Perché i ragazzi non studiano informatica?

scritto da il 06 Gennaio 2020

photo-of-person-typing-on-computer-keyboard-735911

La prima ragione che tiene le ragazze lontane da informatica e materie affini? I pregiudizi di genere, così radicati nella società da convincerle di non essere all’altezza di affrontare studi o carriere in tali settori. Lo rivelano i primi risultati di una ricerca promossa da Repubblica degli stagisti – che da poco ha festeggiato il decimo anniversario – e Spindox, società di consulenza e sviluppo di soluzioni It con 750 dipendenti e sedi tra Italia e Stati Uniti. Lo studio, realizzato da Ipsos, sotto la supervisione scientifica dell’Istituto Toniolo, è stato condotto su un campione di 2mila italiani tra i 20 e i 34 anni e ha voluto indagare le ragioni che frenano i giovani dallo studiare informatica, materia che invece è richiestissima dal mercato del lavoro. I motivi sono principalmente due: uno stereotipo di genere, per l’appunto, che tiene lontane le ragazze (potenzialmente quindi metà della platea) e uno scarso orientamento a scuola.

Più di un terzo del campione dice che in generale in Informatica “sono più bravi i maschi”, e una percentuale importante (anche se non maggioritaria) di chi la pensa così sono proprio le giovani donne. Nel dettaglio, alla domanda “In generale secondo te tra maschi e femmine chi è più bravo rispetto all’informatica?” poco meno del 60% ha risposto che “non c’è differenza”. Il 34,1% ha risposto che sono certamente più bravi i maschi; il 6,5% ha invece indicato le donne come “generalmente più brave” ma la percentuale di donne inclini a pensarla così si ferma al 5,7%.

Ci sono due risultati dello studio che mi hanno sorpreso, uno in senso positivo e l’altro negativo” ha raccontato Eleonora Voltolina, fondatrice e direttrice della Repubblica degli Stagisti, a Alley Oop. “La percentuale di donne del nostro campione che ha risposto confermando gli stereotipi di genere è ciò che mi ha intristita di più. E’ ancora troppo alto il numero di ragazze che si sentono meno capaci rispetto ai maschi alle prese con le competenze informatiche”.

Stando all’indagine il 26,1% considera “un dato di fatto” che le donne siano “meno portate” degli uomini a studiare informatica con un 20,8% di ragazze che abbraccia questa convinzione. E ancora, il 22,4% dei giovani è convinto che le donne non siano “adatte alle carriere in campo informatico”. “Guardando insieme questi dati si capisce che c’è tantissima strada da fare per far capire ai giovani, sia uomini sia donne, che le donne non hanno niente di meno nel loro cervello, nelle loro capacità, rispetto agli uomini e che possono diventare bravissime ingegnere, informatiche, programmatrici, analiste. Basta crederci“.

I giovani vivono immersi nella tecnologia eppure restano lontani dai suoi meccanismi di funzionamento. Tra il 2012 e il 2018 il tempo medio che i quindicenni italiani trascorrono su Internet in un giorno feriale è più che raddoppiato, passando da meno di due ore a circa quattro al giorno. Eppure spesso l’interesse non va oltre lo schermo: “penso ci sia una grande differenza tra fruire le nuove tecnologie e sentirsi capaci di ‘smanettare’. Le utilizziamo quotidianamente ma con il pregiudizio o timore che il loro funzionamento sia troppo difficile per poter essere capito e fatto proprio. In realtà prima si inizia a  imparare materie come la programmazione o la scrittura di codice, più è facile”.

La seconda ragione che spiega perché gli italiani – di entrambi i generi – non si facciano trovare pronti a cogliere le opportunità di lavoro nei settori Ict è che non c’è abbastanza informazione sugli enormi sbocchi lavorativi che offrono. Un giovane su tre, emerge dallo studio Ipsos, se avesse saputo che l’informatica era così richiesta dal mondo del lavoro, avrebbe considerato più seriamente di studiarla alle superiori o all’università.

