Deputate contro l’alienazione parentale. Boldrini: «Va messa al bando»

scritto da il 17 Ottobre 2019

camera

Alienazione parentale, chi è costei? Non riconosciuta come malattia mentale dalla comunità scientifica, ritenuta priva di fondamento dalla Cassazione, mai inserita in alcuna legge dello Stato, è una teoria che va però di moda da anni nei tribunali di tutta Italia. Sotto diverse denominazioni: dalla Parental alienation syndrome (Pas), ideata dallo psichiatra statunitense Richard Gardner (accusato in più occasioni di giustificare la pedofilia), al disturbo relazionale. Nella maggior parte dei casi è evocata durante le separazioni conflittuali quando un genitore accusa l’altro, quasi sempre la madre, di ostacolare la “bigenitorialità”, principio introdotto in Italia con la legge 54/2006 sull’affido condiviso. E si è rivelata una clava usata contro le donne, anche nei casi di violenza. Perché se i figli rifiutano di vedere un genitore, ecco che l’altro viene risucchiato in un vortice di consulenze tecniche d’ufficio, colloqui con gli assistenti sociali, guerre di carte bollate. Con finali spesso drammatici: madri descritte come malevole, istrioniche, colpevoli di scatenare conflitti di lealtà nei bambini. Che, per “guarire” possono essere collocati in case famiglia o affidati al genitore che non vogliono incontrare. Obiettivo: il “resettaggio”.

L’ultimo decreto choc è stato emesso la scorsa settimana dal Tribunale dei minori di Roma. E oggi alla Camera è arrivata la solidarietà delle deputate a Laura Massaro, la donna che potrebbe veder prelevato in qualunque momento suo figlio da una task force di poliziotti in borghese, assistenti sociali, pediatra, psicologo e tutrice per portarlo dal padre dove sarà collocato con l’assistenza di un operatore dei servizi sociali per 24 ore al giorno e in caso di difficoltà trasferito in una casa famiglia. È una vicenda emblematica dei tanti casi in cui donne che denunciano violenza in famiglia vengono accusate da chi doveva difenderle, spiega Veronica Giannone, deputata del Gruppo Misto e segretaria della commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, che ha voluto fortemente promuovere la conferenza stampa di martedì scorso alla Camera sul tema, presente Massaro, dedicato al “paradosso” dell’alienazione parentale su cui ha anche presentato un’interpellanza ai ministri Bonafede e Speranza. A suo avviso, l’applicazione del principio della bigenitorialità va rivisto, soprattutto nei casi in cui obblighi il minore a frequentare contro la sua volontà un genitore maltrattante o abusante.

L’ex presidente della Camera Laura Boldrini, oggi deputata Pd, è stata netta: “La Pas va messa al bando in tutte le sue formulazioni. Le associazioni sanno bene che è una pratica non scientifica diffusa grazie allo stesso vento di restaurazione che ha prodotto il Ddl Pillon e che mette le donne nella condizione di non essere credute. Una via per accanirsi proprio sulle madri, accusate di essere cattive e di fare il lavaggio del cervello, private di personalità giuridica insieme ai loro figli”. Basta casi Massaro, è anche l’auspicio della senatrice democratica Valeria Fedeli: Siamo davanti a inaccettabili, pericolosi, incoerenti ribaltamenti del principio dell’interesse primario del minore. Lucia Annibali (Italia Viva) concorda: Contro l’alienazione parentale è necessario assumere un impegno politico chiaro e netto. Troppo spesso, in violazione della Convenzione di Istanbul, viene usata per mettere in discussione la competenza genitoriale delle madri, colpevolizzando quelle che denunciano la violenza. La deputata ha ricordato la tragica vicenda di Antonella Penati, altra madre giudicata “alienante”: peccato che suo figlio Federico Barakat, 9 anni, fu ucciso dieci anni fa con 30 coltellate, durante un incontro protetto, proprio da quel padre che lo spaventava.

Il grimaldello sono proprio le consulenze tecniche d’ufficio redatte da psicologi, psicoterapeuti e psichiatri nominati dai giudici. Il Ctu deve valutare, non mediare o riconciliare, ha avvertito la senatrice dem Valeria Valente, presidente della commissione d’inchiesta sul femminicidio. “Non vorrei che su questa storia si stiano costruendo carriere di Ctu e avvocati, come se fosse uno sbocco professionale”, è il timore espresso da Alessandra Menelao, responsabile dei centri d’ascolto mobbing e stalking della Uil.

