#iorestoacasa ma la natura non si ferma: ecco come osservarla

scritto da il 22 Aprile 2020

scoiattolo

Stiamo osservando come la natura sembri riappropriarsi dei suoi spazi, approfittando dell’assenza dell’uomo: pensiamo alle foto dei canali di Venezia o di come in Piazza del Campo, non calpestata da settimane, stia crescendo l’erba, o anche al canto degli uccellini che si sente più forte, come se godessero finalmente di una nuova libertà e spazio.

Questa quarantena può essere un momento importante per imparare a rispettare di più la natura ed i suoi spazi, iniziando dall’osservarla. Questo infatti è anche l’antidoto che propone WWF a questa reclusione forzata: affrontare il tema di Natura e sostenibilità, attraverso consigli, giochi, approfondimenti e webcam live su paesaggi e mondo animale. È sufficiente esplorare il sito di WWF per perdersi tra le diverse sezioni e fare esperienze diverse, pensate per adulti e per bambini.

wwfAvventure in casa e sguardi sul mondo è la sezione del sito dedicata a idee e attività da fare con i bambini in casa.  L’invito è a giocare educando al rispetto ambientale e vivendo avventure inaspettate, anche tra le mura domestiche. Ad esempio si può creare un forno solare, una fonte di energia rinnovabile direttamente in casa. Oppure giocare a trovare lo “spreco nascosto”, attraverso un decalogo delle buone pratiche quotidiane a cui fare attenzione, fino ad arrivare a costruire origami con le carte colorate per creare bellissimi pesciolini.

Ma perché non allenarsi a guardare con occhi diversi quello che ci circonda e che in questo tempo sospeso acquista un altro valore? Ad esempio, fuori dai nostri balconi e finestre o giardini, ciò che nella quotidiantità ci sembra scontato può avere tutt’altro effetto in questa quotidianità straordinaria, e nel coglierlo possiamo poi condividerlo attraverso un’app come iNATURALIST o partecipare al photo contest “Io resto a casa con #wwfurbannature”.

iNaturalist è una piattaforma che si basa sul concetto di “citizen science” vale a dire scienza dei cittadini, la scienza di tutti, che consente a chiunque di condividere le proprie osservazioni naturalistiche con ricercatori, esperti o semplicemente con altri appassionati di tutto il mondo.
Dopo essersi registrati si può caricare in piattaforma la foto di una pianta, un fiore, un uccellino o un animale e tutti gli altri utenti possono imbattersi nella nostra osservazione e suggerirci di cosa si tratta, se non lo abbiamo identificato noi, o correggerci. Ci si può trovare così in un attimo a confrontarsi con un inglese o un francese o con un vicino di quartiere, sulle meraviglie della natura. È anche questo un modo per abbattere le distanze e condividere passioni e curiosità sul mondo che ci circonda.

wwf3Ogni scatto di natura da casa, può essere una storia che vale la pena condividere: dalla coccinella e la farfalla volate sul vetro della finestra, alle varie specie di uccelli che si vedono sui tetti o si affacciano sui balconi o sui terrazzi. Per cui se vuoi partecipare al contest fotografico del WWF per queste categorie:

• Il Mio Spazio Verde (orti, piante aromatiche, giardini pensili e verticali, sono angoli perfetti da immortalare per raccontare lo spazio verde delle nostre case)
• Amici della Città (uccelli e insetti e altri animali ospiti dei nostri balconi e terrazzi, sono i benvenuti)
 Il Valore della Natura in Città (benessere e natura vanno a braccetto, quanta natura vedi dalla tua finestra?)
• Il Mio Ricordo Migliore (passeggiate in città e scoperte della natura e della biodiversità urbana che sono rimaste nei nostri occhi, nei vostri cuori)

Puoi seguire le storie sui social con l’hashtag #wwfurbannature per partecipare a questa narrazione comune di riscoperta della natura che ci circonda. Le foto più belle saranno inoltre protagoniste della mostra fotografica online che sarà allestita in occasione dell’evento nazionale Urban Nature 2020 – La Festa della Natura in città, Domenica 4 Ottobre 2020.

wwf4E se non siamo nelle condizioni di poter osservare la natura intorno a noi, ci pensano le webcam live a mostrarci la natura in diretta e ci portano in un batter di ciglia, in luoghi lontani e punti di osservazione straordinari.

Gli scenari cambiano continuamente, si può ad esempio vedere il momento del pranzo per il Martin pescatore nell’Oasi e Riserva WWF Le Cesine, in Salento. Oppure con questa webcam nascosta nel nido, si può osservare una coppia di Aquile di mare a 30 metri di altezza: siamo in Lettonia, ai margini del lago Durbe, dove in cima ad un vecchio abete i due genitori Raimis e Milda, hanno finito di ricostruire il loro nido distrutto nell’inverno da neve e vento e ora si danno il cambio per covare le 3 uova. Uno spettacolo della natura con immagini panoramiche e i rumori del vento e degli altri abitanti del bosco. Una webcam capace di immergerci completamente nell’atmosfera di questa foresta protetta, realizzata grazie al Fondo lettone per la natura.

wwf5Ma in fondo la natura si nasconde in ogni prodotto che usiamo nella vita di tutti i giorni, basta saperla riconoscere. Per questo nel sito è possibile vedere anche brevi video e articoli con suggerimenti per realizzare saponi e detergenti fatti in casa, o anche educare ed educarsi ad un’alimentazione a basso impatto ambientale.

E se vogliamo chiudere la giornata con un bell’aperitivo con tanto di viaggio ecco gli APERIVIAGGI: dalla California alle Isole Galapagos, dalla Patagonia alle terre nordiche dell’Europa, tutte le destinazioni ricche di natura selvaggia ma impossibili da raggiungere, almeno per un po’. Un percorso di immagini, racconti dei protagonisti che hanno esplorato quelle terre, letture e visite virtuali delle oasi WWF. APERIWILD è un percorso che si snoda in 15 dirette streaming che alle 19.00 andranno in onda sulle pagine Facebook di Biosfera Itinerari e di WWF Travel.

Sarebbe bello utilizzare questo tempo sospeso per educarci maggiormente al rispetto dell’ambiente e per abituarci a nuove pratiche quotidiane più sostenibili, prima che la natura stessa ce lo imponga.

Ultimi commenti (1)
  • Gerardo |

    Per favore, impegnatevi a far cambiare lo slogan:” restate a casa”; con quello più logico e funzionale :” RESTATE DISTANTI E PROTETTI”. Grazie