Ricreare i capolavori dell’arte: dove nasce il challenge che spopola sui social

scritto da il 10 Aprile 2020

Questo slideshow richiede JavaScript.

Negli ultimi tempi sui social impazza un nuovo challenge dedicato al mondo dell’arte che consente a chi si trova a casa per il lockdown di aguzzare l’ingegno e volare sulle ali della fantasia. Si tratta di ricreare a casa, con gli oggetti a disposizione, un’opera d’arte a scelta e di metterla a confronto con l’originale.

Sebbene il boom mediatico sia arrivato grazie al Getty Museum di Los Angeles – che ha rilanciato l’iniziativa – l’idea nasce ad Amsterdam, opera della trentunenne Anneloes Officier, che racconta ad Alley Oop: “Dopo il primo giorno di quarantena l’idea di dover stare a casa per così tanto tempo senza alcuna relazione sociale all’infuori delle mie due coinquiline Floor e Tessa sembrava insopportabile. Così ho pensato a questo challenge: imitare un quadro famoso usando 3 prodotti disponibili a casa. Ho fatto un esempio riproducendo “La ragazza con l’orecchino di perla” usando un asciugamano, una tovaglietta e l’aglio a simulare gli orecchini”.

Ecco così la genesi del challenge, prima condiviso su Whatsapp fra un gruppo di amici e poi su Instagram, subito notato dal Rijksmuseum di Amsterdam: “Ho aperto un profilo Instagram dedicato, chiamato in olandese @tussenkunstenquarantaine, una parodia di un programma tv locale traducibile in “fra arte e quarantena”. Partiti con 600 followers, ora il profilo ne ha più di 140K, in continuo aumento con oltre 17.000 foto con hashtag #tussenkunstenquarantaine”.

crediti @tussenkunstenquarantaine

crediti @tussenkunstenquarantaine

Da Amsterdam l’iniziativa ha avuto subito interesse globale tanto che anche il Louvre a Parigi, l’Hermitage di San Pietroburgo e il Metropolitan di New York hanno rilanciato il challenge: Sto ricevendo messaggi positivi da ogni parte del mondo (Norvegia, Canada, Iran, Argentina, Spagna, Messico…); insegnanti felici di partecipare insieme ai propri studenti, genitori in smartworking che provano a cimentarsi con i figli, medici in un momento di pausa che hanno bisogno di pensare ad altro. Mi arrivano messaggi molto dolci di persone che hanno avuto una dura giornata che si trovano a sorridere per le immagini del challenge“, spiega felice Anneloes, proseguendo: “Se questo può far nascere un sorriso in un periodo difficile come questo vale la pena passare le mie pause dallo smartworking e le mie serate su questo progetto, che si è rivelato terapeutico anche per me vedendo queste divertenti creazioni prendere vita”.

Fra le moltissime foto postate e ripostate dall’account del Getty Museum ci sono anche quelle di Giovanna Focarelli Barone, 23 anni, aspirante fotografa: “Ho scoperto questo challenge rilanciato dal Getty Museum grazie a mia sorella, laureata in Lettere e Beni Culturali. Visto il successo del challenge, ho voluto riproporlo ai miei amici poiché ogni settimana creo qualche sfida per divertirci insieme e occupare le giornate in quarantena. La mia idea era quella di partecipare insieme a tutti i componenti della mia famiglia per essere di ispirazione ad altre famiglie, dimostrando così che l’arte può essere anche divertente”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per ammirare le foto che stanno partecipando al challenge e per prendere ispirazione ecco gli hashtag da seguire:

Ultimi commenti (2)
  • Ilaria Defilippo |

    Arcimboldo è un mito! Basti pensare alle varie campagne pubblicitarie che ha ispirato… 🙂

  • Carlo |

    Interessante iniziativa. Imitare l’opera d’arte. Ho partecipato a volte concorso grafici ricostruendo esempio i visi e profili umani dell’Arcimboldo, con la frutta!