Il Lavoro Agile libera tutti: le città, le imprese e le persone

scritto da il 22 Maggio 2017

Se il lavoro sta diventando sempre più fluido e se i giovani ambiscono a ruoli complessi e trasversali, lo smart working è l’unica leva organizzativa che può far rinascere le aziende e renderle più attrattive ed inclusive. Oggi sempre più aziende adottano questa modalità di lavoro con una media di due giorni agili a settimana.

smartworking

Il lavoro agile sta liberando tutti: le città, le organizzazioni, le persone.

Libera le città dal traffico e dall’inquinamento ambientale: è stimato che ogni smart worker contribuisce a diminuire 371kg di emissioni di CO2 (secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano). Invita anche a scoprire nuovi posti per lavorare che le città possono svelare. Quest’anno il Comune di Milano ha deciso di estendere dal 22 al 26 maggio La Settimana del Lavoro Agile per invitare a sperimentare nuove modalità di lavoro mettendo a disposizione il know-how delle aziende già smart e spazi di co-working dove il lavoratore può lavorare agilmente.

smartworking2

La trasformazione tecnologica del Lavoro Agile sta liberando anche le aziende da schemi organizzativi troppo rigidi e favorendo un percorso di inclusione non solo di genere ma anche di generazioni e culture diverse che favoriscono produttività ed efficienza.

L’utilizzo di piattaforme di comunicazione che consentono riunioni da remoto permette la gestione di team internazionali dove la presenza fisica non è necessaria. E se la presenza fisica non è più un vincolo, le imprese diventano più flessibili anche nell’organizzazione dei gruppi di lavoro più efficaci e responsabilizzati. Il Lavoro Agile si sta sperimentando anche nelle aree fino a poco tempo fa ritenute “meno smart” come il retail, call center e produzione. A diventare smart è stato l’orario di lavoro reso più flessibile e scelto dalle persone stesse.

Il Lavoro Agile premia anche la cultura del merito, infatti un suo prerequisito è l’assegnazione di obiettivi chiari alle persone che saranno valutate sul raggiungimento degli stessi a prescindere dalla presenza in ufficio. Questo tipo di cultura favorisce la meritocrazia e soprattutto libera il talento di ognuno da eventuali stereotipi.

Il Lavoro Agile libera le persone perché favorisce una maggiore conciliazione e integrazione tra vita e lavoro. Quando è nato si pensava che sarebbe stato usato prevalentemente dalle donne, invece gli ultimi dati ci dicono che lo smart working lo utilizzano sia uomini che donne prevalentemente nella fascia di età 30-50 anni dove le esigenze di conciliazione sono più sentite. Il Lavoro Agile libera anche la creatività e le competenze delle persone. Infatti la contaminazione che può portare lavorare fuori dall’ufficio è stimolo per nuove idee e nuovi network da coltivare.

Infine abbiamo oggi anche una cornice normativa di riferimento. Il nuovo decreto legislativo approvato dal Parlamento in via definitiva il 10 maggio 2017 fornisce  importanti indicazioni che permettono di introdurre questa modalità di lavoro superando molte delle incertezze del passato.

Non ci sono più alibi per non essere agili.

Ultimi commenti (1)
  • EcosAgile |

    il lavoro Agile è da sempre stato il perno fondante di EcosAgile che oggi offre alle PMI e alle grandi imprese una soluzione agile e personalizzabile di gestione delle risorse umane con il software web-based in cloud Project & Timesheet, eccellenza tutta italiana dello smart working.
    https://goo.gl/7IMzmD