17 Aprile 2022

Storia, dove sono le donne? Quattro libri per trovarle, dalla preistoria al web

scritto da

"L'archeologia di genere ribalterà i codici", promette Marylène Patou-Mathis, storica francese specializzata nel comportamento dei Neanderthal. Il motivo per cui c'è bisogno di un'archeologia di genere è presto detto: "Il ruolo della donna, la sua condizione e i suoi comportamenti, così come i manufatti e l'arte preistorica, sono analizzati ricorrendo in maniera sistematica all'essenzialismo, in particolare attraverso la lente dello sguardo maschile". È quanto scrive nel suo saggio "La preistoria è donna. Una storia dell'invisibilità delle donne", tradotto da Bérénice Capatti per Giunti, pubblicato in Francia con un titolo...

11 Febbraio 2022

Donne e Stem: non possiamo disperdere i talenti femminili

scritto da

    Il gender gap nel settore scientifico rischia di tenere in scacco le donne. Perché se è vero che sarà proprio negli ambiti tecnologico-scientifici che si genererà maggiore occupazione, è altresì vero che il futuro occupazionale delle donne è strettamente correlato al loro accesso nelle aree Stem. Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Unesco, il 28% dei ricercatori in tutto il mondo è donna. Solo il 30% di tutte le studentesse sceglie i campi legati alle Stem nell’istruzione superiore. A livello globale, l’iscrizione delle studentesse è particolarmente bassa nei settori delle ICT (3%), delle scienze naturali,...

17 Gennaio 2022

Assegnati i fondi dell'European research center: molti italiani, pochi in Italia

scritto da

      Sono 397 i ricercatori e le ricercatrici premiati dall’European research center (Erc), di cui 58 di nazionalità italiana. Nell'ambito del nuovo programma di ricerca e innovazione dell'UE, Orizzonte Europa, sono stati investiti 619 milioni di euro, destinati a finanziare progetti di giovani ricercatori a inizio carriera. Le proposte selezionate per il bando Starting Grant coprono diverse discipline, dalle applicazioni mediche dell'intelligenza artificiale, alle scienze dei materiali, fino alla progettazione di un regime legale per un marketing equo degli influencer.   In media ogni ricercatore si è visto...

09 Novembre 2021

Trasformazione digitale: fissiamo degli obiettivi perché le donne non restino indietro

scritto da

    La trasformazione digitale delle aziende ha subito un forte slancio in questi ultimi due anni. Intelligenza artificiale, robotica, Internet delle Cose (IoT), stampa 3D, ingegneria genetica, computer quantistici: la tecnologia è il supporto irrinunciabile per ogni tipo di innovazione, che si tratti di innovazione di prodotto o di servizi, ma anche per migliorare le condizioni e la qualità del lavoro. Non c’è settore in cui non sia indispensabile la padronanza delle competenze digitali e questo è vero non solo per le nuove generazioni che si affacciano al mercato del lavoro. Non si può dunque pensare alla costruzione...

08 Ottobre 2021

Women in Space: dal 4 al 10 ottobre la settimana mondiale dello spazio

scritto da

Woman in space”. E' questo il tema della terza edizione della Settimana mondiale dello spazio, dal 4 al 10 ottobre, istituita su iniziativa delle Nazioni Unite per celebrare il contributo delle scienze spaziali al progresso dell’umanità. Sette giorni dedicati allo spazio e alla celebrazione delle donne e del loro ruolo nell’esplorazione e la valorizzazione del mondo extra-atmosferico. E quest'anno si è scelto un tema importante, in un momento in cui la pandemia ha visto regredire molte delle conquiste fin qui fatte per la parità di genere. Come infatti ci ha raccontato lo scorso marzo lo studio “If not now,...

01 Maggio 2018

Manuela Appendino, ingegnere biomedico e fondatrice del network WeWomEngineers

scritto da

    Lo scorso anno Lego ha creato un set che riproduce alcune donne scienziate della Nasa. Da una parte iniziative come questa suscitano clamore e interesse come delle peculiarità e ancora dobbiamo sottolineare che si tratta di scienziate, mentre la scienza tout court continua a essere appannaggio maschile, incorniciato dal dibattito squisitamente italiano sulla femminilizzazione dei nomi delle professioni. D’altro canto, però, il CNI ci fa sapere che nel 2016 le donne laureate in ingegneria sono quasi il 31% del totale, mentre solo nel 2000 la quota era del 16,6%. Un bel salto quantico. Sicuramente sono molti i fattori che...