12 Maggio 2020

Per il post covid non serve la normalità, ma un nuovo sistema di pensiero

scritto da

Ma non dovevamo uscirne migliori?  In molti se lo stanno chiedendo, osservando come dopo la prima settimana di Fase 2 imperversano polemiche, attacchi, complottismi, dalle timeline dei social ai balconi di quartiere, tutti sono in guerra con tutti. Ancora non sappiamo se alla fine davvero “andrà tutto bene”, ma già gli arcobaleni sui davanzali sono diventati parte dell’arredo urbano e i momenti di commozione in cui si battevano le mani alla finestra per sentirsi più vicini, un ricordo persino imbarazzante. Circa a metà del periodo di lockdown da cui stiamo lentamente uscendo, mi sono imbattuta nel servizio di un...

11 Maggio 2020

Cara Alley, saremo in grado di costruire una normalità diversa?

scritto da

  Cara Alley, si discute animatamente di fase2. L'hanno chiesta aziende, imprese, associazioni di categoria, professionisti, operai, tutti i lavoratori e le lavoratrici (anche quelli in nero cui per una volta, messa da parte l'ipocrisia, è stato concesso di uscire dall'ombra). Siamo fermi, immobili ma attivi, dietro l'hashtag #restoacasa. Soli nelle nostre case ma solidali, in particolare con chi svolgendo lavori essenziali, continua ad uscire e lavorare con dedizione e spirito di sacrificio #distantimauniti. Abbiamo impastato, infornato, sfornato, mangiato. Abbiamo fatto ginnastica con i video tutorial. Abbiamo letto la...

23 Marzo 2020

Abbiamo un'arma potente contro il virus: la nostra intelligenza (collettiva)

scritto da

      Nella formazione si è visto che nulla è più efficace dell’esperienza diretta per apprendere qualcosa. Pensiamo alla proposta di “Dialogo nel buio”, che mette nelle condizioni di sperimentare una forma di cecità per qualche ora, o all’esperienza che hanno fatto alcuni uomini di vivere per giorni con un peso voluminoso legato al ventre per capire (in parte) la fatica fisica della gravidanza. Live in their world, per fare un altro esempio, è una società americana che fa esperire direttamente alle persone varie forme di diversità attraverso l’uso della Realtà Virtuale. Senza neanche bisogno di...

10 Marzo 2020

Wall Street, Fearless Girl ha convinto 681 aziende a inserire una donne nel board

scritto da

        Che Wall Street sabbia da imparare dall'Italia in quanto a diversity nei board è cosa nota. Non fosse altro perché noi abbiamo una legge, la Goldo-Mosca del 2011, che impone alle società quotate quote di genere negli organi societari. Fatto sta che negli Usa sono ancora molte le aziende quotate che non hanno neanche una donna nel proprio board (mentre in Italia siamo arrivati ad una media del 36,4%, presto in aumento al 40% dopo la revisione della quota con la Manovra di Bilancio 2019). Dicevamo, a Wall Street ci sono ancora società senza donen nei board, ma sono meno di tre anni fa. A lanciare la campagna...

08 Marzo 2020

Donne in bicicletta, quando lo sport serve per cambiare la società

scritto da

    In biciletta per cambiare la società e superare in volata pregiudizi e luoghi comuni. Il libro di Antonella Stelitano, che da anni si occupa di sport e diritti umani, dal titolo Donne in bicicletta è un almanacco documentato e ricco. Le storie delle prime donne in pantaloncini alle gare su pista di inizio Novecento aprono la strada verso l’emancipazione e una parità di genere da conquistare chilometro dopo chilometro. Ma tutto è partito cento e più anni fa da quel coraggio, da quelle donne controcorrente: «Se oggi molte giovani atlete possono contare su una squadra, uno sponsor, un allenatore, un preparatore atletico...

04 Marzo 2020

Come il Covid-19 ci sta insegnando la responsabilità civile

scritto da

    #milanononsiferma, è l’hashtag che ha percorso i social nella prima settimana di gestione dell’emergenza dovuta al Covid-19, amichevolmente detto Coronavirus. È vero, Milano non si è fermata, ha rallentato parecchio, ma non si è fermata, e così anche le altre città in cui l’emergenza  ha cominciato a far capolino. Non ci si ferma, ma sono giornate strane: sospesi tra bollettini, statistiche e interventi più o meno rassicuranti di virologi ed esperti, non si sa bene quale espressione indossare sotto la mascherina. Alla ricerca di un equilibrio per non sottovalutare sprezzantemente l’emergenza, ma nemmeno...

14 Febbraio 2020

Oltre le quote di genere nei cda

scritto da

      L’Italia è, ancora oggi, un Paese nel quale le disuguaglianze di genere sono molto radicate e diffuse. Lo certificano molteplici studi internazionali, tra cui il Global Gender Gap Report 2020 del World Economic Forum, che ha analizzato i dati di 153 paesi su quattro dimensioni: partecipazione alla vita economica e opportunità; educazione e formazione; salute e sopravvivenza; conferimento di potere (empowerment). Il Rapporto posiziona l’Italia al 76° posto in uno scenario di peggioramento: abbiamo perso altre 6 posizioni. Nella regione Europa occidentale e Nord America siamo 19°, subito dietro agli Stati Uniti e...

03 Febbraio 2020

Contante, a che punto siamo con la cashless society?

scritto da

      Scegliamo il prodotto nella app di riferimento e autorizziamo il pagamento sfiorando un bottone sullo schermo. A cena fuori, appoggiamo la carta al dispositivo e aspettiamo la conferma di “transizione effettuata”. La spesa online viene direttamente addebitata nel nostro profilo del supermercato di fiducia. A raccontarla così il contante sembra passarsela maluccio. Persino i bambini riconoscono prima l’icona del carrello che le diverse monete e la fatina dei dentini regala somme virtuali, non più monete sonanti. Possiamo davvero vivere cashless? Se ci troviamo in alcune parti del mondo pare di sì. Certo i...

30 Gennaio 2020

A che punto siamo sulla leadership femminile?

scritto da

      Quanto sei a tuo agio con una donna leader, rispetto a un uomo? Ruota attorno a questa domanda specifica e diretta il Reykjavik Index for Leadership del Reykjavik Global Forum, iniziativa nata nel 2017 e protagonista di un panel del programma odierno / del 23 gennaio del Word Economic Forum a Davos. Osservati particolari del rapporto 2019, sono le maggiori economie globali, i Paesi del G7 più Brasile, Russia, India e Cina, studiati entro 22 settori economici: dall'automotive all'industria dell’intrattenimento, dalla partecipazione politica alla moda e al tech. In cima alla lista di questa seconda edizione si...

19 Gennaio 2020

Dalle origini dell’uomo al futuro sostenibile: la storia sorprendente dei tessuti

scritto da

        Viviamo circondati dai tessuti: dalla nascita e per tutta la vita, la relazione dell’essere umano con sé stesso e con gli altri esseri umani si sviluppa attraverso le stoffe degli indumenti indossati o impiegati per le proprie attività domestiche, sociali, scientifiche e militari. I tessuti non sono naturalmente tutti ugali. Si differenziano per caratterische costruttive (come ad esempio il tipo di fibra impiegata, la lavorazione, il peso, la tintura o il finissaggio), e di performance (come ad esempio la capacità di respingere l’umidità, termoregolare il nostro corpo o resistere in ambienti ostili)....