13 Marzo 2019

La Repubblica dei freelance, ecco cosa chiedono al mercato del lavoro

scritto da

      “L’Italia è una Repubblica fondata sullo stage” Sull’ironia di questa frase di Beppe Severgnini nasceva nel 2009 il blog “La Repubblica degli stagisti”. Il suo scopo era di raccogliere testimonianze, consigli e pratiche attorno alle tematiche dello stage, che era diventato in quegli anni quasi il solo modo per accedere al mondo del lavoro dopo l’università. Molti datori di lavoro lo utilizzarono poi come un mezzuccio per avere a disposizione manovalanza a basso costo (spesso gratis), magari anche incentivi economici, mentre l’esperienza offerta, che doveva essere formativa per gli stagisti, di...

03 Febbraio 2019

Adozione e nonni, istruzioni per l'uso

scritto da

    Quando arrivi in Italia, dopo diciassette ore di volo perché sei andata a prendere il tuo bambino dall’altra parte del mondo, ti sembra di avere viaggiato dalla Terra alla Luna in un battibaleno. Sei stordita. Per me è stato così, per mio figlio molto di più. Aliene le persone, alieni gli odori, i colori, i sapori. Alieni mamma e papà. Tutto è terribilmente diverso. Altro che bimbo felice di avere trovato una famiglia: l’arrivo nella nuova casa segna l’inizio di un nuovo percorso. Quello di imparare ad essere figlio, di accettare l’amore di chi ancora ti è estraneo ma ti ha fortemente voluto. Facile a dirsi,...

04 Gennaio 2019

Il mio mondo inquadrato, foto di una hostess dal mondo

scritto da

    Cinzia Rossi sta andando in auto a Roma per lavoro. La raggiungo la telefono per questa intervista. Mai viste, né sentite prima, ma la conterraneità aiuta lasintonia. Cinzia Rossi da 28 anni lavora come hostess per la compagnia di bandiera italiana, gira letteralmente per il mondo, imparando le regole non scritte che ti consentono di saper stare ovunque. Da qualche anno una passione la accompagna nei suoi viaggi, quella della fotografia. Lo sguardo che rivolge ai luoghi  - ma soprattutto alle persone –  è nuovo. E non solo per la prospettiva dello scatto che avviene attraverso uno smartphone. Si posa sulle persone,...

22 Dicembre 2018

Caro Antonio, spostiamo un po' di montagne insieme

scritto da

    Caro Antonio, Non ti conosco. Non ti conoscevo. Colpevolmente non conoscevo nemmeno Europhonica. Io, appassionata come te di Europa, di giornalismo, sempre alla ricerca di fonti di informazioni alternative e progetti innovativi di comunicazione, non avevo mai sentito parlare di questa radio che racconta con linguaggio semplice la politica europea. Che lo fa in diverse lingue. Conosco qualcuno che ti conosceva. Ma anche queste persone le ho incontrate solo di sfuggita nel mio percorso politico, o in un breve scambio di opinioni su Facebook. Eppure, caro Antonio, mi sembra di conoscerti da sempre. Quel tuo sorriso...

16 Dicembre 2018

#Natalelastminute: dalla nonna al cugino regaliamo libri

scritto da

    Cosa regalare ai parenti. Manca sempre un regalo da comprare il 24 dicembre e può essere al nonno o al cugino che viene per il prando l'indomani. Possiamo cavarcela con un libro, ma bisogna avere le idee chiare se l'acquisto è last minute.  Ecco qualche indicazione concreta per regalare libri anche a Natale. - Iniziamo dalla mamma. A colei che quando arriva il Natale deve fare i salti mortali, tra lavoro e fornelli, dedichiamo il primo libro di questa rubrica del Natale targato 2018. Per questa scelta, forse mi sono lasciata condizionare dalla mia che, per passione familiare e per deformazione professionale da...

23 Novembre 2018

Sarah Moon, il sentimento del tempo. Due grandi mostre a Milano

scritto da

    Desideri, sentimenti, sogni: esiste qualcosa che ci radichi più fortemente nel presente, qui e ora? E così i ricordi: si cibano del passato certo, ma accadono qui e ora, nel presente, sono il presente. Ed è il presente di queste esperienze intime e profonde che sa risvegliare e mettere in circolazione con le sue immagni la fotografa francese Sarah Moon, protagonista di una doppia, strepitosa mostra milanese articolata in due sedi, l’Armani Silos di via Bergognone e la Fondazione Sozzani di corso Como. Difficile trovare un miglior vaccino per guarire dalla convinzione che la fotografia sia un mezzo servilmente...

19 Novembre 2018

Le "Donne di Futuro" di Alley Oop si incontrano oggi sul palco del Microsoft Showroom

scritto da

        “L’Italia sarà come noi la costruiremo giorno per giorno”: in queste parole di Marina Salamon c’è l’essenza di quello che significa, per noi di Alley Oop, essere Donne di Futuro. Significa saper guardare avanti con la consapevolezza del presente e del passato, avere la certezza che il futuro non è nascosto in una nebbia che all’improvviso e per magia ci svelerà cosa sarà di noi. Il futuro è fatto da ogni nostra scelta, battaglia, obiettivo raggiunto o mancato, ridefinizione e scoperta. Ecco perché, per raccontare come le donne vedono il Futuro, abbiamo scelto di focalizzarci sull’alleanza...

11 Ottobre 2018

#IoPartecipo: a L’Aquila si incontrano le storie e i volti dell’Italia che si mobilita contro incertezza e paura

scritto da

    In questa Italia scassata, fragile, traballante, anche metaforicamente, molti sollevano l’esigenza e la necessità di ripartire con un nuovo slancio che risponda al clima di incertezza e di paura che si respira in questi mesi. Sì, ma come? Con la partecipazione attiva, sale della democrazia. Sì, ma dove? A L’Aquila, città simbolo che ha fatto della rinascita la sua ragion d’essere negli anni post terremoto. Da domani e fino a domenica 14 si terrà nel capoluogo abruzzese il Festival della Partecipazione: Storie e volti dell’Italia che si mobilita contro incertezza e paura. Promosso da ActionAid Italia e...

30 Settembre 2018

Oltre la paura per essere libere e lanciarci dalle stelle

scritto da

      Avete presente gli istanti in cui chiediamo all’universo un segno e lui ci risponde? Il libro di cui vi parlerò è entrato nella mia vita in questo modo. È accaduto uno di quei momenti. Quando il destino ci mette davanti le risposte alle domande che affollano il nostro cuore. Stavo leggendo una rivista che avevo trovato in libreria. E all’improvviso, boom, mi sono imbattuta in questa descrizione: “Fai almeno una volta al giorno una cosa che ti spaventi e troverai la forza per farne altre”. Sembrava parlare a me. La paura mi ha spesso bloccata nella mia vita. Pian piano con il tempo ho cercato di farla andare...

30 Luglio 2018

Di sogno in sogno il patto tra generazioni già esiste

scritto da

        Erano gli anni ’60. Al Nord non c’era nemmeno bisogno del diploma per trovare lavoro o aprire un’azienda. Al Sud i genitori investivano in cultura e facevano finire le superiori ai figli per vederli partire per il Nord. Il sogno era il posto fisso in una delle grande aziende del Settentrione, da Olivetti all’Alfa Romeo. Una serie di colloqui e qualche test e poi via, il lavoro della vita. Oppure i concorsoni per la pubblica amministrazione e l’assegnazione all’ufficio di un paese da cercare sulla cartina. Presto o tardi ci si arrivava e poi il mutuo e il matrimonio in chiesa, i figli, l’orario di...