Ogni anno infatti la richiesta di queste professioni cresce mediamente del 26%, con picchi del 90% per nuovi lavori come Business Analyst e specialisti dei Big Data. Anche i profili contrattuali e retributivi offerti sono di qualità superiore alla media. “In questo caso – spiega Voltolina – la ricerca ci ha dimostrato che c’è un problema a livello di orientamento ma se agiamo adesso con policy pubbliche e iniziative mirate per passare il messaggio in maniera più efficace nell’arco di 5-10 anni potremo veramente ridurre il mismatch tra domanda e offerta occupazionale. E questo è il risultato della ricerca che invece mi ha sorpreso in senso positivo“.

Come sottolineato da Barbara Cominelli, direttore marketing & operations di Microsoft Italia, durante l’evento Donne di Futuro organizzato da Alley Oop, la freddezza delle ragazze nei confronti delle Stem non è il frutto di incapacità femminile ma di “30 anni di marketing fatto male”. “E’ passato uno stereotipo terribile: che le donne non siano portate per la tecnologia e che i lavori tecnologici non siano cool per le ragazze“, spiegò dal palco . Nonostante i progressi significativi registrati negli ultimi decenni è necessario passare nuovi modelli femminili.

Sono da potenziare tutte quelle iniziative organizzate per rompere gli stereotipi e raccontare alle ragazze che non solo possono studiare certe materie ma che possono anche eccellere. I role model poi sono fondamentali: informatiche, matematiche fisiche in cui le ragazze possano identificarsi e immaginarsi studentesse di informatica, programmatrici o data sciences nel loro futuro”, dice Voltolina.

Perdurano stereotipi inaccettabili che allontanano le ragazze dall’informatica. Credo che le imprese del settore abbiano una forte responsabilità rispetto a questo stato di cose. Se vogliamo un’informatica davvero inclusiva, occorre che il cambiamento inizi proprio dalle nostre aziende” ha commentato Paolo Costa, co-founder e chief marketing & communications officer di Spindox a margine della ricerca. In effetti anche le aziende iniziano a dare peso alla composizione di genere dell’organico.

Gli studi sul diversity management hanno sottolineato che la mancanza di diversità di genere comporta un grande costo opportunità, sia per le singole società tecnologiche che per l’intero settore. Mentre i team con una maggiore diversità di genere, sono in media più creativi, innovativi e, in definitiva, associati a una maggiore redditività. La selezione del personale, pur essendo un buon modo per incentivare l’equilibrio tra i sessi non basta.

Nel mercato del lavoro la volontà delle aziende si scontra con le risorse effettivamente disponibili: “le donne sono solo il 20% circa degli studenti che possiedono le competenze Ict richieste. Di conseguenza nessuna azienda oggi potrebbe arrivare a una rappresentanza paritetica nell’organico” spiega la giornalista.

Questi sono solo i primi risultati della ricerca condotta da Repubblica degli stagisti e Spindox. La testata online quest’anno ha spento le dieci candeline e di questi anni la giornalista ricorda: “Lo stage è uno strumento di lavoro neutro ma può essere usato malamente. Abbiamo individuato alcune priorità rispetto a delle storture del mercato legate al suo utilizzo e abbiamo portato avanti delle battaglie”. Alcune sono state vinte, come l’abolizione della possibilità di gratuita degli stage extracurriculare, altre sono in corso: “stiamo lavorando per comprendere in questa tutela anche quelli curricolari. C’è una proposta di legge a prima firma Massimo Ungaro ma ancora non ci sono dei risultati concreti”.

Ultimi commenti (1)
  • Leonardo |

    Le donne possono essere brave informatiche al pari degli uomini, ma un informatico che lo è diventato per passione sarà sempre più bravo di uno che lo è diventato per onorare la moda della parità di genere che c’è oggigiorno…