20 Giugno 2022

Giornata dei rifugiati, la storia di Vittoria in fuga dall'Ucraina

scritto da

    Questa è la storia di Vittoria, una donna ucraina di 47 anni, che ha dovuto abbandonare la sua città, a causa dell'invasione russa avvenuta lo scorso 24 febbraio, oggi rifugiata in Italia. A lei e a tutti coloro che si trovano a vivere tale condizione Alley Oop dedica la celebrazione della Giornata mondiale del Rifugiato, istituita dall'ONU il 20 giugno. Ricordiamo che l’articolo 1A della Convenzione di Ginevra del 1951 definisce rifugiato colui “che temendo a ragione di essere perseguitato per motivi di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o per le sue opinioni politiche, si...

10 Aprile 2022

Donne e pandemia, storie di coraggio e resistenza attiva

scritto da

Una "raccolta di storie, che possiamo definire 'di resistenza'. Storie di donne piene di talenti e di un'eccezionale normalità che diventano una testimonianza collettiva, un articolato racconto da una prospettiva di genere dei mesi della pandemia". Questo (con le parole dell'autrice nella introduzione) è il libro "I giorni del coraggio. La forza delle donne oltre la pandemia", scritto da Eleonora Mattia nei e sui giorni in cui la pandemia da Covid-19 ha fatto irruzione in Italia, travolgendo la nostra quotidianità. Federica Cataldi (infermiera drive in vaccinale), Gabriella Carnieri Moscatelli (presidente e socia fondatrice di...

07 Aprile 2022

"Gameday", la forza dello sport di cambiare il mondo (a misura di donna)

scritto da

    "Tira" è più dell’invito di ogni allenatore ai suoi atleti e alle sue atlete, di ogni mamma ai suoi bimbi. È l’imperativo categorico che nasce su un campo da calcio, in un'arena del basket o in una piscina per far punto ed elevare lo sport a filosofia morale del nostro tempo. Ne abbiamo un gran bisogno visto come non vanno le cose del mondo. In quel "Tira", che abbiamo detto milioni di volte, Monica D'Ascenzo nel suo "Gameday. Perché le ragazze devono imparare a correre dietro a un pallone" (Gribaudo, 2022) riconosce la forza eterna dello sport per cambiare il mondo e rendere la nostra società più giusta ed equa....

31 Dicembre 2021

Un 2021 di sport azzurrissimo tutto da incorniciare

scritto da

    E chi se lo dimentica un anno così azzurro? Più grande del numero di aggettivi che, vittoria dopo vittoria, venivano appiccicati al 2021 dello sport italiano. Non è stato un anno di successi, ma semplicemente un poema epico perché fatto da uomini e donne come noi più che da eroi. La Nazionale di Roberto Mancini ha elargito notti magiche a piene mani coronate da quell’abbraccio fra il ct e l’amico Gianluca Vialli, che dice molto di più di una coppa al cielo. È amicizia eterna, è il succo della vita, è essersi presi per mano per andare oltre il buio, da uomini prima che da sportivi. Come hanno fatto Gianmarco...

04 Settembre 2021

Paralimpiadi, Italia da record con il podio tutto azzurro nei 100m femminili

scritto da

    L'ultimo giorno, all'ultima gara l'Italia tira l'ultima zampata e porta a casa una tripletta storica nei 100 metri femminili T63 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. La pioggia battente non ha tolto la soddisfazione alle tre atlete azzurre arrivate in finale di conquistare tutto. La medaglia d'oro è andata ad Ambra Sabatini con il nuovo record del mondo di 14.11, argento a Martina Caironi che ha chiuso in 14.46 e il bronzo a Monica Contrafatto in 14.73. "Lo sognavamo, lo speravamo e questa Paralimpiade ce lo ha regalato. Il podio è tutto tricolore a Tokyo 2020! Ambra, Martina e Monica ma cosa avete fatto? Immense, non...

