07 Agosto 2019

Erika, ingegnera, assunta a tempo indeterminato durante la gravidanza

scritto da

    Non dovrebbe fare notizia, lo sappiamo. Eppure in questa Italia dove lavora meno di una donna su due e con un tasso di abbandono del mondo del lavoro al 25% dopo il primo figlio, un'assunzione a tempo indeterminato in gravidanza è assolutamente una notizia. Ha ricevuto la proposta poco dopo aver comunicato in azienda di aspettare un bambino. E' successo a Erika Doveri, ventinove anni, ingegnere edile di Capannoli, in provincia di Pisa. Una storia da raccontare, perché possa essere di esempio, perché possa far dire "Si può fare". Già lo scorso anno ad AlleyOop riportammo la storia di Giovanna Vaira che durante la...

26 Luglio 2019

L’estate dei genitori soli

scritto da

      Strano mese, quello di luglio. Buona parte degli adulti che lavorano, quelli che hanno la fortuna di poterselo permettere e che scelgono di farlo, mandano i bambini altrove. Al mare, in montagna, in campi estivi, con nonni, baby sitter, educatori, amici. Senza di loro. La routine scuola-ufficio-casa si spezza in un sol colpo per un intero mese, a volte anche di più. Salta la prima colazione al mattino: perché farla se non c’è una scuola da raggiungere e un bambino da nutrire? Sostituita da uno yogurt frettoloso e un caffè al bar. Salta la fretta di fare le commissioni lungo la strada: i supermercati aperti...

19 Luglio 2019

Tra moglie e marito: tre domande da copiare al mondo del lavoro

scritto da

      Capisci che un argomento sta guadagnando importanza quando una delle principali società di consulenza del mondo mette al lavoro cinque tra i suoi professionisti più senior per produrre un documento che ne parli. E’ il caso del recente report di Boston Consulting Group dal titolo “Alleggerire il carico mentale che trattiene le donne”, risultato di un’indagine fatta su 6.500 dipendenti della società in 14 Paesi, tra cui l’Italia. Gli autori risolvono già nell’introduzione eventuali dubbi sul perché occuparsi di un tema simile: Alcune aziende potrebbero obiettare che quello che succede a casa dei...

12 Luglio 2019

Il segreto della formazione perfetta, nascosto nella vita di tutti i giorni

scritto da

        "Sappiamo che oggi, e sicuramente sarà così anche nel prossimo futuro, le macchine sono abbastanza scarse nella comprensione dello stato d’animo delle persone, nell’intuire le situazioni intorno a sé, nello sviluppare relazioni di fiducia. Per questo, le competenze soft “umane” diventeranno sempre più importanti: competenze  come l’empatia, la capacità di collaborare e il pensiero creative".   Lynda Gratton, tra le massime esperte mondiali in tema di organizzazione del lavoro, da diverso tempo “batte” sul tema del reskilling della forza lavoro, in particolare nella direzione delle competenze...

01 Luglio 2019

L’Italia è il Paese europeo più analfabeta nel digitale

scritto da

          In Italia una persona su quattro non ha alcuna esperienza nell’uso del computer, e questa quota si abbassa solo di poco (da 24% a 17%) per le persone delle classi centrali di età (35-44 anni). In media, nei Paesi OECD, le percentuali sono nettamente più contenute (rispettivamente 9% e 5%), e in Svezia, Norvegia e Finlandia si azzerano, quanto meno per i più giovani. Essere al primo posto in graduatoria rappresenta un problema serio per il nostro Paese, perché le prospettive di occupazione per queste persone caleranno tanto più rapidamente quanto più scarse diventeranno le attività per le quali non...

26 Giugno 2019

Essere genitori vuol dire costruire i lavoratori del futuro?

scritto da

      Pochi giorni fa sulle pagine di Fatherly, Patrick A. Coleman ha infranto un tabù, chiedendo a se stesso e ai suoi lettori - noi genitori - se tutto questo parlare di genitorialità non fosse solo un inganno. Il titolo del suo intervento è esplicito: Modern parenting is a scam on America's middle class familiesNel suo mirino c'è un po' di tutto: le STEM e libri per i genitori, lo Stato che ama le famiglie senza sostenerle. Ci sono le imprese che vogliono la migliore manodopera di sempre senza investire un centesimo, c'è l'ansia del tempo non trascorso con i figli. Ci sono anche gli psicologi infantili, i...

14 Giugno 2019

I tre segreti dell'innovazione (che i genitori conoscono benissimo)

scritto da

    Costa circa 5mila euro e dura tre settimane intensive (48 ore d’aula e 40 ore di attività didattiche pratiche): è un esempio di corso in Creatività e innovazione offerto da una business school italiana. Le aziende ne hanno sempre più bisogno: parlando di creatività e innovazione non si riferiscono solo alla capacità di produrre idee nuove, ma anche all’abilità di gestione di un cambiamento continuo che richiede agilità mentale, propensione alla sperimentazione, abitudine all’incertezza, capacità di apprendere dagli errori e di risolvere problemi sempre nuovi e sempre più complessi. Se la lista vi è...

03 Giugno 2019

Part time: necessità o scelta di vita per le donne?

scritto da

      Una donna che lavora, è una risorsa, può raggiungere un’indipendenza economica in certi casi fondamentale per uscire da situazioni difficili. E numeri più alti di donne ai vertici delle aziende migliorano la redditività e più donne occupate portano a migliorare l’economia generale di un Paese. Frasi che si sentono ripetute da anni, eppure ancora oggi le donne sono peggio occupate, lavorano meno e, un po’ dovunque, si trovano spesso (costrette o per scelta) a preferire il part time. Parlando di percentuali il numero più alto di lavoratori impiegati per meno di 30 ore settimanali si registra nei Paesi Bassi...

31 Maggio 2019

Di chi è questo bambino? 5 buone ragioni per pretendere il congedo di paternità

scritto da

    Quanto tempo avete passato a casa quando è nato vostro figlio? Dagli anni ’70, in Italia le madri che lavorano hanno diritto a stare a casa col bambino almeno cinque mesi. Dal 2019, i padri possono (devono?) stare a casa col bambino cinque giorni. Un’intera settimana, prima di riprendere la propria routine come se nulla fosse successo. Come mai? Come mai, quando si parla di sostenibilità della famiglia, di natalità, di vita di coppia, il tema della presenza del padre nella vita dei figli è sempre così marginale? I “Padri in congedo da soli” sono l’oggetto di una recente pubblicazione scientifica: i...

24 Maggio 2019

Part time o multi time? Dallo stigma del "lavoro parziale" alla "carriera portfolio"

scritto da

      A un collaboratore intelligente, che da diversi mesi fatica a stare dietro a lavoro e vita privata, vorrei proporre il part time. Ma non so come farlo. Io lo riterrei naturale: non la richiesta di fare un passo indietro, ma la possibilità di “ridimensionare” i propri tempi in accordo con le esigenze della sua vita e del lavoro. Per vederlo più sereno e per permettergli (e permettermi) di usare meglio le sue energie, che oggi sembrano essere allo stremo. Sono convinta che un part time al 70% sarebbe una proposta sensata: potrebbe dire di no per motivi economici, ma potrebbe anche trovare un nuovo ritmo di vita,...