12 Aprile 2019

#Gamechangers: da Roma a Berlino per diventare creative director

scritto da

        Uno strano veicolo fa la sua apparizione sulle strade di un villaggio della Germania rurale di fine Ottocento. La popolazione locale ne rimane sconvolta. Alcune donne alle prese con il tiro dell’aratro interrompono il lavoro per farsi il segno della croce. C’è chi chiude i battenti alle finestre e chi sputa per strada in segno di disprezzo. La ragione di tutto questo tumulto è molto semplice: alla guida di quella che sembra una carrozza motorizzata c’è una donna. “Una strega! Sta arrivando una strega” grida una bambina al suo passaggio. Sembra il trailer di un film lo spot lanciato da Mercedes-Benz...

07 Novembre 2017

Mariposa, l'associazione che a Cefalù riunisce donne normali

scritto da

      A che cosa pensiamo quando osserviamo volare una farfalla? Al bruco che era? Ai colori meravigliosi delle sue ali, combinati in maniera sempre diversa in ogni esemplare? Alla primavera e al carico di energia che solo questa stagione è in grado di sprigionare? Io penso alle donne siciliane. E in particolare ad un gruppo di donne di Cefalù. Farfalla in spagnolo è tradotto in ‘mariposa’ e questo è il nome che un gruppo di donne del rinomato centro della provincia palermitana ha scelto di dare alla loro vivace associazione culturale. “Ce ne sono a migliaia di vivaci e attivissime organizzazioni femminili sul...

10 Luglio 2017

Grenfell Tower e i sensi di colpa (giustificati) di un Paese: il nostro

scritto da

Gloria Trevisan e Marco Gottardi sono nomi ormai tristemente noti, come pure le loro storie. Bloccati senza via di scampo nel palazzone infuocato di Grenfell, in centro a Londra, sono morti consapevoli di stare per morire. Le loro ultime commoventi parole di disperazione e affetto sono state riprese da tutti i giornali italiani. Quello che però mi è rimasto più impresso è stato il tono accusatorio dei media nazionali verso il Paese Italia. Il loro ragionamento è: Gloria e Marco sono dovuti andare a Londra per mancanza di opportunità in Italia, quindi l’Italia dovrebbe sentirsi responsabile – se non quasi colpevole secondo i...

26 Giugno 2017

Dal 2008 al 2015 mezzo milione di italiani in fuga per lavoro. Meta preferita? La Germania

scritto da

Di loro si parla davanti a un’immane tragedia o quando fanno fortuna con l’idea innovativa della vita. In realtà è un esodo pari a tutti gli studenti che quest’anno hanno svolto la maturità: dal 2008 al 2015 più di 500mila connazionali si sono cancellati dall’anagrafe per trasferirsi all’estero. E’ il risultato del rapporto: “Il lavoro dove c’è”, realizzato dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro, sulla mobilità in Italia e all’estero per motivi di lavoro. In realtà, siccome quelli che si cancellano dall’anagrafe sono pochi rispetto a quelli che partono lo stesso restando formalmente residenti...

24 Dicembre 2016

Caro Babbo Natale, per quest’anno nessun regalo. Portami lontano

scritto da

Dimenticate l'auto nuova o l'ultimo modello di Louboutin. Quest’anno i più giovani sperano di trovare un'esperienza professionale all’estero bella impacchettata sotto l'albero. Sarebbe il desiderio di un giovane su tre, da quanto emerge da uno studio di Espresso Communication. L'indagine è stata svolta su un campione di circa 1200 persone di età compresa tra i 18 e i 29 anni monitorate attraverso social network, blog, forum specializzati e community. Da Nord a Sud la tendenza è omogenea: il 27% degli intervistati mette le esperienze formative all’estero nella top 10 dei desideri natalizi, scalzando anche i grandi classici,...

02 Aprile 2016

Le otto cose da sapere prima di trasferirsi all’estero

scritto da

Sono sempre più gli italiani che decido di vivere all’estero, oltre 3,6 milioni nel 2015 secondo il rapporto italiani nel mondo della Fondazione Migrantes, quasi 2,3 milioni sono donne. Le motivazioni che guidano questi connazionali sono le più disparate, studio, lavoro, famiglia, amore, realizzazione personale. Francesca Prandstraller, docente dell’Università Bocconi, studia il fenomeno da anni e, anche sulla scorta di una sua esperienza personale, ha deciso di realizzare un’agile, eppure molto dettagliata, guida per una location di successo, come recita il sottotitolo di Vivere all’estero, pubblicato da Egea. Una categoria...

24 Marzo 2016

Non trovate un dipendente che voglia andare all'estero? Chiedete a una Millennials

scritto da

Se ne incontrano spesso, di imprenditori italiani che si lamentano di non avere nessuno da mandare all'estero. Nessun manager che sia disposto a trasferirsi in Cina per dirigere il nuovo stabilimento produttivo. Nessun tecnico felice di trascorrere fuori casa sei mesi l'anno per mettere in funzione i macchinari ordinati dai clienti. Nessun commerciale che abbia voglia di dormire negli alberghi di mezzo mondo quattro giorni alla settimana su cinque. Ebbene, imprenditori: avete chiesto alle giovani donne? Pare che il 71% delle ragazze tra i 20 e i 35 anni sia assolutamente disposta a viaggiare, pur di fare carriera. Il dato è...