14 Gennaio 2020

Dalle bombe nascono gioielli: il progetto di ricostruzione di No War Factory

scritto da

    “Mettete dei fiori nei vostri cannoni” cantavano “I Giganti” alla fine degli anni Sessanta, quando i giovani di tutto il mondo provavano a fare la rivoluzione dei diritti, della pace nel mondo contro la  guerra in Vietnam. Quel conflitto ventennale, che aveva stimolato tanta produzione musicale e cinematografica, ha un’eco ancora oggi. Pochi forse sanno che i resti di quella guerra giacciono ancora oggi tra le campagne sperdute del Laos dove gli Stati Uniti sganciarono, tra il 1964 e il 1973, oltre due milioni di tonnellate di ordigni. Ma se “dai diamanti non nasce niente”, per andare di citazione in...

17 Ottobre 2019

L'appello delle donne italiane per il popolo curdo

scritto da

    Migliai di firme per dire basta agli attacchi contro il popolo curdo. La mobilitazione, lanciata da cento donne del mondo dell'informazione, dell'accademia, della cultura, dello spettacolo, insieme al network de Le Contemporanee, cresce, con adesioni di minuto in minuto. Una mobilitazione spontanea, che punta a smascherare le ipocrisie su temi di politica estera e di difesa dei diritti di donne, uomini e bambini, in una parte di mondo martoriata ormai da molto tempo. "L'obiettivo è più ampio di un semplice j'accuse nei confronti di una politica troppo molle davanti a stragi di diritti umani e di popoli, davanti alla...

17 Marzo 2019

I libri da non perdere nel 2019

scritto da

      Libri che parlano di donne, scritti da donne o che celebrano le donne nel presente e nella storia. È questo il comune denominatore, un filo rosso unisce le proposte di questo inizio 2019 in libreria, che ha già snocciolato una serie di belle novità e altrettante ne proporrà nei prossimi mesi. Tra attesi ritorni e qualche sorpresa, tante storie tutte da leggere, tutte diverse, tutte uniche. Al centro, i rapporti familiari, la voglia di crescere e di affermarsi, la necessità di trovare il proprio posto nel mondo. Sensibilità differenti affiorano per dare voce ai piccoli e ai grandi della drammi della vita,...

25 Ottobre 2018

Benedetta Argentieri: le donne in guerra portano la rivoluzione

scritto da

  Raccontare le donne mediorientali, quelle che vivono ogni giorno le conseguenze della guerra che da quasi otto anni coinvolge la Siria e gli Stati vicini, in maniera inedita. Vera. Lontana dagli stereotipi diffusi in Occidente, secondo i quali essere donna in una delle Terre colpite dal conflitto significa o essere una vittima indifesa, o, al massimo, una combattente sexy. E invece no. È da questo no che è nato “I am the revolution”, il docu-film della regista e giornalista di guerra Benedetta Argentieri. Obiettivo della pellicola, come spiega lei stessa in occasione del suo intervento al TedX "#Oltremisura" organizzato...

24 Luglio 2018

Immigrazione, per 3 italiani su 4 va accolto chi scappa dalle guerre

scritto da

    Il tema immigrazione “preoccupa” il 58% degli italiani, ma per tre connazionali su quattro chi scappa da guerre e terrorismo «va accolto». Lo rivela un sondaggio della Doxa, a pochi giorni dalla Giornata internazionale della tratta di esseri umani in programma il prossimo 30 luglio. I dati. Oggi si dicono “preoccupati” 6 italiani su 10, ma solo a dicembre 2017, erano 8 su 10. Dunque, qualcosa è cambiato nell’atteggiamento generale degli italiani rispetto a questo argomento: la soglia toccata sei mesi fa si attestava al 78%, superiore di ben 20 punti rispetto all’attuale rilevazione. Spiccano le donne (65%)...

27 Novembre 2017

“Ogni bambino è il mio bambino”, storie di felicità contro la guerra

scritto da

      Non c’è niente di più vero: “Ogni bambino è il mio bambino”.  Ed è ancora più vero quando quel bambino è in difficoltà, soffre, ha bisogno di aiuto. Quante volte ci accade di pensarlo nella quotidianità, ma l’esigenza deve essere ancora più forte quando accade a chilometri di distanza, in luoghi di guerra. Una parola che può sembrarci lontana ma è ancora più vicina quando tocca i bambini. Da una di queste storie, precisamente dal 4 aprile del 2017 quando in Siria, a Khan Shaykhun, nella provincia di Idlib, un raid chimico ha provocato una strage nella popolazione con troppi bambini tra le vittime,...

16 Aprile 2017

Un secondo prima, un compagno brillante, un presidente eterno e una guerra totale

scritto da

È un gesto così banale, premere un pulsante. Facile come schiacciare una zanzara o togliersi una caccola col naso. Tutte cose che si fanno con un dito. Anzi, schiacciare una zanzara è più difficile, visto che non spingerò io il pulsante, darò l’ordine di farlo. Questo è quello che faccio: do ordini. E gli altri eseguono, senza fiatare, e così farà anche chi dovrà compiere materialmente il gesto di far partire i missili nucleari. Meglio per lui che lo faccia. Una bella fatica essere il più giovane capo di Stato al mondo. E non un capo qualsiasi: il leader supremo della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Segretario...

28 Ottobre 2016

Le donne in guerra. Una mostra fotografica a Torino

scritto da

La guerra è una faccenda per soli uomini? Sulla linea del fronte il ruolo delle donne è necessariamente passivo, estraneo all’azione? È vero che le donne soffrono due volte rispetto agli uomini: per loro e per il marito e i figli? Sono solo alcune delle domande che mi ronzano in testa, una volta uscito dalla mostra In prima linea. Donne fotoreporter in luoghi di guerra, in corso a Torino (Palazzo Madama) fino al 13 novembre. Nata da un’idea della reporter di origine croata Andreja Restek, fondatrice e direttrice del quotidiano on line APR news, con lo scopo di smentire la convinzione dominante che ritiene il fotogiornalismo...

15 Maggio 2016

Bambini, non "danni collaterali" delle guerre: il crowdfunding per il film Mila

scritto da

Mila felice sulla giostra di cavalli, e poi con il viso sporco, gli occhi pieni di paura, sotto le bombe. Un team di 250 artisti, tutti volontari, da 25 Paesi: insieme per raccontare i “danni collaterali” che la guerra provoca ai bambini, e visti con gli occhi di Mila, una bambina che abita nella Trento colpita dai bombardamenti del settembre 1943. Una storia di coraggio e di speranza con uno sguardo molto femminile. Ci sono i personaggi: Mila ovviamente, che rappresenta l'infanzia in balia di eventi di guerra, ma anche la forza che i bambini hanno nel superare tremende situazioni con il gioco, con i sogni, con la speranza che non...