18 Novembre 2020

Università, essere studentesse oggi al PoliMi

scritto da

      Politecnico di Milano a due velocità. Ma solo se si parla di presenza femminile fra gli studenti. Dopo la prima edizione del 2019, anche quest'anno il Politecnico di Milano ha pubblicato il suo Bilancio di Genere. Un’istantanea dell’Ateneo rispetto alla prospettiva di genere nei percorsi di studio e di lavoro (cioè all’interno del corpo docente e tra il personale tecnico-amministrativo), ma anche un approfondimento di alcuni ambiti specifici che sono considerati strategici per la definizione di ulteriori politiche dell'istituto, vale a dire l’internazionalizzazione della componente studentesca e il...

11 Febbraio 2020

Donne e invenzioni, è ora di cambiare la narrazione

scritto da

      Recentemente mi è stato chiesto di intervenire a un evento teatrale dedicato a Hedy Lamarr, una donna bellissima e di eccezionale talento. In molti la ricordano per aver fatto girare la testa ai divi di Hollywood negli anni Quaranta, in pochi per una scoperta incredibile. A lei dobbiamo un sistema che sta alla base della tecnologia di trasmissione del segnale utilizzata nella telefonia mobile e nelle reti wireless. Quando racconti la sua storia, la gente ti guarda a metà tra lo sbalordito e il perplesso. “E chi l’avrebbe mai detto?!” si domandano in tanti. In realtà, sono molte le donne che come lei sono...

01 Febbraio 2018

Welfare che impresa: quando la startup è sociale

scritto da

  Non solo fintech e automotive. Chi l'ha detto che l'innovazione e la tecnologia facciano bene solo alle imprese del settore finanziario o automobilistico? Le startup possono nascere infatti anche in settori apparentemente meno disruptive, come per esempio il welfare. È questo il caso di Italia non profit, Jobiri, Local To You e Tripmetoo: le quattro startup vincitrici della seconda edizione di "Welfare, che impresa". Il concorso, dedicato alle stratup "sociali", promosso da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Bracco, Fondazione Golinelli, Fondazione Snam e UBI Banca con il contributo scientifico di AICCON e...

08 Novembre 2017

Dalla Lettonia alla Nuova Zelanda, chi offre più chance alle ricercatrici

scritto da

Due giorni fa, inaugurando il 155esimo anno accademico del Politecnico di Milano, il suo rettore Ferruccio Resta ha ricordato che le donne rappresentano solo un terzo dei ricercatori dell'ateneo. Milano è dunque poco più su della media mondiale: secondo i dati dell'Istituto di Statistica dell'Unesco, la quota rosa della ricerca è ferma da tempo al 29%. Ci sono però alcuni Paesi dove le donne sono riuscite non solo a fare meglio, ma addirittura a raggiungere la parità. Non sempre questi Paesi corrispondono ai più avanzati dal punto di vista dei diritti delle donne, e nemmeno lo sono dal punto di vista della ricerca tout court. Di...

20 Ottobre 2017

Scardinare le tradizioni in un mondo tutto di uomini. Conversazione con Cini Boeri

scritto da

«Il lavoro dell’architetto è un lavoro duro, non femminile. Non mi pare che lei sia adatta. Ci ripensi». È l’agosto del 1943 e l’architetto Giuseppe De Finetti tenta di dissuadere in questo modo una giovane Cini Boeri che, per fortuna, non gli diede retta, diventando così una grande professionista nel suo settore. Maria Cristina Mariani Dameno – questo il suo vero nome – nasce a Milano nel 1924, ultima di tre fratelli. «Avevo quattro anni – ricorda – quando sono entrata per la prima volta in Piazza Sant’Ambrogio, la mia piazza. Lì ho vissuto per moltissimi anni in una villetta annessa al complesso di...

22 Maggio 2017

Il Lavoro Agile libera tutti: le città, le imprese e le persone

scritto da

Se il lavoro sta diventando sempre più fluido e se i giovani ambiscono a ruoli complessi e trasversali, lo smart working è l’unica leva organizzativa che può far rinascere le aziende e renderle più attrattive ed inclusive. Oggi sempre più aziende adottano questa modalità di lavoro con una media di due giorni agili a settimana. Il lavoro agile sta liberando tutti: le città, le organizzazioni, le persone. Libera le città dal traffico e dall'inquinamento ambientale: è stimato che ogni smart worker contribuisce a diminuire 371kg di emissioni di CO2 (secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano). Invita anche a...

01 Dicembre 2016

Smart Working: tra pubblico e privato gli esempi degli apripista

scritto da

Per chi fosse ancora perplesso, i benefici generati dallo Smart Working sono indiscutibili sia per i lavoratori sia per i datori di lavoro. A dimostrarlo sono i fatti e a raccontarlo è Fiorella Crespi, direttore dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, che ha appena pubblicato i dati aggiornati. «Lo Smart Working consente alle aziende di aumentare la produttività̀ e la qualità̀ del lavoro, ridurre i costi di gestione, migliorando nel contempo la soddisfazione e il coinvolgimento dei dipendenti – dichiara -. E consente anche di valorizzare la leadership femminile, permettendo di conciliare meglio lavoro e...