02 Ottobre 2019

Hello, quanto è in ritardo l'Italia sull'inglese?

scritto da

      Nel mondo sono gli svedesi (secondo gli ultimi dati disponibili) quelli che, pur avendo un’altra lingua madre, meglio si esprimono, capiscono e comunicano in inglese. Hanno superato i Paesi Bassi, da anni al primo posto di una classifica dominata da nazioni del nord Europa. Le ragioni sono svariate e vanno dalla radice germanica che le accomuna – dal danese, all’islandese, al norvegese - alla necessità di farsi capire al di fuori della propria spesso limitata cerchia di concittadini. In definitiva queste nazioni contano ciascuna pochi milioni di abitanti. A ben vedere però, rispetto alle lezioni impartite sui...

02 Luglio 2019

"Voglio fare l'influencer". D'accordo, studia!

scritto da

    La prima volta che, durante un panel di professionisti, ho sentito presentare uno di questi come “Influencer”, ammetto di essere rimasta perplessa. Prima mi sono chiesta se fosse una qualifica, poi, data l’autorevolezza del panel, mi sono risposta di sì e allora mi sono dovuta chiedere da quando, cosa mi fosse sfuggito, a che punto dell’evoluzione fossi rimasta indietro. Era il 2015. In effetti ero parecchio indietro, perchè gli esperti del settore fanno risalire la rivoluzione al 2009. La leggenda vuole che sia stato quello l’anno spartiacque, il momento in cui il marketing ha cominciato a cambiare per fare...

26 Febbraio 2019

Il successo dell'incompetenza spiegato con l'effetto Dunning-Kruger

scritto da

      Cosa c’entra la chimica con la letteratura? Un giorno curiosando nella libreria di mio fratello, trovai una copia di Siddharta con una dedica: era un regalo della sua professoressa di chimica. Una frase di quella dedica mi è rimasta impressa nella mente e ci ho pensato spesso: “Leggere, si impara a scuola. Quanto ad amare leggere…” Dove si impara ad amare leggere? Come si impara l'amore per la cultura, per il sapere? Quella dello studioso è una macchietta di cui si è sempre bonariamente riso, guardandola con un misto di rispetto e di compatimento. Sui banchi di scuola abbiamo incontrato vari tipi di...

30 Maggio 2018

Maturandi, come studiare? Meglio da soli, in gruppo o online?

scritto da

    Saranno 509.307 i ragazzi e le ragazze che affronteranno tra poche settimane la prova di maturità. Studenti.it attraverso la propria pagina Facebook ha raccolto 10.347 risposte di maturandi che hanno raccontato come si stanno preparando all’esame di Stato a fine giugno. Neanche troppo a sorpresa il 61% dei futuri diplomati è sempre connesso a web e social network per scambiare il materiale didattico ma anche per condividere ansia e stress. Il 33% dei ragazzi ha risposto che nei vari gruppi c’è anche la presenza di un insegnate. Ed è questo il dato più interessante: anche i professori sono “always on” e molto...

03 Luglio 2017

Studenti con la valigia in mano: quali sono le università più cosmopolite?

scritto da

La decisione di studiare all'estero può cambiare la vita. Migliori opportunità di lavoro in futuro; sperimentare una cultura diversa; imparare una nuova lingua e nel frattempo stringere amicizie con persone da tutto il mondo. Queste sono solo alcune delle ragioni che spingono ogni anno, migliaia di studenti a scegliere di passare un anno in un paese straniero. Da quando il progetto Erasmus è nato 30 anni fa sono stati 26.331 i giovani italiani che hanno partecipato al progetto, rendendo l'Italia il quarto Paese per numero di studenti aderenti. Ma tra tutte le università straniere come scegliere quella che fa per noi? Ogni anno...

21 Settembre 2016

La Cina è la terza meta di studio al mondo, dopo Usa e Uk

scritto da

Nel mare delle possibilità universitarie, sempre più giovani stanno volgendo lo sguardo ad est. Secondo Student.com, piattaforma per studenti che permette di cercare alloggio in tutto il mondo, l'appeal delle università cinesi è in crescita. Dal 2005 il numero di studenti internazionali che sono approdati in Cina è raddoppiato. Nel 2015 quasi 400 mila studenti internazionali (397.635 per la precisione) si sono recati nel paese a studiare. Solo 10 anni fa erano 162.695. Questi studenti arrivano per buona parte dalla Corea del Sud (17%), ma seguno Stati Uniti (6%) e Tailandia (5%). Con un tasso di crescita degli arrivi del 10% di anno...

19 Agosto 2016

Quattro buoni motivi per studiare cinese

scritto da

Imparare bene una lingua non dipende solo dall'impegno che ci mettiamo o dalla bravura dell'insegnante ma potrebbe essere una questione di genetica. I ricercatori della Università di Washington hanno seguito un gruppo di studenti cinesi alle prese con un corso intensivo di inglese. Analizzando le scansioni cerebrali hanno notato che all'apprendimento della seconda lingua corrispondeva una modifica della materia bianca - una sostanza che governa le connessioni tra le diverse zone del cervello - e un gene che influenza queste trasformazioni. Quando nel 2008 mi sono lanciata nell'avventura un po' folle di imparare il cinese...