Spesso sono le stesse scuole di specializzazione a far passare per malattia qualcosa che nessun manuale nosografico riconosce. Di decreti raccapriccianti ha parlato l’avvocata Laura Terracciano, volontaria di Telefono Rosa. La Convenzione di Istanbul è totalmente ignorata, gli stessi magistrati spesso non la conoscono. Nei Tribunali dei minori le donne non vengono credute dai giudici, che smentiscono i loro colleghi penalisti. La più dura è la psicologa Bruna Rucci, Ctp dell’associazione Maison Antigone: “Quando sento dire che la Pas è un costrutto ascientifico che non deve essere usato penso che sono tutte e soltanto parole: la verità è che in tutta Italia avviene lo stesso scempio. L’alienazione entra nelle Ctu, nella testa dei giudici e in quella dei consulenti di parte. È nelle università, nell’Ordine degli psicologi, nell’Ordine dei medici. Si sono inventati una psicologia parallela, ascientifica, che serve soltanto a giustificare i violenti. E il volere dei minori, che dovrebbe essere il faro, non conta nulla”. Anche per Elisa Ercoli, presidente dell’Associazione Differenza Donna, l’alienazione parentale è stata l’invenzione patriarcale per screditare le testimonianze delle donne e dei bambini che provano a uscire dalla violenza.

Per capire come cambiare rotta Giannone intende riunire un tavolo aperto alla politica, all’associazionismo e agli esperti di settore. Anche per fare chiarezza: la questione si intreccia non sempre in maniera appropriata con quella degli affidi, salita alla ribalta delle cronache dopo Bibbiano. La deputata dem Stefania Ascari, presente alla conferenza stampa, ha depositato una proposta di legge di riforma del sistema e chiede innanzitutto dati aggiornati: Perché non abbiamo un database? Quante case famiglia ci sono in Italia? Come stanno i bambini? Quante sono le pratiche pendenti nei tribunali? Da Forza Italia anche l’ex ministra delle Pari opportunità, Mara Carfagna, sta lavorando su questo fronte. Convinta innanzitutto che occorra istituire un registro degli affidi per sapere “quante madri perdono l’affido dei figli in caso di conflitti familiari che mascherano talvolta abuso e violenza”, ma anche che è ora di stabilire per legge l’incompatibilità tra il ruolo di giudice onorario, consulente tecnico d’ufficio, operatori dei servizi sociali con qualunque tipo di legame con gli istituti di accoglienza dei minori. Intrecci, questi sì, malevoli.

Ultimi commenti (11)
  • Franco Turri |

    Facile negare l’esistenza della pratica dell’alienazione dei figli. In nome di quale violenza? Verso chi? Troppo facile per chi non la ha vista e vissuta sulla propria pelle, sostenuta da avvocati e costruita ad hoc come ricatto (e parlo sopratutto di tanti figli….). Sono sempre stato a sinistra, ma certo femminismo a volte è così cieco da non voler vedere le cose: non si tratta di violebza verso le donne, ma verso bambini. L’alienazione esiste eccome, la ho combattuta per oltre tre anni e i miei figli oggi ancora ne soffrono eccome. E viene si usata da fior di avvocati durante i procedimenti. La limitazione è non voler vedere che non è un concetto antifemminista, viene usata da madri ma anche da padri. Chi va protetto sono i figli, non le madri. Ma negarne l’esistenza e le conseguenze nefaste dell’alienazione è vergognoso, una menzogna ed una infamia verso giovani creature che nulla hanno a che fare con la separazione.

  • walter testori |

    oramai donne e avvocati sanno come difendersi dall’uomo. basta una falsa denuncia di abusi , violenze maltrattamenti e minacce. portano falsi testimoni molto ascoltati dai giudici presentano falsi certificati medici che chiaramente parlano di dolori ma senza presenza di traumi. con questi falsi una donna condanna alla prigione l’uomo e toglie a lui la possibilita di fare il padre. La reazione dell’uomo non sempre e calma, non sempre sopporta tali umiliazioni non sempre riesce a non reagire, e purtroppo se reagisce a volte si arriva al drammatico. non e vero che solo gli uomini maltrattano le donne e non e vero che gli donnicidi sono solo x fine della relazione. nella maggior parte dei casi alle spalle ci sono gli ass. sociali, grande causa della distruzione famigliare. quallo che ho scritto io lo sto passando da oltre 2 anni con tanto di prove sulla falsita della donna. ma non serve a nulla. l’uomo per il 90% dei casi viene comunque in qualke cosa condannato

  • Dario |

    È possibile plagiare un bambino? Sì.
    È possibile che la madre plagi il proprio figlio? Sì.
    È possibile far sorgere nel bambino plagiato disagi e falsi ricordi? Sì.
    È possibile che un genitore plagi il figlio affinché questi sia a disagio con l’altro genitore, o non lo sia, ma lo dica lo stesso? Sì.
    Tutto questo va impedito e puniti dalle procure e dai tribunali, perché è una mostruosità contro l’essere umano e i suoi naturali sentimenti.
    Nessuno plagi i bambini: in Italia e in tutto il mondo deve essere considerato un reato gravissimo e puniti severamente
    Siano rafforzate le leggi e inasprire le pene di chi plagia i bambini.
    I politici difendono i bambini, se ne sono capaci.

