18 Marzo 2019

Single allo specchio: #lochiamoamore quando trovo la mia casa, ma senza solitudine non si va lontani

scritto da

Un pensiero mi lega a te Un pensiero che gli altri chiamano amore Io invece lo chiamo con il tuo nome (Catherine Morena Ramos)     #lochiamoamore. Sette uomini, tutti single, chi di ritorno chi invece per lucida e consapevolissima scelta. Loro lo chiamano amore quell’incidente che reclama coraggio, fegato, il lancio dalla scogliera: ti tappi il naso e speri che tutto vada per il meglio. Per amare, diceva la psicoanalista sudamericana Clarissa Pinkola Estes, ci vuole un eroe che tenga a bada la propria paura. Ma l'amore secondo Jung altro non è che un incontro di nevrosi. E ancora: il desiderio di ciò che è...

25 Febbraio 2019

Amore, la tecnologia riuscirà a predire la durata delle nostre relazioni?

scritto da

    Un ragazzo ha in mano uno smartphone. È immerso in una notte agli sgoccioli. Il cielo sopra di lui è terso e si sta per aprire a un nuovo inizio. «Dove devo andare?» chiede a un’app che ha scaricato sul telefono. «Devi andare verso l’alba» gli risponde la voce virtuale. È l’inizio della puntata “Hang the Dj” che la serie TV distopica “Black Mirror” dedica alle relazioni amorose delle app di dating.   https://www.youtube.com/watch?v=GlxNF3hGVsk   La tecnologia ha impattato sui nostri affari di cuore, cambiando tante cose. Cuori, like, follow, messaggi su Whatsapp o Telegraph scandiscono i...

10 Settembre 2018

Perchè Ariana Grande non c’entra con la morte di Mac Miller

scritto da

    La femminista giornalista Mona Eltahawy venerdì sera, dopo che si era diffusa la notizia della morte di Mac Miller, cantante della scena rap americana scomparso a soli 26 anni per sospetta overdose, ha scritto questo tweet: «Le donne e le ragazze devono sapere che non sono responsabili per il benessere degli uomini e dei ragazzi. Troppo spesso, sulle donne grava non solo quello che è chiamato lavoro emotivo (la miriade di compiti che ci accolliamo o che ci sono attribuiti da stereotipi patriarcali e aspettative sociali), ma dobbiamo anche lavorare per salvare gli uomini. Questo non è il nostro lavoro». Faccio un...

31 Agosto 2016

Theresa May, leader o sgobbona?

scritto da

Dici leader e il tuo interlocutore - al 90% - immagina un uomo al comando, con tutti gli annessi e connessi. Ne consegue che, anche in completa buona fede, fa molta fatica a riconoscere i tratti di una leadership diversa. Ad esempio, femminile. Figuriamoci, comprendere le “pretese” delle donne manager, che reclamano a gran voce un po’ più di equilibrio nella loro vita personal-professionale. A dircelo è una ricerca condotta da WIN (Women’s International networking), organizzazione internazionale nata a Losanna nel 1997, su circa un migliaio tra i 4500 partecipanti alla Global WINConference tra il 2009 e il 2015. In sintesi, le...