30 Luglio 2021

Simone Biles, saper dire basta è un atto di forza

scritto da

      Elena Mukhina, campionessa di ginnastica artistica dell’allora Unione Sovietica, nel 1979 rimase paralizzata nel tentativo di compiere un salto di enorme difficoltà, mentre aveva una caviglia rotta. Mukhina soffriva per la frattura non curata, ma non poté tirarsi indietro, allenandosi fino a sei ore al giorno, nonostante avesse subito due interventi chirurgici per cercare di rimettere in sesto la caviglia. Aveva 19 anni. La durezza degli allenamenti delle ginnaste è un cliché legato al passato e all’Est Europa? https://www.youtube.com/watch?v=2mn55E2bcM0 Kerri Strug, del team Usa ricordato come le...

29 Luglio 2021

Federica Pellegrini ai bambini: "Divertitevi, perché non si arriva mai sempre primi"

scritto da

  Federica Pellegrini nella corsia numero 1 ha nuotato il 28 luglio 2021 per l'ultima volta i suoi 200 stile libero ai Giochi olimpici di Tokyo2020 in 1'55"91. In realtà alla finale olimpica all’Acquatic Center di Tokyo c’erano due Pellegrini: Federica in corsia 1 e la riga rossa che testimonia, anche oggi, che il record del mondo in questa distanza è ancora suo con il tempo imbattuto di 1'52"98, anno 2009. La riga rossa era con lei, il nuoto glielo doveva in questa sua ultima gara olimpica. Quel nuoto che le ha dato tanto, dal quale ha ricevuto moltissimo ma che le ha tolto come lei stessa ha dichiarato “tanti minuti che...

10 Luglio 2021

Sara Galimberti: tornare a correre dopo una gravidanza

scritto da

    Sara Galimberti è una runner professionista, corre da quando aveva 11 anni. Un vero amore quello per l'atletica, mai abbandonato nemmeno ora che è mamma da qualche mese della piccola Vittoria. Continua ad allenarsi quotidianamente e si è portata a casa il primo posto alla recente 10 km della Generali Milano Marathon, lo sorso 16 maggio. Sara Galimberti ha iniziato ad allenarsi alle scuole medie, spinta dal professore di educazione di fisica. Durante i primi anni di università non aveva ancora chiaro un progetto sportivo, e in quel periodo ha partecipato ed è arrivata in finale al concorso di Miss Italia, per potersi...

09 Luglio 2021

Covid: gli anticorpi psicologici li avevamo già, e stanno funzionando

scritto da

    Siamo forti, molto più forti di come ci dipingono. Siamo pronti al cambiamento: sappiamo adattarci, sappiamo apprendere, sappiamo modificare noi stessi e il mondo attorno a noi. Non sanno farlo solo "alcuni di noi": tutti abbiamo queste capacità, perché appartengono alla nostra specie. Attraversiamo le tempeste e ne usciamo provati, feriti, spaventati, ma ne usciamo anche più forti e più consapevoli, e soprattutto: ne usciamo. Nei primi sei mesi del covid c’è stata grande preoccupazione per la reazione psicologica che questo trauma globale avrebbe causato nelle persone. Interrotti nelle nostre certezze quotidiane,...

30 Giugno 2021

Brigida Nigro: dalla carrozzina alla sella, sognando le Olimpiadi

scritto da

      La sindrome da regressione caudale, un disturbo dello sviluppo dei segmenti spinali, e il dressage. Due mondi che sembrerebbero non toccarsi mai e invece si incrociano e mescolano nella storia di Brigida Nigro. “Da quando ho memoria, la carrozzina è stata la mia compagna di viaggio” spiega la 24enne nata in provincia di Brindisi, che prosegue: “Mi mancano tre anelli della colonna vertebrale. E da lì in poi il mio midollo spinale è interrotto. Con le mie gambe posso farci poco e nulla. Anzi nulla… se non star seduta in carrozzina, naturalmente”. Ma una storia che poteva dipingersi a tinte cupe, si...