25 Novembre 2020

Una panchina rossa all'università di Cagliari per dire no alla violenza sulle donne

scritto da

      Un simbolo. Che però è molto di più. Una panchina rossa nell’atrio del rettorato dell’Università di Cagliari per dire no alla violenza sulle donne. Perché la parola d’ordine deve essere “amore, rispetto e inclusione”, gli strumenti necessari per contrastare la violenza che molto spesso colpisce le donne. “Il nostro Ateneo è schierato in modo forte contro la violenza di genere e contro le discriminazioni - ha detto Maria del Zompo, rettrice dell’Università di Cagliari - . Queste giornate servono per ribadire i concetti di rispetto e di inclusione soprattutto tra i nostri studenti e le nostre...

25 Novembre 2020

Violenza, più percorsi per gli uomini maltrattanti: le proposte in Senato

scritto da

Dietro ogni donna che subisce violenza c'è un uomo che la compie. Eppure, se ormai la rete dei centri di sostegno e rifugio per le vittime è ampia e abbastanza strutturata, le strutture rivolte agli uomini sono poche e mal distribuite sul territorio. E questo nonostante l'articolo 16 della legge 77/2013 che ha ratificato in Italia la Convenzione di Istanbul preveda esplicitamente che le parti "adottano le misure legislative o di altro tipo" per "istituire o sostenere programmi rivolti agli autori di violenza domestica". Obiettivo: incoraggiarli "ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali, al fine di...

24 Novembre 2020

I centri antiviolenza al Sud, tra difficoltà economiche e la paura del lockdown

scritto da

La panchina rossa di legno spicca sul piazzale proprio davanti alla sede dell’organizzazione di volontariato SAE112 di Termoli, in provincia di Campobasso. È arrivata anche qui, è di un rosso brillante, vivo come la speranza che non si spegne, forte come uno spirito indomabile. Realizzata artigianalmente da un volontario, sarà inaugurata mercoledì 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, con un mazzo di rose gialle. «Questa panchina è un simbolo della nostra vicinanza alle donne vittime di violenza – spiega Matteo Gentile, presidente dell’organizzazione di volontariato - ma anche del nostro...

06 Novembre 2020

Violenza sulle donne, al commissariato di Polizia di Quartu Sant'Elena la "stanza delle vittime vulnerabili"

scritto da

    Mai più sole. Ma supportate e difese anche da occhi e sguardi indiscreti. Perché  non è solo una questione di privacy, ma anche di sicurezza, conforto e supporto. E coraggio che per essere tale ha bisogno anche di uno spazio sicuro. Quello che serve quando si deve trovare la forza per denunciare una violenza psicologica, domestica o sessuale senza paura. Si chiama la stanza delle vittime vulnerabili ed è lo spazio di ascolto, inaugurato dal questore di Cagliari, al Commissariato di Polizia di Quartu Sant’Elena. Un luogo dedicato, dove le donne vittime di violenze domestiche, sessuali o psicologiche saranno accolte...

04 Novembre 2020

Migranti, in Italia i residenti stranieri sono l'8,8% della popolazione

scritto da

    Invisibili e ai margini. Un “distanziamento sociale” che dura da anni. Un Paese come l’Italia che ha conosciuto in passato molto da vicino il fenomeno della migrazione, interna e internazionale, che non riesce a fare i conti con questa realtà, dimenticando di affrontare il tema dell’integrazione con politiche ad hoc. La panoramica sul fenomeno migratorio in Italia, contenuta nel rapporto Dossier Statistico Immigrazione realizzato dal Centro Studi e ricerche Idos, in partenariato con il Centro studi Confronti, infatti, evidenzia un quadro chiaro e impietoso che la pandemia ha contribuito ad...

14 Ottobre 2020

Violenza contro le donne, dalla regione Sardegna 3,5 milioni di euro per finanziare progetti

scritto da

      E’ la seconda chance. Perché con un lavoro si possono rompere anche i legami con la vita passata, caratterizzata da episodi di violenza o da situazioni di disagio e difficoltà.  Proprio per sostenere le donne che hanno dovuto fare i conti con un passato tutt’altro che felice e aiutarle a ricominciare, la Regione Sardegna ha stanziato 3 milioni e mezzo di euro.Con questi progetti - dice Alessandra Zedda, assessora regionale al Lavoro - si vuole dare la possibilità a chi ha avuto difficoltà di interpretare la vita nuovamente, passando per un lavoro, un tirocinio o l’attività di...

13 Ottobre 2020

Cimitero dei feti, esporre il nome della donna è contro la legge

scritto da

Esiste, nella capitale, un campo dove sono sepolti i feti abortiti: su ognuna di quelle tombe, una croce che individua una madre e la data di interruzione della gravidanza. Una distesa di nomi e cognomi che raccontano di donne alla mercé di chiunque. Che nessuno abbia pensato di chiedere il loro consenso prima di agire integra una palese e mostruosa violazione della privacy, in uno dei momenti di maggiore intimità della vita. La legge non lo consente. È precisamente l'art. 9 del Regolamento Europeo sulla Privacy 679/18 che si occupa del trattamento di categorie particolari di dati a rilevare in questa fattispecie. La norma è...

06 Ottobre 2020

Terra di Tutti Film Festival: i corti dedicati ai diritti delle donne

scritto da

      Quattro cortometraggi e un dibattito per parlare di donne, diritti e libertà di scelta. "Visioni di genere" è una delle sezione del Terra di Tutti Film Festival che dal 6 all'11 ottobre a Bologna aprirà una finestra per parlare di diritti umani, lotte ambientali, conflitti, migrazioni con 30 film da 22 Paesi. Il Festival è alla sua quattordicesima edizione, organizzato da Cospe e WeWorld, e si snoda in una serie di eventi che avranno luogo in vari punti della città, ma anche in streaming, per poter accogliere più gente possibile nel rispetto delle norme anti-Covid. Le pellicole verranno dunque proiettate in...

01 Ottobre 2020

Violenza di genere, perché le donne non devono più essere vittime due volte

scritto da

        L'uscita dalla spirale della violenza di genere è un percorso a ostacoli, anche dopo che la violenza è stata - molto spesso con fatica - riconosciuta e denunciata. Un percorso che si scontra con quella che si chiama "vittimizzazione secondaria", ovvero quelle situazione in cui le donne diventano vittima una seconda volta: nei tribunali, nei percorsi legali e sanitari, nella rappresentazione dei media, nel contesto sociale, nel giudizio delle scelte di vita. E sono questi ostacoli che vanno esaminati e superati, i nodi sciolti, affinché le donne vittime possano uscire in maniera più semplice dalla spirale della...

28 Settembre 2020

Occupazione femminile, con il Recovery Fund si passi dalle parole ai fatti

scritto da

    "Nel piano del recovery fund o della next generation Eu, come pilastro fondamentale, decideremo di investire fortemente sulle famiglie e sulla demografia, oltre che sul lavoro femminile come motore di sviluppo". A ribadirlo, lo scorso sabato, è stata la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, intervenendo al Festival dell'Economia Civile di Firenze. Il lavoro femminile. Ce lo hanno ripetuto in mille modi: dalla task force guidata da Vittorio Colao ai ministri. D'altra parte è talmente lampante che sia la gamba zoppa di un'economia che dovrà fare i conti con i postumi del Covid. In Italia continua...