04 Gennaio 2019

Cinque trucchi facili per apparire intelligenti in riunione

scritto da

    Pronti per il 2019? Quante riunioni avete già in agenda? Durata minima obbligata: 60 minuti. Perché invece non farle di 40, per esempio? Le riunioni di lavoro si portano dietro una serie di regole implicite che neanche il terzo millennio è riuscito a scalfire, nonostante non siano sempre sinonimo di efficienza e risultati. Unica aggiunta degli ultimi anni: più o meno palesemente la gente passa metà del tempo al cellulare o sull’ipad, con discrezione, pensando a tutt’altro (succedeva anche prima, ma richiedeva maggiore fantasia). Eppure le riunioni sono importanti: se non altro possono servire per dimostrare ai...

03 Gennaio 2019

Il trailer del 2019: un anno tra Brexit, Abba, Mondiali e Game of Throne

scritto da

    Ammettiamolo, tutti vorremmo vedere il trailer del 2019. Un po' come in quella vignetta che raffigura Lucy. Ma se non è possibile avere un trailer del "nostro" 2019, possiamo montarne uno in generale di quello che sarà nella nostra parte di mondo. Politica: l'anno di Brexit e poi? E dopo due anni dal referendum si arriva al dunque: Brexit or not? Il 15 gennaio il parlamento britannico sarà chiamato a votare l'accordo di uscita dall'Unione Europea proposto dalla premier Theresa May. Se prevarranno i sì il 29 marzo la Gran Bretagna separerà definitivamente le sue sorti da quelle del resto d'Europa, se invece...

31 Dicembre 2018

Sei mesi di governo gialloverde: poche (e controverse) le misure per le donne

scritto da

    Il "codice rosso" per chi subisce violenza e due novità sui congedi parentali: la possibilità, per le future madri, di lavorare fino al nono mese di gravidanza e l'aumento da quattro a cinque giorni del congedo obbligatorio per i neopapà. Insieme all'aumento a 1.500 euro l'anno del bonus "asilo nido" per le famiglie nel corso degli anni 2019-2021, che poi dovrebbe ritornare a mille euro dal 2022, e alla proroga di "opzione donna", il sistema che permette alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con requisiti anagrafici più favorevoli rispetto a quelli in vigore, ma al prezzo di decurtazioni anche molto...

25 Dicembre 2018

Silvia Romano, l'italiana ancora nelle mani dei rapitori in Africa

scritto da

      Silvia Romano non è ancora tornata a casa. Dal 20 novembre scorso è ostaggio dei rapitori che l’hanno portata via con la forza dal villaggio di Chakama, a 80 chilometri da Malindi, in Kenya. Lì dove questa ragazza cercava di dare una speranza di vita ai bimbi orfani assistiti dalla ONG Africa Milele per cui lavora. Al calar della sera un gruppo di uomini armati è arrivato al villaggio e ha sequestrato Silvia sparando a chi cercava di trarla in salvo. Non era la sua prima volta in Africa. La giovane c’era già stata in estate quando si era prodigata a Likoni, sempre in Kenia, per quei bambini che...

21 Dicembre 2018

Le startup non stanno cambiando il nostro modo di lavorare

scritto da

    L’opportunità sarebbe stata d’oro. Le startup sono innovative, giovani e risolvono i problemi del mondo (o almeno ci provano). Ma, grande opportunità persa, non stanno cambiando il nostro modo di lavorare. Nonostante siano piene di tecnologia e di Millennials – e apparentemente i Millennials sono dei fan del work-life balance – le startup sposano appieno o addirittura peggiorano alcune delle condizioni più “antiche” del mondo del lavoro, prima fra tutte quella che dice che se vuoi avere successo non puoi avere una vita. Lo dicono i loro idoli: da Elon Musk, che twitta “Nessuno ha mai cambiato il mondo...

18 Dicembre 2018

Moda etica e sostenibile: storia di Amorilla, un’italiana a New York

scritto da

    The true cost: qual è il vero costo degli abiti che indossiamo? Nel 2015 un documentario del regista statunitense Andrew Morgan ha provato a rispondere a questa domanda. Girato tra le passerelle dell’alta moda e i sobborghi sparsi per il mondo in cui i grandi marchi producono le proprie collezioni, il docufilm svela il fortissimo impatto umano e ambientale della moda. Soprattutto della cosiddetta fast fashion, quella delle grandi catene internazionali, capace di sfornare anche cinquanta collezioni l’anno. Se la visione di questo documentario ha aperto gli occhi a molti consumatori, per alcuni ha comportato un...

14 Dicembre 2018

Gestisci la tua famiglia come un'impresa, perché lo è

scritto da

    La “casa”, in inglese “household” – la lingua inglese consente parole con più sfumature delle nostre perché può unirne di diverse, e quindi non è solo "casa" ma anche nucleo familiare, unità domestica per così dire – è uno dei quattro settori dell’economia, secondo la visione macroeconomica. Ed economia vuol letteralmente dire “gestione (nomos) della casa (oikos)”. Ma allora perché, si domanda la coppia di autori dell’articolo “Creare dei margini (Creating some slack)” non gestiamo la casa con criteri un po’ più "economici"? E non intendono solo dal punto di vista monetario:...

13 Dicembre 2018

Lavoro agile, perché è necessario nella pubblica amministrazione

scritto da

    Il lavoro agile può rappresentare una leva per l’innovazione nella Pubblica amministrazione. Per comprenderlo è necessario analizzare il contesto in cui si muovono i lavoratori e le lavoratrici del settore pubblico in Italia. La pubblica amministrazione oggi si presenta come un Giano bifronte: da un lato, ha una immagine “anziana”, rappresentata dall’elevata età media dei dipendenti, che supera ovunque i 50 anni, da forti resistenze all’innovazione, ma al contempo da un accresciuto bisogno di flessibilità in un contesto organizzativo rigido e ancorato a vecchi schemi, in termini di tempi, luoghi e processi;...

11 Dicembre 2018

Networking, sei regole per essere circondati da "quelli bravi"

scritto da

    Una delle prime regole del networking, del “fare rete”, è quella di dare prima di ricevere. E’ così che la magia della rete si accende, è così che dalle relazioni umane si ottiene il massimo del valore: quando non si è solo connessi, non ci si conosce solo superficialmente, rimanendo ognuno nelle proprie case, uffici, scrivanie, ma si vive la rete facendo qualcosa che possa essere utile anche per qualcun altro. Perché se è vero che tutti siamo mossi da una motivazione e un'esigenza personali, prima o poi il turno di quello che potrebbe avere bisogno di qualcosa, tocca a tutti, e perché è nella natura umana...

11 Dicembre 2018

Ecco le professioni per cui i robot non sono una minaccia

scritto da

    I robot sostituiranno il nostro lavoro o creeranno nuove opportunità professionali? Del tema si discute da tempo, ma nonostante l'ansia anticipatoria di molti, la prima e più recente notizia è che l’automazione in ambito lavorativo, sia essa minaccia o opportunità, avrà un decorso lungo almeno vent’anni, almeno stando alle recenti stime dei ricercatori della Oxford University. Non solo, sempre secondo questa ricerca, se è vero che il 47 per cento dei lavoratori in America dovrà comunque fare i conti con i robot nel prossimo ventennio, è altrettanto vero che per il 53 per cento il confronto è rimandato a data...