24 Novembre 2021

L'Abruzzo vuole i cimiteri dei feti abortiti, a un anno dallo scandalo del Flaminio.

scritto da

È notizia di qualche giorno fa che la V Commissione consiliare della Regione Abruzzo si avvii all’esame di un disegno di legge, voluto da Fratelli d'Italia, che mira al “riconoscimento e tutela del diritto alla sepoltura dei bambini mai nati". Sull’esistenza in Italia di cimiteri nei quali si trovano seppelliti i feti abortiti, all’insaputa delle donne, Alley Oop provava a fare chiarezza già a ottobre dell’anno scorso. Lo scandalo scoppiava nella capitale: l’esistenza, al campo del Flaminio, di una distesa di tombe con inciso in bella mostra il nome e il cognome di quante avevano interrotto la gravidanza. Dati anagrafici...

23 Febbraio 2020

Quando il cristallo non è più la scarpetta di Cenerentola ma il soffitto da sfondare

scritto da

        Da piccola, quando sentivo la parola “cristallo”, mi veniva in mente solo la scarpetta, quel simbolo di felicità e di obbiettivo raggiunto. La fiaba di Cenerentola ha fatto sognare le bambine di tutto il mondo: una ragazza povera, che lotta contro la matrigna e le sorellastre, contro l’invidia e la gelosia, per arrivare al gran finale. Indossare la scarpetta di cristallo e sposare il principe e vivere felici e contenti. Se ci avessero raccontato una fiaba diversa? Una fiaba dove la povera Cinderella, invece di convolare a nozze, avesse potuto emanciparsi in modo diverso, autoaffermandosi, costruendo la sua...

10 Ottobre 2019

Italia il 4 novembre sotto esame all'Onu

scritto da

    L’Italia non è ancora promossa in materia di diritti delle donne. E nel contrasto alla violenza e ai femminicidi, in particolare, ci sono molte lacune da colmare . Almeno stando al rapporto che diverse organizzazioni, come Be Free, Fondazione Panagea, La Lega internazionale delle donne per la Pace e libertà,  presenteranno a Ginevra l'11 ottobre in vista dell'appuntamento del 4 novembre, quando l’Onu metterà sotto esame l’Italia sul tema dei diritti umani. Il nostro Paese è infatti chiamato a fare il cosiddetto ‘terzo ciclo’ della Revisione periodica universale, una procedura per cui, ogni quattro anni...

06 Maggio 2019

Il ciclo non è un lusso. La battaglia delle studentesse italiane

scritto da

      «Il ciclo non è un lusso e non è una scelta» lo hanno scritto in maiuscolo su cartelli, fogli e volantini che hanno affisso nelle bacheche e sui muri dell’università. Hanno attaccato alle pareti assorbenti colorati con il pennarello rosso, mentre nei bagni hanno lasciato le tampon box, distributori di tamponi. La mobilitazione delle studentesse del Collettivo+ all’Università degli studi di Salerno in poco tempo è diventata virale sui social. Più di mille condivisioni e commenti da ogni parte d’Italia: «Abbiamo chiesto l’installazione di distributori di assorbenti gratuiti nei bagni delle facoltà e...

02 Aprile 2018

Obiezione Respinta: il progetto web che mappa l’obiezione di coscienza in Italia

scritto da

  h La legge 194 che in Italia ha legalizzato l’aborto sta per compiere 40 anni. Entrata in vigore il 22 maggio del 1978 ha legalizzato, sulla carta, il diritto per le donne all’interruzione volontaria di gravidanza. A quattro decadi di distanza dall’emanazione, in Italia il numero degli aborti è diminuito, ma il riconoscimento della maternità come scelta libera e autonoma richiede ancora lotte e battaglie costanti. Perché nel nostro Paese decidere di interrompere una gravidanza si rivela sempre più difficile. Un vero e proprio percorso ad ostacoli. Tra i tanti elementi che proibiscono alle donne di praticare scelte di...

28 Febbraio 2018

Se #MeToo resuscita perfino Monica Lewinsky

scritto da

    Uno dei rischi maggiori nei quali si incorre quando la pancia si sostituisce al cervello è la distorsione dei fatti e la loro strumentalizzazione tesa a dimostrare una teoria pregressa. Parlando in italiano e non in arzigogolese stretto: succede che a pensar male si fa peccato ma ci si prende spesso. Così stamattina leggendo dell’ultima dichiarazione di Monica Lewinsky che, appena a 20 anni di distanza dallo scandalo più clamoroso d’America dopo il Watergate, grazie al movimento #MeToo comprende di essere stata vittima di molestie sessuali da parte di quello che, all’epoca dei fatti, era l’uomo più potente del...

23 Gennaio 2018

Women's march, il risveglio politico non solo delle donne

scritto da

    "The future is still female" "My voice, my story, my body. Unite for hope" "Time's up" "Girls just wanna have fundamental human rights"   Centinaia di cartelli su un cielo azzurrissimo, a simulare una primavera anticipata, nelle strade di New York, che hanno visto sfilare nel week end la Women's march. Centinaia di cartelli colorati con i molteplici slogan a sostegno dei numerosi temi attorno a cui sta ancora prendendo forma il movimento. Donne di tutte le età, dalle bambine di pochi mesi alle ultra novantenni, incredule di dover ancora manifestare a difesa di diritti delle donne che pensavano ormai acquisiti da...

06 Ottobre 2017

Le donne nomadi della Mongolia non abbassano mai lo sguardo

scritto da

    «Ogni mattina mi alzo verso le 6 per mungere le capre. Poi lascio gli animali liberi di pascolare, preparo il pranzo e rassetto la yurta. Nel pomeriggio raccolgo lo sterco dei cammelli che serve per accendere la stufa e pulisco le yurte degli ospiti»: con queste parole Gerelmaa ci racconta la sua giornata tipo. Nel tono della sua voce si avverte un leggero imbarazzo, ma l’espressione del suo viso è consapevole e risoluta. Nata nel 1974 a Tsogtovoo, città nella regione del Gobi meridionale, Gerelmaa è la prima delle donne nomadi che incontriamo lungo l’itinerario del nostro viaggio in Mongolia. Sono sempre loro ad...