  • Emmanuelle Moors |

    Ci vorrebbe un registro delle accuse delle madri di violenze fisiche or psicologiche contro di loro, dei documenti depositati dalle madri, e delle sentenze emesse con il nome del giudice. Purtroppo violenze contro le madri non contono nulla nelle decisioni dei giudice poco lungimiranti quando affidano figli ai padri violenti.

  • Roberto |

    il fenomeno esiste, soltanto che molte donne non riescono a digerire il fenomeno perché considerate il sesso debole. Molte donne usano i figli come scudo sindrome di vera ignoranza non rendedosi conto che un figlio/a hanno bisogno anche del padre, in molte occasioni allontanati.

  • Vittoria |

    L’argomento è molto delicato e meriterebbe maggiore competenza e conoscenza della materia. Ci sono tante inesattezze che dimostrano scarsa informazione. Mi occupo di diritto di famiglia da tanti anni e sono stupita di tanta superficialità.

  • alessandra cipriani |

    MI SEMBRA UN BUON INIZIO RIPRISTINARE LA CARTA DI NOTO NON IL CISMAI E GLI ACCORDI DI ISTAMBUL
    NON ESISTE ALIENAZIONE PARENTALE
    NON SI DEVONO FARE SCARICHE ELETTRICHE AI BAMBINI LORO HANNO TUTTO IL DIRITTO DI STARE CON I PROPRI GENITORI CHE VANNO AIUTATI A SUPERARE I CONFLITTI NON ALLONTANARE BAMBINI X FAVORIRE CASE FAMIGLIA CHE SPECULANO ORAMAI È CHIARO I SOLDI VANNO DATI ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ ON TOGLIERE I FIGLI E DISUMANO BASTA MERCATO IGNOBILE SULLA PELLE DEI BAMBINI COME E STATO POSSIBILE LASCIARE I BAMBINI IN MANI ESTRANEE E LO STATO NON SA QUANTE CASE FAMIGLIA ESISTONO NE QUANTI SONO I BAMBINI SOTTRATTI E MOSTRUOSO INCONCEPIBILE CORRENTE AI RIPARI DOVEVATE FARLO NON SOLO IERI MA NON DOVEVA PROPRIO ESISTERE QUESTO SISTEMA INFAME IN TUTTA ITALIA
    VIA ASS SOCIALI TRIBUNALI DEI MINORI PSICOTERAPEUTI BASTA E UN SOPRUSO CONTINUO FATE IN FRETTA COME E POSSIBILE CHE NONOSTANTE TUTTO ANCHE OGGI È STATO PORTATO VIA UN BAMBINO URLANTE CHE NON VOLEVA ANDARE CON LORO ASS SOCIALI E CARABINIERI X UNA CREATURA CHE SARÀ TRAUMATIZZATA A VITA MA CHI VI DA QUESTO DIRITTO INFAMEEE GOVERNO VERGOGNATI NON DIFENDI I TUOI FIGLI PIÙ DEBOLI

  • Giulio |

    Ancora con l’ignoranza della alienazione parentale come malattia ma basta con questa violenza alle coscienze!

  • Assunta |

    Ma come si può pensare che l’alienazione non Esiste, è uno schifo, ma in cosa possiamo sperare noi genitori alienati e tantissimi figli costretti a subire queste violenze psicologiche ed emotive. Sono disgustosamente senza speranza leggendo le vostre assurdità. Vi farei provare il dolore enorme con cui si è costretti a vivere, amplificato dall’impotenza di tutelare e proteggere i propri figli.

  • Giuseppe |

    Non è proprio possibile influenzare o manipolare dei minori? Direi proprio che non è così, se arriva ad ammettere la cosa la Suprema Corte facendo osservazioni di banale buon senso (Cass. Civ. Sez. I, 08.04.2016 n. 6919.)
    Del resto si possono manipolare anche gli adulti; vedi banalmente le truffe per non parlare della pubblicità: se non funzionasse non ci si investirebbe tanto! Non mancano tante esperienze; io stesso ne ho viste in tanti anni molte, di cui sono sicuro per diretta conoscenza. Oltre a quella che mi ha riguardato che si è manifestata in mia figlia senza che vi fosse stata alcuna molestia. Come ufficialmente appurato dopo una falsa accusa. Non entro nel merito sul fatto che si possa parlare o no di sindrome ma il fenomeno esiste! Certo bisogna verificare e distinguere le false accuse (secondo la PM Carmen Pugliese quasi il 90% ) e le vere molestie. Secondo l’orrido Gardner: “facendo ogni tipo di controlli incrociati presso tutte le fonti disponibili” Si può affermare che ciò non è sensato perché l’ha detto Gardner?