02 Dicembre 2019

Quelle 3 settimane in cui ho creduto di avere l’HIV

scritto da

      #1dicembre #WorldAIDSDay Il primo dicembre di quest’anno è diverso dagli altri anni, per me. Da che ho ricordo, a partire dagli speciali sul tema di MTV e quando ero educatore pari su MTS e HIV ai tempi del liceo, questa giornata è stata sempre una delle più importanti, ed ero convinto di comprenderne davvero l’importanza. Ma non era affatto così. Quest’anno mi è successa una cosa che non auguro a nessuno: test positivo ad HIV. Risultato poi falso, fortunatamente. Ma dopo 3 settimane. Ora, non amo parlare delle mie vicende strettamente personali, ma penso che possa essere utile condividere il racconto...

23 Settembre 2019

Ambra Masi (cardiologa): un imbuto formativo blocca il numero di medici in Italia

scritto da

      Da bambina voleva fare la magistrata, poi ha capito che il destino le riservava, sì, una divisa ma non si trattava di una toga da giudice. Oggi Ambra Masi, tarantina classe 1988, è specializzanda in cardiologia e vicepresidente del Segretariato italiano giovani medici (Sigm). "Un giorno - confida ad Alley Oop - interrogandomi su chi sarei stata a 50 anni mi sono vista con un camice: tra i miei pazienti nelle corsie di un ospedale. Sentivo che non sarei potuta essere altro". Oggi la dottoressa Masi si divide tra Sassari dove porta avanti la sua specializzazione, ora nel reparto pediatrico, e Oxford – la migliore...

02 Settembre 2019

Ilaria Capua: "Ragazzi, muovetevi studiate rischiate, qualcosa accadrà"

scritto da

    L’innovazione come totem, l’immobilità come tabù. Ilaria Capua, 53 anni, virologa di fama internazionale e direttore dell’One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, è tutta qui. Ha appena scritto il volume "Salute circolare - Una rivoluzione necessaria" (Egea, 2019, 118 pagine, 15 euro) in cui prova a dare una nuova e contemporanea definizione di salute e invita i ragazzi a muoversi, scoprire, rischiare, esporsi perché proprio questo dimostra la storia della scienza che lei ha raccontato nel suo libro, scritto sotto la forma felicissima dell’intervista con il giornalista e scrittore Daniele...

04 Luglio 2019

Bambini digitali: le nuove raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della Sanità

scritto da

    "I bambini sotto i cinque anni devono trascorrere meno tempo seduti a guardare gli schermi, devono dormire meglio e avere più tempo per giocare se vogliono crescere sani". È questo il messaggio lanciato dall’ Organizzazione mondiale della sanità nelle nuove linee guida sull'attività fisica, comportamento sedentario e sonno per i bambini sotto i 5 anni. Le nuove linee guida sono state elaborate da un gruppo di esperti dell'OMS che hanno valutato gli effetti sui bambini piccoli di un sonno inadeguato e del tempo trascorso seduti a guardare schermi o seduti su seggioloni e passeggini. Inoltre sono stati anche esaminati...

18 Giugno 2019

La fotografia contro una malattia rara. Storia di Claudia

scritto da

    Ha ventiquattro anni. È giovane, bella, ha lunghi capelli castani e un sorriso dolcissimo. Ha talento. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Foggia e contemporaneamente segue un corso di fotografia, la sua vera passione. Un ritratto apparentemente normale di una ragazza speciale che fa di tutto per continuare a vivere i suoi anni, con la gioia e la freschezza che le spettano in questa fase della vita. Claudia Amatruda è affetta da una malattia rara di cui non si conoscono le cause, né l’origine, ma che soprattutto è invisibile all’esterno e si fatica a credere che sia così. «Il dolore c’è ma non si vede...

11 Aprile 2019

Sostenibilità, rispetto dell’ambiente e salute: ecco le richieste di 2 milioni di europei

scritto da

  Una grande consultazione popolare per orientarsi alle prossime elezioni europee. #WeEuropeans è stata la prima iniziativa rivolta ai cittadini del vecchio continente e si è conclusa lo scorso 21 marzo. Obiettivo? Conoscere i passi concreti da compiere per reinventare l’Europa. E a quanto pare ce ne sarebbero diversi da fare, e anche in fretta, per recuperare l’immagine di un’istituzione vicina ai cittadini e alle loro esigenze. Il progetto, promosso da Make.org  (un’associazione civica europea) e CIVICO Europa (un’associazione no-profit, indipendente e transnazionale), ha visto coinvolti nei 27 stati membri 1,7...

27 Marzo 2019

Non solo ci pagano di meno, ma ci curano in ritardo

scritto da

Ci pagano di meno, lo sappiamo da tempo. Il 7% in meno,qualcuno dice il 10, a volte si parla persino del 20% meno rispetto ai nostri colleghi maschi, a parità di mansioni e anche a parità di anzianità aziendale. Occupiamo meno poltrone in parlamento, guidiamo meno aziende, e se siamo aumentate nei Cda  è grazie a una legge che ha imposto le quote rosa. Tutte cose che ci fanno indignare, tutti dati che conosciamo da un pezzo. Ma che fossimo anche curate meno bene rispetto agli uomini, questo lo sapevate? Lo dice uno studio scientifico dell’Università di Copenhagen, che ha messo sotto la lente 6,9 milioni di pazienti, che...

16 Ottobre 2018

Tumore al seno, l'87% delle donne sopravvivono ma si può fare di più

scritto da

          «La malattia mi ha insegnato che c’è un tempo per tirare il fiato. In questo momento c’è una Laura 2.0 che ha ancora più voglia di vivere, che è carica e ricca di emozioni».   Queste sono le parole di Laura Giagnoni, giovane donna che ha affrontato un tumore al seno e che ha portato la sua testimonianza alla conferenza stampa di presentazione della Breast Cancer Campaign, la campagna internazionale contro il tumore al seno, simboleggiata dal Nastro Rosa, che si tiene ogni anno a ottobre, promossa in Italia da The Estée Lauder Companies insieme ad AIRC. Torna anche quest’anno...

16 Luglio 2018

30 anni: istruzioni per l'uso

scritto da

    I 30 anni dovrebbe essere il decennio dell'assestamento. Se a 20 anni si hanno molti sogni e l'illusione di avere tutto il tempo necessario per realizzarli. A 30 i piedi tornano a terra. Ci si concentra su uno o due obiettivi e si lavora davvero per realizzarli. Si accetta che non si può fare tutto, perché ci vuole tanto sacrificio per ottenere qualcosa di speciale nella vita. Con quel numero tondo però, le 30 candeline sono una scadenza importante, anche per molti giovani che ancora stanno cercando la loro strada. Come affrontare la situazione in cui arrivati a questo punto della vita non si è dove si pensa di dovere...

13 Giugno 2018

LGBTQI e salute: quando rivolgersi a un medico può voler dire essere discriminati

scritto da

    Bullizzato e preso in giro dal chirurgo riguardo l’uso dei suoi genitali solo perchè omosessuale. La denuncia risale al gennaio del 2018 e proviene da un ragazzo napoletano che ha vissuto questa esperienza di omofobia presso l’ospedale di Cotugno, Napoli. Non si tratta purtroppo di un caso isolato. Che non tutto il personale medico e sanitario italiano sia adeguatamente formato e preparato per affrontare e rispettare i pazienti LGBTQI è un dato di fatto.  Diversi enti e associazioni, tra cui l'Agenzia per i Diritti Fondamentali dell'Unione Europea, hanno messo in luce come le persone LGBTQI, rivolgendosi a...