Micaela Cappellini

Sono una quarantenne, proprio come Alley Oop. Mi divido fra un lavoro di giornalista al Sole 24 Ore, che ancora mi piace, e due piccole pesti, che adoro e che mi fanno dannare. Più un compagno, una gatta e poco (troppo poco) tempo per leggere e viaggiare. Come Alley Oop, so cosa vuol dire essere in una fase della vita in cui si ha voglia di prendere quello che ci spetta. Perché se ne hanno le capacità e le responsabilità non ci spaventano più. Di Alley Oop sarò lo sguardo internazionale: là fuori, oltre le Alpi, oltre l’Europa, è pieno di donne sorprendenti che hanno qualcosa da insegnare. Su twitter: @GioDArco
15 Gennaio 2020

Il Consiglio d'Europa bacchetta l’Italia: censura la parità

      In Italia ci sono resistenze nei confronti di una piena attuazione dell'uguaglianza tra donne e uomini. A dirlo è il primo rapporto sul Paese redatto da Grevio, l’organo del Consiglio d'Europa che valuta come gli Stati applicano la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne, e che esprime tutta la sua preoccupazione per «l'emergere di una tendenza a reinterpretare le politiche d'uguaglianza tra i sessi come  politiche della famiglia e della maternità». L’Europa, cioè, ci dice che va bene tendere alla parità di compiti a casa, in famiglia. Ma che c’è anche...

08 Gennaio 2020

Cara premier finlandese, io non voglio lavorare solo quattro giorni alla settimana

Alla fine, ieri il governo finlandese ha smentito: il primo ministro Sanna Marin non è ufficialmente al lavoro per introdurre nel Paese la settimana lavorativa corta di quattro giorni con una giornata lavorativa di sei ore. Pare che quella del neo premier finlandese non fosse un vero progetto di legge, ma solo un’idea buttata lì lo scorso agosto, durante una tavola rotonda in occasione del 120° anniversario del Partito socialdemocratico. Sapete che c’è? Meno male, perché a me questa idea della settimana lavorativa di quattro giorni, «per passare più tempo con la famiglia, per coltivare gli hobby e altri aspetti della...

27 Dicembre 2019

Il Teff dell'Etiopia trova un compratore grazie ad Alley Oop

    Questa è la nostra storia di Natale. Un post scritto nel luglio scorso per far conoscere una realtà etiope e dare la possibilità di avere una vetrina in Italia. Un'azienda italiana che intravede una possibilità commerciale, la esplora e conclude un accordo. Non cambierà il mondo, ma se anche solo una famiglia avrà garantite condizioni di vita migliori, per noi di Alley Oop sarà un traguardo importante. Grazie a Micaela Cappellini che ha saputo vedere e raccontare questa storia, che oggi è sulla prima pagina del Sole 24 Ore. Ecco la storia:     Due sorelle, un mulino tra le lamiere e il fango nelle...

19 Dicembre 2019

Obama, le donne e la rottamazione di Renzi in salsa 2.0

Le donne? «Sono indiscutibilmente migliori degli uomini».  A governare, si intende. Parola di Barack Obama, due volte presidente degli Stati Uniti d’America. Uno dei più amati, dei più carismatici. Un presidente con una visione. Con una moglie che - chissà - potrebbe incarnare il terzo mandato Obama alla Casa Bianca. E con due figlie femmine di cui è sempre stato un grande supporter. L’endorsement alle donne è avvenuto a Singapore qualche giorno fa. Nel suo discorso, l’ex presidente sosteneva che secondo lui gli Stati avrebbero ottenuto miglioramenti significativi,  sia negli standard di vita che nei risultati, se solo...

11 Dicembre 2019

La banana Chiquita porta la parità nelle piantagioni del Sudamerica

  Elizabeth Vargas Hidalgo è supervisor di impianti di confezionamento delle banane nell’azienda agricola Triple Tres, in Costa Rica, di proprietà di Chiquita. Elizabeth ha iniziato nel marzo 1989 come semplice bracciante agricola, ma col tempo è stata promossa alla qualifica di esperta ai controlli sulla frutta, e questa crescita le ha permesso di avere una casa più confortevole, di poter far fronte alle spese per il college della figlia e di avere uno stile di vita sicuro. Tre anni fa è ulteriormente cresciuta professionalmente, diventando assistente imballaggio nella stessa azienda agricola: «Ho avuto l'opportunità...

