23 Settembre 2022

Che cos'è il talento, perché è naturalmente abbondante e dove si nasconde?

scritto da

  Di talento si parla da molto tempo, ma in questo periodo più che mai, essendo una risorsa che appare scarsa e molto richiesta. Nel dibattito sul talento, però, si nota una certa confusione di definizioni. Che cos’è il talento? Messa da parte la metonimia che identifica il talento con la persona di talento, andiamo a vedere che cosa dice il dizionario sull’origine di questa parola. Il termine talento indicava originariamente la misura di un peso, e quindi una moneta: la parabola dei talenti di Matteo traduceva questo materiale prezioso nei talenti donati dal Signore agli esseri umani. Si tratta dunque di una risorsa di...

09 Settembre 2022

La passione delle persone rende le aziende più competitive

scritto da

      Adam Grant, noto autore di libri di psicologia organizzativa, sintetizza periodicamente con dei tweet alcune verità "scabrose" della nostra realtà lavorativa. Sono verità scabrose perché sono sotto ai nostri occhi, sono pervasive come l’aria che respiriamo e al tempo stesso restano innominabili per la maggior parte del tempo: come nella fiaba di Andersen, infatti, nessuno vuole essere il primo a dire all’imperatore che è nudo. Recentemente, le pillole di Grant vertono con particolare insistenza sul modo in cui la cultura aziendale guarda all’equilibrio vita-lavoro delle persone: sappiamo bene che, più o...

02 Settembre 2022

Nessuno ti può giudicare se sei uno, nessuno e centomila

scritto da

    Noi esseri umani siamo terribilmente complessi. Anche i più giovani e i più anziani, quelli apparentemente più semplici o quelli con la vita più noiosa: siamo complessi perché siamo in grado di tenere traccia nel tempo e nello spazio delle molte cose che sappiamo, vogliamo e siamo meglio di qualunque altro essere vivente. La consapevolezza del contesto ci mette infatti nella condizione di interpretare ogni avvenimento in modo relativo: e questo insieme in continua trasformazione di punti di vista, interpretazioni e qualità di presenza rende la nostra realtà incredibilmente variegata e moltiplica all’infinito il...

19 Agosto 2022

In vacanza da noi stessi per tornare più felici

scritto da

    Anche quest’anno per molti Italiani agosto vuol dire vacanza. Prima del covid si trattava di un rito automatico, quasi invisibile, mentre post covid lo scorrere del tempo si è fatto denso e percepibile, e anche l’estate arriva così: scandita da bollettini metereologici paurosi, con incertezze su tamponi e quarantene e con i mezzi di trasporto allo sbaraglio. La fatica con cui arriviamo a questa stagione è grande, ogni anno più pesante della precedente. Iniziamo a scambiarci foto dalle spiagge, dai viaggi, dagli aeroporti, grati che, una volta raggiunta, la vacanza assomigli a sé stessa, alle vacanze degli anni...

05 Agosto 2022

Se sei infelice sul lavoro, alza la mano

scritto da

  Se la conoscenza fosse risolutiva, la quantità di informazioni di cui disponiamo oggi su quanto le persone siano infelici e stressate sul lavoro e sulle conseguenze di questo fatto renderebbero obsoleta la ricerca di ulteriori soluzioni: da Gallup a McKinsey, da Harvard ai principali centri di ricerca, tutte le voci si levano in un solo grande urlo: il posto di lavoro rende le persone infelici, quelle che possono ne stanno fuggendo. Raccogliamo e commentiamo dati su stress, mancanza di motivazione, problemi psicologici, assenteismo, calo della produttività: il fenomeno è tracciato al millesimo e, ciononostante, il trend non...

29 Luglio 2022

Sii un leader, comportati da donna!

scritto da

  Comportati da donna! A giudicare dalle ricerche degli ultimi anni sul modello di leadership vincente per il mondo di oggi, questa frase dovrebbe essere scritta sulle pareti negli uffici e nelle sale riunioni delle aziende. Non solo per controbilanciare l’implicito assunto inverso che influenza ancora oggi immagini, vocabolario e immaginario sulla leadership - ossia che per essere leader occorra essere “veri uomini” - ma anche perché è proprio così: al mondo contemporaneo serve urgentemente una guida che ha molti tratti femminili, ed è tautologico affermare che le donne potrebbero fornirla, mentre lo è meno allargare...

22 Luglio 2022

Se la crisi è la nuova normalità, qual è il trucco per restare se stessi?

scritto da

    Qual è il trucco di quelli che “ce la fanno”: sopravvivono alle crisi più lunghe e, anzi, ne escono addirittura rafforzati? Pensiamo alla lunga fase di incertezza e di cambiamento che la pandemia ha creato alla maggior parte delle persone nel mondo, e a come possa assomigliare allo shock improvviso (primavera del 2020) e poi allo stress prolungato (due anni di attesa del cosiddetto “new normal”) di qualcuno che si trovi in guerra oppure prigioniero per molti anni. Succede qualcosa di improvviso e inaspettato che cambia radicalmente la nostra vita: ci troviamo immersi nostro malgrado e, come prima cosa, misuriamo il...

15 Luglio 2022

Come capire se la "super-sicurezza" di un manager è patologica

scritto da

  I capi vengono scelti tra le persone che sanno decidere velocemente, facendo una sintesi rapida delle informazioni disponibili, colmando i vuoti e avendo la capacità di dare indicazioni chiare a chi li circonda. La capacità di sintesi e la necessità di colmare le asimmetrie informative – ovvero le situazioni in cui non si sa veramente abbastanza per decidere sulla base di dati esaustivi – si traducono nell’efficacia del prendere decisioni in condizioni di incertezza: è facile immaginare quanto questo sia più critico oggi e come diventi fondamentale quanto più aumenta la complessità di ciò che deve essere gestito....

08 Luglio 2022

Due modi di amare (e un terzo incomodo)

scritto da

  Ci sono due attività fondamentali alla base della sopravvivenza umana, e paradossalmente sono l’una all’opposto dell’altra. Una è l’attività del prendere: pensiamo alla caccia che ci ha consentito di sopravvivere per centinaia di migliaia di anni, avendo la meglio su animali ben più grossi e più forti di noi. Il nostro cervello ha registrato, attraverso migliaia di generazioni, che occorre “prendere” per avere di che mangiare. Che si prende per sottrazione: nella caccia qualcuno deve sempre perdere perché qualcun altro vinca. Che “più grosso è meglio è” perché ovviamente la selvaggina più grande nutre...

17 Giugno 2022

Solo il 4% degli italiani si sente coinvolto nel proprio lavoro: ultimi nel mondo

scritto da

  In Italia abbiamo i lavoratori più tristi d’Europa: sono tristi senza essere arrabbiati e sono stressati senza avere grandi prospettive di cambiamento. E’ quanto emerge dall’ultimo report Gallup sullo "Stato globale del mondo del lavoro": in una fotografia complessiva che sa di fallimento per tutti i lavoratori del mondo, se l’obiettivo sono il benessere e la felicità, l’Italia traccia un disegno abbastanza unico in Europa. Dichiarano infatti di aver provato un’intensa tristezza nella giornata lavorativa precedente il 27% degli intervistati italiani, e peggio di noi fa solo Cipro con un punto percentuale in...