobre 2018

"Non meno che perfetti": quando il perfezionismo rende i bambini infelici

scritto da

Elena è un bambina di otto anni, bravissima a scuola. Tuttavia, racconta la mamma, fin da quando è piccola se non riesce subito in qualcosa si innervosisce moltissimo: se un calcolo non torna, una frase non è scritta bene o se qualcosa le sembra imperfetto, strappa, cancella e ricomincia da capo. Passa un tempo infinito a guardare e riguardare quello che ha scritto, attenta ai minimi dettagli, con atteggiamento dubbioso e ostinatamente ipercritico. Quando fanno i compiti insieme, la mamma inizialmente le dice di non preoccuparsi, la incoraggia ad andare avanti, ma alla fine anche lei si arrabbia e le serate si concludono tra...

27 Settembre 2018

Chi ha paura del lupo cattivo?

scritto da

Il lupo, da sempre, è il protagonista negativo delle storie, l’animale che spaventa, che ferisce, e che addirittura può mangiare una persona intera! Utilizzato spesso come “spauracchio” per bambini o come contraltare dei buoni delle favole, in realtà è davvero così spaventoso? Ciò che non si conosce fa più paura. Allora sarebbe, forse, meglio raccontare ai piccoli chi è davvero il lupo, cosa fa, dove vive, e quanto è importante la sua presenza nel nostro ecosistema. Ci ha pensato Giuseppe Festa, col suo libro “Lupinella”, della collana EDITORIALE SCIENZA. Una storia meravigliosa, quella della lupa e della sua...

13 Settembre 2018

La valigia della maestra

scritto da

Settembre è arrivato, è tempo di fare la valigia. No, non per andare in vacanza, ma per cominciare un lungo viaggio, quello che da molti anni intraprendo alla fine dell’estate. E quando tutti tornano, io parto. Come ogni volta, mi sembra di cominciare da zero, non so come sarò, dove arriverò. Poi mi ripeto che il senso del viaggio è il cammino, non tanto la meta. E’ durante il percorso che si scoprono nuove prospettive, nuove amicizie, nuovi scorci. Mentre vai avanti, ti concentri sul presente e allora il futuro arriva quasi per magia, come un regalo inatteso. Pensi di poter programmare tutto, di avere...

02 Agosto 2018

Il tempo “perso” è davvero negativo?

scritto da

“La calma è la virtù dei forti” recita un proverbio. Fosse facile. Da quando apriamo gli occhi al mattino, il pensiero che ci accomuna è quello di perdere il meno tempo possibile. La nostra mente è da subito attraversata dalle immagini degli impegni che ci aspettano, dalle commissioni da sbrigare, dai problemi che ci troveremo inevitabilmente ad affrontare. Soprattutto nel periodo scolastico, i genitori si ritrovano a pronunciare più spesso del dovuto parole del genere: sbrigati, forza, è tardi, corriamo, non c’è tempo! Tutto vero, il tempo è tiranno, sembra non dare tregua e ci sono dei giorni e delle settimane...

26 Luglio 2018

Scuola: la classe è luogo di umanità, prima che di apprendimento

scritto da

    Insegnare è una vocazione?   Me lo domando spesso che cosa significa essere insegnante. E’ davvero una vocazione, come si dice spesso? Una sorta di “chiamata”, di missione che si compie nei confronti delle nuove generazioni? Credo, invece, che si possa definire, più che altro, una sfida, un impegno, soprattutto oggi. E’ un lavoro che può essere migliorato quotidianamente, che cambia insieme al tempo, alla società, al contesto storico. Un “mestiere” che viene plasmato, smussato dai continui cambiamenti e dalle situazioni specifiche in cui è chiamato ad operare. Essere un buon docente non vuol dire solo...

21 Giugno 2018

L'umanità può essere insegnata?

scritto da

In queste ultime due settimane, ascoltando la tv o leggendo i giornali, mi sono accorta che uno dei termini più utilizzati è stato umanità. Mi sono chiesta, allora, se davvero ne conosciamo a fondo il significato, se sappiamo ancora distinguere l’umano dall’artificiale e, soprattutto se i Millenials o i nativi digitali riescano ad attribuire un senso autentico a questa parola. La tecnologia ha senza dubbio aperto le frontiere, da una parte: tutti collegati con tutti, in ogni parte del mondo. Non esistono distanze in apparenza, né domande senza risposta. Ci si può rivolgere al proprio dispositivo o addirittura ad un...