Alla fine del mare: i disegni dei bambini raccontano la vita dei migranti

scritto da il 09 Giugno 2019

mare

Un libro che non doveva essere un libro, non cercato, non voluto, non pensato. Un libro che è nato da sé, da una giornalista che è andata per un mese come volontaria in Grecia, nei campi dei migranti arrivati a cercare una via d’uscita o di fuga. Ma, una volta lì, la scelta di non scrivere, di non raccontare o raccogliere le storie non ha avuto più ragion d’essere: “Hanno bisogno di qualcuno che sappia la loro storia, che la possa raccontare“, le hanno detto. E allora, raccontare con i disegni, con i colori, è sembrata la scelta migliore a Martina Castigliani, che ha raccolto la traccia delle storie, di bambini e di adulti, con i colori, le matite, i fogli.

This slideshow requires JavaScript.

Quando hanno dovuto disegnare la loro storia – racconta – quasi tutti hanno scelto il pennarello di colore blu del mare o rosso del sangue che hanno visto scorrere. Non c’era nient’altro da colorare”. E allora, nel libro c’è il disegno di Dlonan, 8 anni, dal’Iraq, che scrive il suo nome, disegna un gommone e quattro figure stilizzate e spiega che suo papà ha pianto per tutto il viaggio ma lui no, lui non ha avuto paura perché è motlo forte. Oppure il disegno di Simasa, 7 anni, dalla Siria, un grande cuore con delle strisce sopra, sotto lei, un fiore, una casa: “Sul cuore ho disegnato tanti cerotti perché a volte mi fa un po’ male. Ma di un male che non si può curare”, spiega.

img61

Molti dei disegni sono della vita che era, di case con le pareti intere e di famiglie normali e felici, giardini fioriti con gli animali, biblioteche piene di libri, vite che c’erano e non ci sono più ma che restano nella fantasia e nel desiderio. Altri sono violenti, durissimi: “Tu sai come si taglia una testa? Te lo disegno“, dice Rava, 11 anni dall’Iraq. Spari, fuoco, assalti, la paura e il dolore in disegni così infantili che ti chiedi perché rappresentino quell’orrore che col mondo dei bambini non dovrebbe avere niente a che fare. Tra i disegni le storie, i racconti, le immagini.

Un libro piccolo e prezioso, che non vuole insegnare ma raccontare. Che non indica la strada, ma la mostra in maniera naturale, attraverso i disegni e le storie. Ci ricorda cos’è un bambino, che è un bambino in ogni angolo della terra, in qualsiasi situazione. E ci ricorda cos’è un essere umano.


Titolo: “Cercavo la fine del mare. Storie migranti raccontate dai disegni dei bambini

Autore: Martina Castigliani

Editore: Mimesis

Anno: 2019

Prezzo: 15 euro