03 Agosto 2022

La trappola psicologica del perfezionismo

scritto da

Il perfezionismo è associato a malessere psicologico e correlato a depressione, stress e burnout. È quanto ricorda un recente articolo di The Economist. Non solo: la letteratura evidenzia infatti che è presente anche in altri tipi di patologie, come disturbi alimentari o disturbo ossessivo-compulsivo. La tendenza a non accettare alcun tipo di imperfezione si accompagna a standard di comportamento grandiosi, spesso ben al di sopra delle proprie possibilità. Si punta a un traguardo di per sé irraggiungibile e si è accompagnati da vissuti di insicurezza e dal costante timore di sbagliare. Il perfezionismo, in virtù di questa...

20 Aprile 2022

Perché il futuro è delle aziende a prova di trauma

scritto da

  Si stima che, rispettivamente, sei uomini e cinque donne su dieci subiscano almeno un trauma nella loro esistenza. E che circa il 6% della popolazione mondiale sperimenterà un disturbo da stress post-traumatico nell’arco della propria vita. Le aziende cosa stanno facendo, al riguardo? Tra le tante cose che la pandemia ci ha insegnato, c’è senz’altro il fatto che le organizzazioni non erano - e ancora non sono - preparate ad accogliere e gestire paure, emotività e alti livelli di stress. Soprattutto se questi provengono dall’esterno del proprio ambiente. Seppure, siano tutti vissuti che inevitabilmente le toccano da...

04 Marzo 2022

Lavoro, dove si nascondono i talenti? Nel buio di una cultura che ancora non c'è

scritto da

    Eliminare gli unconscious bias (stereotipi inconsci) per far emergere il talento: questa sembra essere la direzione preferita per rimuovere i recinti che ancora impediscono al mondo del lavoro di avvantaggiarsi di tutte le forze in campo. Nel parla Tomas Chamorro-Premuzic, lo psicologo autore di “Perché tanti uomini incompetenti diventano leader? (e come porvi rimedio)” in un recente articolo su Forbes, in cui fa una disamina tagliente delle cinque strategie più in uso nei cosiddetti “interventi di genere”, basandosi sulle ricerche che ne hanno valutato le premesse scientifiche e i risultati. Bocciato il “Lean...

21 Febbraio 2022

Quali sono le aziende più ambite dalle lavoratrici?

scritto da

      Sono 131 le aziende che hanno ottenuto la Certificazione Top Employers Italia 2022 e tra i tanti aspetti analizzati per la valutazione, c’è anche quello della Diversity & Inclusion (D&I). Per la quasi totalità delle imprese (il 97%) questa tema è ormai un imperativo strategico a livello organizzativo, meno invece quelle che hanno delle attività strutturate e continuative a proposito (il 76%). Massimo Begelle, regional manager Italy & Spain Top Employers Institute, ha spiegato ad Alley Oop come sta cambiando il mondo delle aziende. Perché c’è questo “gap” ? A che punto siamo in Italia sull’attuazione e...

17 Febbraio 2022

Non c’è inclusione senza salute mentale

scritto da

      Non c’è inclusione senza salute mentale. E non c’è salute mentale senza inclusione. Il rapporto tra benessere psicologico e i programmi di DE&I (Diversity, Equity, Inclusion) in azienda è indissolubile. Eppure, spesso, poco evidente. Un ambiente di lavoro in cui si sente di avere la libertà e le condizioni - di fiducia, ascolto e riconoscimento - per poter esprimersi nella propria unicità, permette infatti alle persone di stare bene. Per contro, indossare una maschera può, alla lunga, portare a malessere emotivo e insoddisfazione. La sicurezza psicologica, ossia quella condizione in cui le persone si...

31 Gennaio 2022

Che lavoro fanno i giovani che lavorano?

scritto da

    L’Italia è attualmente il Paese più anziano dell’Unione europea[1], e questa caratteristica demografica si riflette anche sull’occupazione: la quota dei giovani sul totale degli occupati nel nostro Paese è infatti la più bassa d’Europa (Figura 1). Questa già esigua quota di lavoratori con meno di 40 anni (33% contro 40% della media europea) si riduce ulteriormente se si considerano le sole professioni ad elevata specializzazione[2], allargando così il divario tra l’Italia e tutti gli altri Paesi europei (27% vs. 39%). Figura 1 – Quota di giovani (15-39) sul totale degli occupati (15 e più) – EU27 -...

17 Gennaio 2022

I tre falsi miti della psicologia in azienda

scritto da

    Da psicologa ho sempre dovuto affrontare tutta una serie di pregiudizi e stereotipi legati alla mia professione e, parallelamente, fare i conti con persone che pensavano, in virtù di non verificate doti naturali, di poter svolgere il mio lavoro per vocazione. Ma quindi puoi leggermi nella mente?”: un grande classico. Per quanto assurdo, chiunque sia laureato in psicologia se l’è sentito dire almeno una volta nella vita. Se ti racconto un sogno, me lo interpreti?” Sono psicologa del lavoro: è come chiedere a un ingegnere informatico se può progettare un ponte. Non sono mica matto.” Anche questo, un...

29 Novembre 2021

Sicurezza psicologica in azienda: ecco gli standard internazionali

scritto da

    Quante persone si sentono sicure a condividere il proprio malessere emotivo sul lavoro? La sicurezza psicologica è quel senso di tranquillità nell’esprimere idee, vissuti, preoccupazioni, senza il timore di essere zittiti, mal interpretati, non ascoltati. Da oggi, una ISO (International Organization for Standardization) la certifica. Qualche mese fa è stata pubblicata la nuova ISO 45003, che fornisce indicazioni sulla gestione della salute psicologica nei luoghi di lavoro. Lo fa in una più ampia ottica di rischio psicosociale, inserendo la salute mentale nella cornice della gestione della salute e della sicurezza e...

21 Ottobre 2021

In Italia le imprenditrici contano per il 21% del Pil

scritto da

    Il 21% del Pil italiano prodotto da aziende guidate da imprenditrici. Le imprese attive a conduzione prevalentemente femminile a fine 2020 sono 1.164.683, pari al 22,6% delle imprese totali. Queste imprese, rileva la Fondazione Leone Moressa, contribuiscono alla creazione del 21% del Valore Aggiunto nazionale, pari in termini assoluti a 308 miliardi di euro. Grazie all'istituzione di un Fondo Impresa Donna con un finanziamento iniziale di 40 milioni ai quali si aggiungeranno le risorse del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, questi numeri sono destinati a crescere. Negli ultimi quattro anni l'andamento...

08 Luglio 2021

Imprese, attività di diversity e inclusion a rischio per un'azienda su 3

scritto da

        Che la pandemia avesse colpito più duramente le donne - in termini di occupazione e sviluppo professionale - è un dato oggettivo, raccontato dai numeri e dalla loro analisi. Quello che ancora non si sa con certezza è come la crisi impatterà sulle attività di diversity & inclusion a più amplio spettro e nel prossimo futuro. Dalla ricerca realizzata dall'alleanza internazionale Ius Laboris - con la collaborazione per l’Italia dello studio Toffoletto De Luca Tamajo - in un'azienda su 3 (33%) a livello globale le iniziative a favore della diversità - di genere ma non solo - e di inclusione, hanno...