Telegram: guida aggiornata all’app di messaggistica (da usare non solo quando #WhatsAppDown)

scritto da il 29 Gennaio 2018

telegram2

Sono passati ormai 5 anni da quando i fratelli Nikolai e Pavel Durov hanno creato l’app gratuita di messaggistica Telegram. Non solo chat one-to-one o di gruppo tipo Whatsapp ma un’insieme di servizi molto più strutturati, che hanno già convinto diversi utenti a passare dall’iconcina verde a quella blu sullo schermo del loro mobile. Ecco allora 10 motivi per usare Telegram, non soltanto quando WhatsApp è down! Andiamo con ordine e analizziamoli tutti.

1) PRIVACY

Quando ci si iscrive a Telegram ci si registra tramite il proprio numero di telefono (indispensabile) e si può essere contattati solamente da chi ne è in possesso. L’alternativa è creare uno username che potrà essere ricercabile all’interno della app (un po’ come succede per i contatti su Skype); in questo caso il nostro numero rimarrà privato. Utile sapere che tutte le conversazioni vengono criptate attraverso due livelli di sicurezza e che è possibile bloccare l’accesso all’app tramite un codice o un impronta digitale nei device che supportano questa tecnologia. Poi ci sono anche le chat segrete, ma ne parleremo più avanti.

2) CLOUD BASED

Diversamente da WhatsApp, Telegram è un servizio di messaggistica basato sul cloud con sincronizzazione istantanea. Cosa significa? Che l’app occuperà poco spazio sui nostri device e che si potrà accedere ai nostri messaggi sia da smartphone (iOS, Android e Windows Phone) che da tablet o da desktop (PC/Mac/Linux) oppure tramite le web app che ci permettono di utilizzare Telegram all’interno del browser. E se per caso si cancella l’app dallo smartphone nessun problema, riusciremo a ripristinare tutti i nostri messaggi. Sapevate inoltre che Telegram si può usare anche se il nostro smartphone è spento?

3) BIO

Su Telegram possiamo creare un profilo di 70 caratteri con tanto di gallery con le nostre migliori foto (vi si accede cliccando sulla foto profilo di forma circolare). Paragonabile allo stato di WhatsApp, al quale però possiamo aggiungere –per esempio– il link al nostro sito web ed ottimizzare così il nostro personal branding.

4) MESSAGGI

Telegram ci consente di modificare i messaggi inviati o di revocarli entro 48 ore dalla pubblicazione, una feature decisamente interessante! Possiamo personalizzare i nostri messaggi formattando il testo (grassetto, corsivo…), aggiungendo stickers oppure maschere alle nostre foto o ancora inviando video messaggi (contraddistinti da una forma circolare). Possiamo condividere la nostra posizione per un periodo di 15 minuti, 1 ora oppure 8 ore. Possiamo anche creare album contenenti fino a 10 foto (invece di spedire foto singolarmente) e abbiamo la possibilità di inviare file di qualsiasi tipo fino a 1,5 GB senza alcun tipo di compressione. Un’altra feature “salva tempo”: con “apertura rapida” potremo aprire i link direttamente in Telegram senza bisogno di aprire il browser. Infine, grazie all’opzione “chat segreta” il destinatario può visionare il contenuto foto/video che gli inviamo per un tempo minimo di 1 secondo fino ad un massimo di un minuto, e se osiamo fare uno screenshot della chat segreta il nostro interlocutore verrà prontamente avvisato, quindi… attenzione!

5) MESSAGGI SALVATI

Grazie a questa funzione abbiamo la possibilità di salvare messaggi provenienti da diverse conversazioni in modo da farli confluire in una sorta di chat personale, della quale solo noi possiamo vedere il contenuto. In questa chat possiamo anche autoinviarci foto e messaggi, in modo da tenerne traccia sui vari dispositivi grazie alla sincronizzazione. Davvero utile.

6) CHIAMATE VOIP

Un’altra feature interessante è la possibilità di effettuare telefonate all’interno dell’app, definite da Telegram “Secure, Crystal-Clear, AI-Powered”.

7) ACCOUNT MULTIPLI

Al momento una funzione riservata i soli utenti Android, consente di aggiungere fino a 3 account con diversi numeri di telefono all’app con la possibilità di passare da un account all’altro velocemente grazie al menu laterale.

8) GRUPPI e SUPERGRUPPI

Come Whatsapp anche Telegram consente all’utente di creare un gruppo per un numero massimo di 200 persone. Se invece c’è bisogno di far comunicare un maggior numero di utenti c’è l’upgrade al SUPERGROUP che riesce a riunire fino a 75.000 contatti contemporaneamente. È interessante sapere che chi entra nel gruppo potrà accedere allo storico di tutti i messaggi.

9) CANALI

telegram_netflixUna particolarità di Telegram sono i Canali (Channel) che consentono una comunicazione unidirezionale verso un numero infinito di persone. Quando mi iscrivo al canale posso solo ricevere messaggi ma non rispondere. Chiunque può aprire un canale, sia un privato, un editore o un’istituzione: è un modo rapido per poter dare informazioni a chi è iscritto al canale.

Ecco un elenco interessante di channel a cui iscriversi, c’è davvero l’imbarazzo della scelta:

Per continuare la ricerca sui canali Telegram potete visitare il portale https://t.me/Qual_ITA che ne raccoglie moltissimi, suddivisi per argomento.

10) BOT

telegram_trackbotAnche per Telegram sono disponibili i BOT, ossia account gestiti in automatico con un programma, quasi fossero robot che rispondono in linguaggio “umano”. Iscrivetevi a un BOT e “dialogate” con lui, ne rimarrete sorpresi. Come per i channel anche per i BOT esiste una scelta vastissima di tool per ricevere notizie e aggiornamenti dei tipi più svariati. Ecco una lista dei BOT più interessanti:

Ultimi commenti (2)
  • Guglielmo Crotti |

    A parte l’uso di inglesismi davvero non necessario, vorrei suggerire un aggiornamento non solo della guida seguendo i consigli del buon Pietro, ma anche dei canali proposti: primariamente Historygram Europe andrebbe sostituito – non è più attivo dall’agosto 2017, suggerirei di mettere al suo posto la versione internazionale, Historygram – in secondo luogo non li definirei comunque, a parte alcune selezioni (Mostrly, I Write per esempio), i canali Telegram più rappresentativi della comunità italiana.
    Per ulteriori approfondimenti infatti suggerisco di dare un’occhiata a Migliori Canali Telegram, il concorso nazionale che ha coinvolto 6.000 partecipanti per l’elezione di 20 canali italiani (https://t.me/Migliori_Canali_Telegram/45).

  • Pietro |

    Buongiorno, la guida è molto interessante, ma ci terrei a fare qualche correzione:
    punto 1: tutte le conversazioni sono criptate, ma non attraverso due livelli di sicurezza. E’ possibile invece attivare il controllo tramite 2 fattori di sicurezza per l’aggiunta di nuovi dispositivi collegati al proprio account.
    Punto 2: si e no riguardo allo spazio sui device, per far occupare poco spazio è necessario rimuovere manualmente o programmare automaticamente la cancellazione della cache all’interno delle impostazioni.
    punto 4: Le chat segrete sono una chat a parte, che prevede caratteristiche proprie, quali la possiiblità del timer per i messaggi (presente altrimenti solo per le foto nelle chat normali) e l’impossibilità di fare screenshot, ma, se possibile con il dispositivo, viene inviato un avviso dello screenshot avvenuto.
    punto 6: é possibile attivare o disattivare lo storico di tutti i messaggi per i nuovi utenti.