Scoprire che i gay si sposano potrebbe mandare in confusione i gruppi Scout?

scritto da il 09 Giugno 2017

marco-di-just3Marco Di Just è capo gruppo e capo clan Agesci a Staranzano, piccolo comune in provincia di Gorizia, e da anni guida un gruppo di venticinque scout tra i 16 e i 18 anni. Convive con il suo compagno da nove anni e sabato scorso si sono sposati. È stata la goccia che ha fatto traboccare il (piccolo) vaso della tolleranza del parroco del paese, don Francesco Fragiacomo, che ha chiesto all’educatore di dimettersi: “I bambini imparano guardando come il loro educatore vive – ha detto – e non possono venire confusi”. 

marco-di-justIn un’intervista a Famiglia Cristiana ha poi puntualizzato: «Già quattro anni fa ho segnalato la vicenda al vescovo di Gorizia, mons. Carlo Maria Redaelli, anche per sapere se questo ragazzo poteva contare su un accompagnamento spirituale, visto il ruolo delicato di educatore che riveste. Nessuno mi ha risposto. Il messaggio educativo che passa ai ragazzi è quello che unirsi con un uomo è normale”. Inaccettabile anche lo sfarzo delle nozze pubbliche: «Dopo il rito, sono andati nel parco del paese e si sono baciati davanti a tutti. Forse un po’ di sobrietà non avrebbe guastato”.

marco-di-just2Tace per ora l’Agesci (Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani), che dovrebbe eventualmente formalizzare la richiesta di dimissioni per l’educatore, e tace più o meno tutta Staranzano, probabilmente rimasta a bocca aperta. E che cosa staranno pensando i gruppi scout di tutta Italia, che potrebbero trovarsi nelle condizioni di dover rimpiazzare centinaia di educatori ed educatrici che, come Di Just, hanno infranto la sacralità della “grandezza e bellezza del matrimonio tra un uomo e una donna”, poiché sono separati o divorziati, oppure compiono atti sessuali senza essere sposati, o usano anticoncezionali?

Se questo fosse un dialogo, e se avesse senso rispondere seriamente al monsignore, potrebbe farlo direttamente Sua Santità, che qualche tempo fa ha detto: “Ho accompagnato nella mia vita di sacerdote, vescovo e anche di Papa persone con tendenze e pratiche omosessuali. Le ho avvicinate al Signore. E mai le ho abbandonate. Le persone – esorta infatti Papa Francesco – si devono accompagnare come le accompagna Gesù. Quando una persona con questa condizione è davanti a Gesù, Gesù non la manda via perché è omosessuale”.

Il mondo è cambiato. Fare finta che non lo sia, cercando di nascondere le tracce vitali di ciò che è diventato, inasprisce inutilmente anime e menti.

Ultimi commenti (1)
  • angelo dall'acqua |

    Non condivido in nulla l’impostazione del vostro articolo in quanto confonde.
    La condizione e/o l’inclinazione omosessuale, per il quale il singolo non è – sia chiaro- responsabile, è tuttavia definita dal magistero della chiesa quale condotta disordinata. Ancora peggio quando- pubblicamente – la si fa diventare istituzione. Il capo scout non si è comportato da buon cristiano in quanto è andato pubblicamente contro il magistero della chiesa.