19 Maggio 2020

Questura di Venezia, le donne in polizia iniziano a fare carriera

scritto da

In quarantena l'attività dei poliziotti ha riguardato anche le liti in famiglia, oltre ai controlli in strada per far rispettare i decreti, le telefonate perché la gente voleva indicazioni su quello che si poteva fare o meno. “Abbiamo cercato di creare una situazione di sicurezza, ma non di allarme. Di solito quando al centralino arrivano chiamate di liti in famiglia andiamo a vedere” racconta ad Alley Oop Maria Lucia Lombardo, trent’anni, siciliana, di Caltanissetta, portavoce del questore di Venezia Maurizio Masciopinto dal novembre del 2019 “queste urgenze hanno la precedenza per la normativa del 'codice rosso', si...

31 Gennaio 2020

Carnevale: "Il ballo del Doge" per rilanciare Venezia, il sogno di Antonia Sautter

scritto da

        Un ballo per salvare Venezia. Un atto di coraggio, sensibilità, rinascita, rivolto al mondo per abbandonarsi al sogno dopo l’ ”Acqua Granda”, l’alluvione che lo scorso 12 novembre ha colpito la città. “Solo una grande passione animata da un pizzico di irrazionalità e leggerezza può portare alla realizzazione di un miracolo” racconta ad Alley Oop la stilista e imprenditrice veneziana Antonia Sautter, che prosegue: "Solo il grande amore per Venezia e di coloro che la amano veramente, può concorrere a questo miracolo. I veneziani sono i primi ad avere Venezia nel cuore, perché hanno un cuore...

24 Gennaio 2020

Chi è Cecilia Alemani, la prima donna italiana a dirigere la Biennale Arte di Venezia

scritto da

      Il ruolo, la voce e la responsabilità della prima donna italiana a curare una Biennale di Venezia. “È un grandissimo onore poter assumere questo ruolo in una delle istituzioni italiane più prestigiose e riconosciute al mondo” dice Cecilia Alemani, classe 1977, nata a Milano e carriera di successo nella Grande Mela, dove vive ormai da 15 anni. “Come prima donna italiana a rivestire questa posizione, capisco e apprezzo la responsabilità e anche l’opportunità offertami, ripromettendomi di dare voce ad artiste e artisti per realizzare progetti unici che riflettano le loro visioni e la nostra società”....

10 Gennaio 2020

L'infanzia in Libano nei trittici di Chiara Dynys al Museo Correr di Venezia

scritto da

    Una bambina si copre il volto. Un’altra ha la guancia accostata al cofano di una vecchia Mercedes grigia, mentre una terza stringe in una mano un sacchetto di plastica con un pesciolino rosso. I bambini giocano a calcio oppure sono davanti al biliardino, sistemano vecchie biciclette che rivendono o usano per andare a correre con gli amici, chi verso una discarica, oppure viaggiano in due sulla sella del motorino. Tutti sulla strada. Ci sono tanti pupazzi usati, giocattoli per il mercatino, giostre antiche. Ogni storia è narrata da fotografie incastonate in un ciclo di 27 trittici in legno e foglia d’oro. Ogni...

03 Agosto 2019

La Biennale di Venezia, prima puntata. Viviamo tempi interessanti?

scritto da

    May You Live In Interesting Times è il titolo della 58° edizione della Biennale di Venezia, probabilmente la più importante manifestazione dedicata all’arte contemporanea mondiale, senz’ombra di dubbio la più longeva: la prima edizione risale infatti a due secoli fa, era il 1895. Il titolo deriva da un discorso del parlamentare britannico Chamberlain sul finire degli anni ’30, che citava un antico anatema cinese: “Che tu possa vivere in tempi interessanti”. Il presunto anatema in realtà non è mai esistito, ma il concetto è stato a lungo evocato nel corso del ‘900 e, nell’incerta congiuntura di questi...

25 Settembre 2017

Liceo classico, moda e ritorno di eroi e miti greci. Ne parliamo con Salvatore Settis

scritto da

      Quanto sono contemporanei i classici? La domanda ricorre periodicamente in contesti familiari o didattici, specialmente a inizio anno, quando aprono le iscrizioni alle superiori. E’ troppo presto per sapere che cosa succederà a gennaio 2018, ma l’interesse per il liceo classico è pressoché stazionario e si assesta, con molti picchi verso il basso e qualche timida ripresa (+0,1% nel 2016, +0,5% nel 2017), a un modesto 6,6% del totale degli studenti. Pesa certamente, nella scelta, anzi nella non-scelta, la convinzione che, nell’era di web, social e globalizzazione, a due lingue morte come greco e latino, siano...