25 Settembre 2019

I pendolari sono i peggiori nemici della parità

scritto da

La scuola è appena ricominciata, alzi la mano chi è già a proprio agio con i suoi ritmi e le sue richieste. Sveglia prima del solito, salti mortali per accompagnare i figli in orario. E poi via, di corsa, all’altro capo della città a lavorare. Si replica tra le 16.30 e le 18.30: autobus, treno, scuola, casa. Magari in tempo per i compiti, si spera almeno in tempo per la cena. Vita da pendolari. Ci riguarda in molti. Uomini e donne. Peccato però che per qualcuno sia il peggior ostacolo sulla via della carriera e della parità. Mi riferisco alle donne, naturalmente. E non è solo un discorso da bar, lo dice l’Ufficio...

24 Settembre 2019

Re-Generation (Y)outh, il think tank di donne under-30

scritto da

      «Siamo unite da un profondo senso di appartenenza ai principi dell’Unione Europea. Crediamo fortemente nel dialogo con le istituzioni europee e puntiamo a far emergere, ai tavoli tematici dove sederemo insieme ai decision makers, le principali best practices riguardo i nostri settori di interesse avendo chiaro l’obiettivo del report finale». Queste sono le parole di Giusy Sica, fondatrice di Re-Generation (Y)outh, un think tank di professioniste e studentesse under 30 dalla Campania e dalla Basilicata, pronunciate quando lo scorso anno sono state chiamate a rappresentare l’Italia (le uniche) all’European Youth...

04 Settembre 2019

Dove sono le donne? Appelli al nuovo governo per le pari opportunità

scritto da

      Dove sono le donne? Se lo chiedono in tante e in tanti (almeno lo speriamo) in queste concitate giornate di crisi di governo, durante le quali la compagine femminile, nei diversi schieramenti, è pressoché ridotta al lumicino, se non del tutto assente. Stride molto questo dato, alla luce di quanto normalmente accade in altri parti d’Europa (sebbene al G7 appena concluso ci sia stata solo Angela Merkel come unica rappresentante di un governo) e così si moltiplicano gli appelli perché anche la formazione del Governo Conte bis non sia l’ennesima occasione sprecata. Nella giornata di ieri la Consigliera Nazionale...

02 Settembre 2019

Donne e politica: il successo elettorale aumenta la probabilità di divorzio

scritto da

      Se si dovesse andare alle elezioni, c’è una cosa che le donne che intendono candidarsi devono sapere: in caso di successo elettorale, la loro probabilità di divorziare raddoppia (a parità di altre condizioni). Ce lo insegna una ricerca appena pubblicata sull’American Economic Review (2018) che analizza le probabilità di divorziare di uomini e donne che si candidano alla carica di sindaco o di parlamentare, in Svezia. La Svezia è una delle società più egualitarie dal punto di vista del genere. In Svezia, già da trent’anni, il tasso di istruzione delle donne ha superato quello degli uomini, e la...

30 Agosto 2019

Perché è pericoloso che metà del Paese resti sempre in panchina

scritto da

        Esiste una voce di Wikipedia che non ha l'equivalente maschile: è la “Lista delle donne capo di Stato”. Attualmente ci sono donne Capo di Stato in 27 Paesi, negli altri 169 Paesi il potere (e la responsabilità) sono in mano agli uomini, che continuano evidentemente a essere la soluzione di default. Il caso ha voluto che nella stessa settimana sulle pagine dei giornali abbiamo visto foto del G7 e del cosiddetto “tomoministri” italiano. Tutti maschi: sia qui che là, con qualche rara eccezione. Se possibile ancora più tristemente, sono state diffuse alcune foto delle mogli dei Capi di Stato del G7...

28 Agosto 2019

Master, a Udine si studia per includere le diversità

scritto da

    Ce ne accorgiamo ogni giorno, le disuguaglianze aumentano e con esse il rischio di esclusione fondato su stereotipi e pregiudizi. Non solo di genere, ma anche tra generazioni, dove balza all'occhio il divario digitale, con i costi connessi, che indeboliscono l’economia, la società e la democrazia. Non è un problema nuovo, ma ora si sta irrobustendo, sotto la spinta della grande crisi (economica, sociale e anche culturale) e dell’accelerazione tecnologica. E allora che fare? È necessario cambiare completamente punto di vista. Le diversità non possono essere negate né appiattite ma, al contrario, debbono diventare...

12 Agosto 2019

Il vantaggio economico di avere una moglie

scritto da

      Il matrimonio è una variabile importante nella spiegazione del gender pay gap perché i suoi effetti sulla carriera e sulle retribuzioni sono molto diversi per i due sessi. Ce lo dicono i numeri. Prendiamo, ad esempio, il grafico qui di seguito, che rappresenta la retribuzione in dollari degli individui per anno d’età, disaggregata per sesso e stato civile. Basta uno sguardo al grafico per constatare che gli uomini sposati hanno redditi ben più consistenti delle altre tre categorie (uomini single, donne single e donne sposate). Se la retribuzione premia la produttività, perché gli uomini sposati sono così tanto...

07 Agosto 2019

Erika, ingegnera, assunta a tempo indeterminato durante la gravidanza

scritto da

    Non dovrebbe fare notizia, lo sappiamo. Eppure in questa Italia dove lavora meno di una donna su due e con un tasso di abbandono del mondo del lavoro al 25% dopo il primo figlio, un'assunzione a tempo indeterminato in gravidanza è assolutamente una notizia. Ha ricevuto la proposta poco dopo aver comunicato in azienda di aspettare un bambino. E' successo a Erika Doveri, ventinove anni, ingegnere edile di Capannoli, in provincia di Pisa. Una storia da raccontare, perché possa essere di esempio, perché possa far dire "Si può fare". Già lo scorso anno ad AlleyOop riportammo la storia di Giovanna Vaira che durante la...

29 Luglio 2019

Gender pay gap: il rovescio della medaglia (se lei guadagna più di lui)

scritto da

    In ogni Paese del mondo le donne guadagnano in media meno degli uomini[1]. Ma quante sono le coppie in cui questo gap si rovescia, perché lei guadagna più di lui? Una recente ricerca (Martin Klesment and Jan Van Bavel 2015) studia le coppie in cui almeno uno dei partner ha un reddito, e analizza il contributo di ciascun coniuge al bilancio familiare (dati EU-SILC 2007-2011). Il contributo femminile può variare da 0 (nel caso in cui lavori solo il marito) a 100 (nel caso in cui lavori solo la moglie). Il grafico mostra come non siano poi così rari i casi in cui è il guadagno della componente femminile della coppia a...

23 Luglio 2019

Università, dal Portogallo la ricetta per la carriera delle donne

scritto da

        Le università possono aiutare le donne a diventare più brave di quanto già siano, garantendo loro una formazione di alto livello. Ma anche diventare il motore di quel cambiamento culturale che ancora manca per realizzare una vera e propria leadership al femminile. Concreta, accessibile a tutte e non solo sulla carta. Ne è convinta Isabel Capeloa Gil, rettrice dell'università Cattolica del Portogallo e prima presidente donna della Federazione Internazionale delle Università Cattoliche (Fiuc). Nei mesi scorsi la rettrice è stata in Italia per la riunione del Consiglio Scientifico dell’Avepro, l’Agenzia...