17 Gennaio 2022

I tre falsi miti della psicologia in azienda

scritto da

  Da psicologa ho sempre dovuto affrontare tutta una serie di pregiudizi e stereotipi legati alla mia professione e, parallelamente, fare i conti con persone che pensavano, in virtù di non verificate doti naturali, di poter svolgere il mio lavoro per vocazione. Ma quindi puoi leggermi nella mente?”: un grande classico. Per quanto assurdo, chiunque sia laureato in psicologia se l’è sentito dire almeno una volta nella vita. Se ti racconto un sogno, me lo interpreti?” Sono psicologa del lavoro: è come chiedere a un ingegnere informatico se può progettare un ponte. Non sono mica matto.” Anche questo, un...

13 Gennaio 2022

Bonus psicologo: la vittoria del “don’t look up”

scritto da

Mentre le ricerche sugli effetti della pandemia confermano l’aumento di problematiche emotive e relazionali, ansia, depressione, disturbi post traumatici, autolesionismo e abuso di sostanze nella popolazione adulta e infantile, denunciando anche una maggiore difficoltà di accesso ai servizi di cura, il Governo italiano decide di eliminare il “bonus psicologo” con la legge di bilancio 2022. Vi è purtroppo una grave miopia in questa decisione, a molteplici livelli. Il primo è facilmente intuibile: chi più spende meno spende, recita un vecchio proverbio. Detto in termini scientifici, le difficoltà...

09 Gennaio 2022

Merito non è egoismo: il volto umano della meritocrazia

scritto da

Si è acceso nel mondo occidentale un vivace dibattito attorno al merito, che potrebbe tradursi in un'agenda politica atta a contrastare l'acuirsi delle disuguaglianze e la stagnazione della mobilità sociale, che sta creando feroci divisioni e generando pericolosi populismi. Eh sì, perché il merito è strettamente legato alla giustizia sociale. Almeno cosi sosteneva la teoria aristotelica secondo cui la giustizia consiste nel dare a ciascuno ciò che merita, anche se la maggior parte dei filosofi della politica, dagli anni Sessanta in poi, non ci ha più creduto. Non è questo il caso di Marco Santambrogio, filosofo del...

31 Dicembre 2021

2022, come scoprire chi siamo nel terzo anno di Covid

scritto da

      Ci ha sorpresi ancora una volta, il Covid. Salutiamo il 2021 senza lasciarci alle spalle molto dell’incertezza e della preoccupazione che avremmo voluto salutare insieme a lui. Nonostante l’esperienza, nonostante i vaccini, nonostante la nuova familiarità con termini e dispositivi medici e di protezione: stiamo davanti all’anno che viene senza sapere cosa ci aspetta. Mai saputo, in realtà, si potrebbe dire: ogni nuovo anno porta eventi e cambiamenti inattesi. Ma il terzo inverno del Covid ci sfida in modo nuovo: l’“essere in pandemia” è diventata una dimensione identitaria in più che ci condiziona e...

28 Dicembre 2021

Il futuro degli spazi in azienda: a misura di benessere psicologico

scritto da

    I luoghi e gli spazi hanno il potere di avere un impatto positivo sulla salute psicologica delle persone. Un’intuizione che ognuno, a contatto con la natura, ha avuto almeno una volta nella vita. Un’esperienza che chi fa lavoro agile, sperimenta sulla propria pelle ogni giorno. Si chiama restorativeness ed è il rinnovamento del proprio benessere psicofisico dettato dal luogo in cui si è. Concetto noto in psicologia ambientale, assume oggi, in un mondo del lavoro sempre più ibrido, una connotazione nuova, che può offrire un’indicazione per il futuro delle organizzazioni. Come saranno le aziende di domani? Ma...

17 Dicembre 2021

Madri che lavorano e si sentono sole: il ruolo dei padri

scritto da

      Collegate da quattro continenti diversi per parlare di maternità e lavoro, avendo deciso di dedicare ben 90 minuti al tema per condividere gioie e dolori e alla fine, magari, sentirsi meglio, ci siamo ritrovate a parlare e sentir parlare soprattutto... dei padri! Delle imprenditrici coinvolte in questa esperienza definita “Deep Dive” dagli organizzatori – Unreasonable, una comunità americana che dà a fondatori e ceo di startup innovative selezionate non solo contatti utili ma anche supporto emotivo, proprio attraverso occasioni di networking come quella oggetto di questo articolo – io ero l’unica madre...

10 Dicembre 2021

Cambio vita: da autrice televisiva a formatrice e artista: il cambio vita di Tiziana Argeri

scritto da

        Un giorno Tiziana Argeri chiude gli occhi, e cambia vita. Nata a Santo Spirito, una città di mare in provincia di Bari il 20 febbraio 1975, a vent’anni si è trasferita a Milano. Da giornalista, autrice televisiva per dieci anni in Mediaset, nel 2006 molla tutto e inizia a studiare ceramica Raku, avviando contemporaneamente un percorso in psicologia (si iscrive a “Scienze della formazione nelle organizzazioni con indirizzo psicologico) e coaching a Verona, dove ora risiede. "Pur non essendo laureata - racconta ad Alley Oop - all’ epoca avevo dimostrato di saper realizzare rubriche e speciali. Scrivevo,...

29 Novembre 2021

Sicurezza psicologica in azienda: ecco gli standard internazionali

scritto da

    Quante persone si sentono sicure a condividere il proprio malessere emotivo sul lavoro? La sicurezza psicologica è quel senso di tranquillità nell’esprimere idee, vissuti, preoccupazioni, senza il timore di essere zittiti, mal interpretati, non ascoltati. Da oggi, una ISO (International Organization for Standardization) la certifica. Qualche mese fa è stata pubblicata la nuova ISO 45003, che fornisce indicazioni sulla gestione della salute psicologica nei luoghi di lavoro. Lo fa in una più ampia ottica di rischio psicosociale, inserendo la salute mentale nella cornice della gestione della salute e della sicurezza e...

26 Novembre 2021

Arrendersi all'inverno e alla stanchezza è un modo per prenderci cura di noi

scritto da

    Che cosa succede a chi molla? Questa domanda è diventata di attualità da quando l’americanissima Simone Biles, icona del riscatto di una generazione, ha abbandonato le Olimpiadi. Gli Americani, che da sempre hanno considerato la voglia di vittoria un dio da venerare, si sono trovati a domandarsi che cosa rappresentasse una tale resa, che nome darle. Che cosa succede a chi molla è anche la domanda che non possiamo non farci davanti al fenomeno delle Grandi Dimissioni che sta travolgendo il mondo occidentale. Centinaia di migliaia di persone “lasciano”, spesso non sapendo che cosa verrà dopo: lasciano perché si...

19 Novembre 2021

Che cosa c'è dietro al bisogno delle aziende di farci tornare in ufficio

scritto da

    Perché le aziende hanno bisogno di sapere dove sono le persone che lavorano per loro? 1) Perché con lo stipendio comprano un bene (il tempo delle persone, oppure la loro capacità produttiva?) e vogliono poter decidere come e quando disporne; 2) per essere certe che stiano effettivamente lavorando per loro; 3) per dare loro un luogo in cui lavorare insieme: incontrarsi, stabilire relazioni produttive, risolvere problemi e creare soluzioni. La domanda “quanti giorni a settimana?” è forse una delle più frequenti oggi, mentre ci riadattiamo ai ritmi dell’avanti indietro casa-lavoro, sopresi - ma non poi tanto -...