Marina, perché alle istituzioni più rigide serve una “prima ballerina”

scritto da il 14 Agosto 2020

Photo by Donald Giannatti on Unsplash

Photo by Donald Giannatti on Unsplash

Un intero reparto della Marina Militare che celebra il giuramento ballando sulle note di Jerusalema, tormentone dell’estate 2020: basta un attimo perché si gridi allo scandalo e parta un procedimento disciplinare a carico dell’ufficiale che ha guidato nella danza gli allievi della Mariscuola di Taranto. La Tenente di Vascello è a rischio di una “consegna di rigore”: la più grave delle sanzioni di corpo, riservata a comportamenti di massimo allarme e discredito. Perché? Nel verbale di contestazione si legge che l’ufficiale è accusata di “un comportamento non consono e lesivo dell’immagine sua e della Forza Armata“. Il documento del 6 agosto scorso imputa alla ufficiale almeno tre colpe gravi:

1) la promozione e partecipazione a un evento deplorevole nei modi e nella formaviolando le consegne assegnate ed impiegando in maniera impropria le armi assegnate al proprio reparto”;

2) l’uso improprio delle armi e lo scarso valore attribuito al loro impiegocertificano un comportamento assolutamente non consono ai doveri e ai valori rappresentati dalla figura di Ufficiale”.

3) Il pessimo esempio fornito ai giovani militari che avevano appena giurato fedeltà alla Repubblica. “Comportamento altamente lesivo per l’immagine della forza armata e dell’Istituto, poiché recante un messaggio di grave superficialità comportamentale e di assoluta noncuranza dei valori fondanti della Marina militare“.

Non mancano dalle forze politiche e militari reazioni di violenta indignazione per l’onore ferito della Marina: l’oltraggio deve essere subito punito e l’immagine ristabilita, l’offesa è così alta da meritare toni come quello del tweet del senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, membro della Commissione Difesa del Senato, che definisce la Tenente di Vascello “questa tizia”: “Ho visto solo ora il patetico balletto dei marinai. La Marina Militare è carica di gloria e di storia. Scarichi questa tizia e chi l’ha seguita“.

Il video merita di essere guardato perché mostra invece un momento di gioia e di coraggio. Un momento in cui la rottura delle regole non le mette in pericolo ma le rinnova, rifacendosi a tradizioni molto antiche.

Ballo e guerra, infatti, stanno insieme da millenni, come ci mostra la squadra di rugby neozelandese quando fa la sua Haka a inizio partita; anche l’Enciclopedia Britannica ci ricorda che

“Possiamo vedere le moderne marce militari come discendenti delle danze di guerra e caccia tribali che sono appartenute a così tante culture. Le danze di guerra, spesso utilizzando le armi e movimenti di lotta, sono state usate attraverso la storia per istruire i soldati e prepararli emotivamente e spiritualmente alle battaglie”.

Forse per questo, in un esercito che ha sicuramente più dimestichezza del nostro con guerre e tensioni costanti, quello israeliano, è considerato normale che vi siano soldati cantanti e soldati ballerini, e non di rado il ballo è il modo in cui le truppe scaricano la tensione durante le pause tra i combattimenti 

Non hanno poi ricevuto nessuna sanzione disciplinare i marines americani che, durante una missione di allenamento congiunto con le loro controparti sudcoreane, hanno trasformato una sessione di lavoro in una “danza epica” (come l’hanno chiamata loro stessi): alternando la musica rap americana all’esibizione dei colleghi orientali nel più puro Gangnam Style.

Ma in Italia esistono le regole, e la Marina Militare ha tradizione e onore da proteggere… da cosa?

Dalla trasformazione delle regole stesse, davanti a un mondo che cambia? Dalla flessibilità che consentirebbe anche a certe istituzioni – fragili proprio perché intente a sopravvivere fuori dal tempo – di ridiventare vive, di ricominciare a trasformarsi col mondo?

Forse è un caso che l’innovazione questa volta sia venuta da una “tizia” (cit. on. Gasparri) che oltre a essere donna è anche madre di un bambino piccolo (informazione ritenuta di sufficiente rilievo da comparire su alcuni quotidiani), oppure davvero l’ingresso delle donne in questi santuari del potere e della tradizione è la migliore opportunità che questi abbiano di aggiornarsi al presente e di ricominciare a muoversi nel tempo?

Le regole, infatti, sono già state tutte scritte. Il mondo però, nel frattempo, è cambiato. I nuovi che arrivano hanno il dovere – e sono forse gli unici ad avere la possibilità – di vedere che il re è nudo e di darsi da fare per rivestirlo con abiti più adatti al presente, e per farlo devono cambiare le regole. Per esempio, ricordando ai vertici della Marina Militare (e ad alcuni politici) che ballare – e giocare – non sono attività “poco serie” ma che, anzi, da sempre sono state tra le carte migliori giocate dalla specie umana per stare insieme, per stare bene e per apprendere.  

Ultimi commenti (5)
  • Luisa Tagliani |

    Splendido articolo! Grazie

  • Annibale Iacono |

    Io non ci vedo nulla di scoveniente.La Tenente di vascello (più corretto è Il tenente di Vascello) ha rappresentato semplicemente un’occasione per rinforzare lo spirito di corpo.Certi bacchettoni che parlano hanno mai fatto il militare ??

  • Michele |

    Se quell’ufficiale avesse avuto un pisello non so se sarebbe stato trattato meglio, ma lei, Signora Zezza, sinceramente… lo avrebbe scritto questo pezzo?

  • Enrico |

    Senza dover andare a cercare in gironoer il mondo, suggerisco di vedere il video checalkego – molto simpatico- e chiederei a coloroni quali si sono fortemente indignati ed in primis, alla Marina Militare, che differenza ci sia. https://youtu.be/rstiI7s6woY

  • Eduardo |

    Che emozione, ho avvertito la pelle d’oca. Per favore fate sapere a quella specie di cristiano, che ha commentato, di tapparsi la bocca . e pensare solo per un attimo che sta campando da una vita con i soldi degli italiani.