Alley Oop


L’altra metà del Sole

13 Marzo 2019

Maschi beta, chi sono e da dove vengono

scritto da

        Tanto tempo fa il televisore era un focolare domestico alla luce del quale si aggregava la famiglia. C'erano allora delle più lasche suddivisioni fra adulti e bambini. Il telegiornale era per tutti, figurarsi la messa in scena di un capolavoro salgariano come Sandokan; era immediatamente tv per tutti. Così scoprii Yanez, unico bianco fra i malesi, l'unico che non era un guerriero, l'unico che mi ricordava mio padre, il bidello e il vicino di casa. Yanez era un enigma per me bambino, stava là in mezzo a tutta quell'audacia con dignità e coraggio, fuori posto, fuori casta e me ne innamorai subito. Era il...

13 Marzo 2019

La Repubblica dei freelance, ecco cosa chiedono al mercato del lavoro

scritto da

      “L’Italia è una Repubblica fondata sullo stage” Sull’ironia di questa frase di Beppe Severgnini nasceva nel 2009 il blog “La Repubblica degli stagisti”. Il suo scopo era di raccogliere testimonianze, consigli e pratiche attorno alle tematiche dello stage, che era diventato in quegli anni quasi il solo modo per accedere al mondo del lavoro dopo l’università. Molti datori di lavoro lo utilizzarono poi come un mezzuccio per avere a disposizione manovalanza a basso costo (spesso gratis), magari anche incentivi economici, mentre l’esperienza offerta, che doveva essere formativa per gli stagisti, di...

13 Marzo 2019

I giovani gamechangers italiani che meritano di essere raccontati

scritto da

      Sono i ragazzi e le ragazze di una generazione che c’è, esiste eppure nessuno ne parla. O forse no. Perché le loro storie vengono fuori solo quando la tragedia investe le loro vite e le cancella. Quando è ormai troppo tardi per sentire le loro voci, vedere i loro occhi, ascoltare i loro sogni. Sono i ragazzi e le ragazze che sono nati in Italia, ma si sentono e sono cittadini e cittadine del mondo. Per questi giovani “casa” non è un angolo di cosmo, ma è quello spazio infinito senza confini e barriere che hanno scelto di abitare. Sono ragazzi e ragazze che hanno studiato, si sono formati e hanno inseguito...

12 Marzo 2019

EasyJet: vogliamo il 20% di piloti donne entro il 2020

scritto da

        «Parlare ai passeggeri mi piace, è bello fare annunci. È un momento molto atteso da loro, ma anche da me». Carlotta Galaffi, comandante easyJet, è in procinto di partire per l’aeroporto di Gatwick a Londra, “un classico” tra le destinazioni, e confida questo sentimento. La sua professione non nasce da una vocazione d’infanzia, quanto piuttosto da una scoperta e da una consapevolezza acquisite in età adulta. Oggi lavora per la compagnia britannica che nel 2015 puntava a raddoppiare la percentuale di piloti donne sul totale dei piloti assunti ogni anno, portandola dal 6% al 12%. L’anno successivo...

11 Marzo 2019

L’imprenditrice che ha inventato il profumo dell’identità digitale

scritto da

      Nelle sue mani le essenze si trasformano in narrazioni fatte di simbolismi, richiami, memorie. Ogni profumo è un racconto, una storia, la carta d’identità olfattiva di una persona. Diletta Tonatto, imprenditrice trentunenne di Torino è riuscita a dare vita a qualcosa che sembrava impossibile. La sua intuizione potrebbe cambiare il mondo virtuale. Ha realizzato una fragranza che è legata all’identità digitale delle persone. In un futuro, sempre più vicino, grazie a questa invenzione, potremmo avere la possibilità di sentire il profumo di chi ci chiede l’amicizia su Facebook o mette un cuore su...

11 Marzo 2019

Terapia Goliarda: lasciarsi contagiare dall'«arte della gioia»

scritto da

      Avvertite sulla pelle lo scarto tra le parole e i fatti? Tra un mondo che beatifica la vostra potenza creatrice ma non fa niente per migliorare la vostra vita di madri? Tra le opportunità tutte pari sulla carta e incredibilmente dispari nella realtà? Tra la narrazione del rispetto delle donne e la continua oggettivazione del corpo femminile che vi fa sentire merci di scambio, strumenti senza autonomia, “cose” di proprietà di qualcun altro? Percepite l’abisso fastidioso tra le vostre intenzioni di essere libere e ciò che riuscite a mettere davvero in pratica? C’è una terapia che fa per voi: i libri di...

08 Marzo 2019

La violenza invisibile: l'arma dell'alienazione contro donne e bambini

scritto da

C'è un’altra violenza che si consuma sulla pelle di donne e bambini: subdola, strisciante, non codificata nel vocabolario comune degli abusi di genere. Sconosciuta ai non addetti ai lavori è in grado di isolare le donne che ne sono vittima, relegandole in un inferno di perizie, carte, ricorsi. "Rivittimizzandole", come si dice in gergo: e quindi rispondendo alla violenza con altra violenza. Stiamo parlando della Pas (Parental alienation syndrome), che è stata importata negli anni ’90  da oltreoceano. Il teorico della Pas era Richard Gardner, un medico americano che iniziò a scriverne nel 1985, insieme ad alcuni articoli per i...

08 Marzo 2019

Per gli uomini maltrattanti percorsi di recupero ad hoc, anche in carcere

scritto da

      Per ogni donna che subisce violenza c’è un uomo che la “agisce”. E a quegli uomini è dedicato l’articolo 16 della Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia con la legge 77/2013, che impegna gli Stati firmatari ad adottare «le misure legislative e di altro tipo necessarie per istituire o sostenere programmi rivolti agli autori di atti di violenza domestica, per incoraggiarli ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali, al fine di prevenire nuove violenze e modificare i modelli comportamentali violenti». Non solo. Il testo raccomanda di «istituire o sostenere programmi di...

08 Marzo 2019

Tempi lunghi e sentenze 'light': la tutela delle donne vittime di violenza e gli scogli giudiziari

scritto da

      Le norme ci sono e sarebbero efficaci. Quello che non funziona è la loro applicazione. E’ questa la posizione di legali, magistrati, associazioni ed esperti sull’impianto normativo dei casi di violenza di genere e violenza domestica. Un’applicazione troppo spesso carente, non puntuale, che ha gravissime conseguenze sulla vita delle vittime. Ritardi nelle indagini, poca consapevolezza delle dinamiche insite nel circolo della violenza contro le donne, scarsa formazione, vittime che dopo la denuncia non sono messe in una situazione di sicurezza o non sono seguite nel corso dell’iter, sentenze che minimizzano: sono...

08 Marzo 2019

Le leggi anti violenza non bastano, servono risorse e un piano d'azione

scritto da

        Migliorare l’impianto normativo e l’applicazione delle leggi nel nostro Paese è un passo fondamentale per inquadrare la lotta alla violenza di genere. Ma altrettanto importante è implementare una strategia nazionale anti  violenza e aumentare le risorse, necessarie per attuare le politiche di prevenzione, di punizione dei colpevoli e di protezione delle vittime. Risorse senza le quali l’impianto normativo e la stessa strategia nazionale sarebbero 'azzoppati'. In questa direzione va il piano  2017-2020 che oggi è entrato nella fase di attuazione e che poggia, tra i punti di forza, sulla formazione, la...