04 Dicembre 2019

Pensioni, perché le donne prendono 6mila euro in meno degli uomini

Dice l’Istat che, sulla base dei dati aggiornati al 2017, una donna in media prende 6mila euro in meno di pensione in meno di un uomo. 6mila euro all’anno significano 500 euro al mese: non è poca cosa, vuol dire l’affitto di casa pagato. Pagato per gli uomini e per le donne no. Aggiunge la Cgil che le pensioni di vecchiaia erogate alle donne sono il 48% in meno rispetto a quelle erogate agli uomini. Sempre la Cgil - che ha elaborato un’analisi nazionale insieme all’Inca presentata nei giorni scorsi - ricorda che su 100 pensioni integrate al minimo, 83 sono destinate alle donne, le quali ricevono una pensione di vecchiaia che...

20 Novembre 2019

Fondi regionali e servizi comunali: così ho fondato una casa editrice tutta mia

Oriana ha 28 anni e una casa editrice tutta sua. L’ha fondata cinque anni fa perché, dice, nonostante tutti i libri che c’erano in giro, fin da piccola pensava che mancasse qualcosa. Che cosa? Un editore sui generis, che per esempio fosse attento al teatro contemporaneo, oppure che sapesse raccontare la filosofia in un modo diverso, più accattivante, più moderno. E proprio Sui Generis, alla fine, è il nome che ha scelto per, la sua casa editrice: “Formalmente è nata il 27 novembre del 2014 - racconta - fra pochi giorni festeggio il primo lustro”. Come ha fatto una ragazza  allora 23enne, neolaureata in Lettere, a...

13 Novembre 2019

Tutto quello che dobbiamo ancora imparare dalla prima donna direttrice al Financial Times

In Gran Bretagna è caduto un altro bastione maschile: per la prima volta in tutti i suoi 131 anni di vita, il Financial Times ha scelto un direttore donna. Anzi, una direttrice. Roula Khalaf da gennaio sarà alla guida dello storico quotidiano economico londinese, un baluardo dell’establishment e della moderazione britannica. Roula non solo è la prima donna, ma è anche il primo direttore non anglosassone del Ft perché è nata a Beirut, in Libano. Ha studiato negli Stati Uniti e nella redazione del quotidiano londinese ha cominciato dal basso. Si è fatta strada come corrispondente dal Medio Oriente, ha coordinato con grande...

06 Novembre 2019

L'Europa finanzia la parità di genere. La Polonia di più. E l’Italia?

    In Polonia abitano 38 milioni di persone, in Italia 62 milioni: poco meno del doppio. Eppure sapete quanti fondi Ue dedica la Polonia alla promozione della parità di genere? 441,9 milioni di euro. Contro i 255,5 dell’Italia. I dati si riferiscono al periodo di programmazione 2014-2020 attualmente in corso e sono stati raccolti dall'Istituto per la ricerca sociale di Milano, che ha cercato di quantificare la “dimensione di genere” all’interno della politica di coesione della Ue. Quanto, dei fondi strutturali messi a disposizione dei Paesi membri da parte dell’Unione europea, vengono dedicati al tema della parità...

23 Ottobre 2019

Tre donne dietro il concept del Padiglione Italia a Dubai 2020

Chi l’ha detto che la cultura deve essere nozionistica? La cultura è emozione. La cultura si fa con lo spettacolo, e uno spettacolo è trasversale a tutte le età. Resta meglio impresso nella memoria uno spettacolo, che tante didascalie. «In effetti, noi siamo un po’ allergiche, alle didascalie». «Noi» sta per Tania Di Bernardo: insieme a Erika Bignami e Greta Carandini, sono le tre donne - insieme a Davide Rampello - dietro al concept design del Padiglione Italia che rappresenterà il nostro Paese all’Expo di Dubai 2020. Tre donne, poco più che trentenni, tutte dello studio Rampello & Partners, tutte reduci dal successo...