17 Marzo 2020

Covid-19, i racconti di medici e infermieri in prima linea

scritto da

        Sotto i camici e le mascherine ci sono degli esseri umani preoccupati per i loro pazienti, per i loro cari e, se resta loro il tempo, anche per se stessi. Alla lotta di medici e infermieri contro il coronavirus, da nord a sud, qualche giorno fa è stato dedicato un applauso corale dai balconi, un’inattesa manifestazione di solidarietà comunitaria, una testimonianza collettiva di partecipazione. Perchè tutti ci rendiamo conto che sono loro oggi in prima linea e che senza la loro tenuta non avremmo armi contro il virus. Professionisti che ogni giorno entrano negli ospedali e fanno al meglio il loro lavoro,...

02 Marzo 2020

Covid-19, ecco come vivono coloro che hanno già altre patologie

scritto da

        Ci sono state cose che in questi ultimi 10 giorni di reclusione forzata nelle zone gialle non ci hanno stupito più di tanto, forse perché ci chiamano ‘pazienti’ e siamo abituati a seguire le direttive mediche, soprattutto quando ci rendiamo conto che è finito il tempo di scherzare con Dr. Google. O forse perché i casi della vita ci avevano già addestrato ad avere dodici backup plan di fronte alla salute incerta. E’ stato così che molte famiglie con un giovane con disabilità hanno affrontato il diffondersi del Coronavirus in Italia. Qualche esempio di cose a cui ci avevano già abituati? •...

15 Febbraio 2020

E' ora di una politica che abbia come priorità i bambini

scritto da

        Spesso mi soffermo a pensare alla vita frenetica che tutti noi facciamo ogni giorno e che, purtroppo in tanti casi, diventa incompatibile con le esigenze dei nostri figli. Ho la fortuna di fare un lavoro che mi consente di gestire le giornate, così posso provare a trascorrere più tempo possibile con loro, e soprattutto mi impegno affinché sia un tempo di qualità. Che privilegio meraviglioso è stare accanto a loro, vederli crescere, aiutarli a fare i compiti il pomeriggio, per esempio, come faccio spesso con il mio primogenito che frequenta le elementari. Ma se la mia esperienza si può dire fortunata, per...

23 Settembre 2019

Ambra Masi (cardiologa): un imbuto formativo blocca il numero di medici in Italia

scritto da

      Da bambina voleva fare la magistrata, poi ha capito che il destino le riservava, sì, una divisa ma non si trattava di una toga da giudice. Oggi Ambra Masi, tarantina classe 1988, è specializzanda in cardiologia e vicepresidente del Segretariato italiano giovani medici (Sigm). "Un giorno - confida ad Alley Oop - interrogandomi su chi sarei stata a 50 anni mi sono vista con un camice: tra i miei pazienti nelle corsie di un ospedale. Sentivo che non sarei potuta essere altro". Oggi la dottoressa Masi si divide tra Sassari dove porta avanti la sua specializzazione, ora nel reparto pediatrico, e Oxford – la migliore...

24 Ottobre 2018

Toglieteci tutto, ma non la Sanità: siamo tra i migliori del mondo

scritto da

Difficile pensarlo, quando leggi sui giornali certe storie di insetti in corsia, di errori al pronto soccorso, di mesi d’attesa per fare la Tac. Eppure, l’Italia è uno dei migliori Paesi al mondo dove farsi curare. Lo dice l’agenzia Bloomberg, che ha messo insieme i dati elaborati dalle più importanti istituzioni del settore: Organizzazione mondiale della sanità, Onu, Banca Mondiale, Fondo monetario internazionale. Per il rapporto costi-benefici - quanto cioè spendo per il sistema rispetto a quanto riesco a mantenere elevate le aspettative di vita di una nazione - l’Italia per l’esattezza è al quarto posto nel mondo. E...

10 Luglio 2018

Esiste un "altro" Pride, che scende in piazza a Roma domenica 15 luglio

scritto da

    Sarà l’occasione per stare tutti insieme, per far sentire la propria voce, per affermare i diritti di chi nasce con una disabilità e di chi, invece, diventa disabile nel corso dell’esistenza. È il Disability Pride 2018, #DisDay, organizzato dall’associazione Disability Pride Onlus che lavora per promuovere l’inclusione sociale delle persone con disabilità e per sensibilizzare l’opinione pubblica. L’evento di domenica 15 luglio – la marcia dell’orgoglio - a Roma rappresenta solo il momento clou di una serie di appuntamenti sparsi per lo stivale nel corso dell’anno perché l’attenzione resti alta e non...

19 Gennaio 2017

Flavia Bustreo, una leader visionaria alla guida dell’OMS

scritto da

E’ il primo candidato italiano alla direzione generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nella storia. E se lo merita Flavia Bustreo, per la brillante carriera che vanta e per la capacità di leadership che ha già avuto modo di dimostrare in diversi incarichi internazionali. Ma ciò che la rende una candidata ideale è la visione che la anima: il diritto alla salute per tutti non è un’utopia, può diventare una realtà, a condizione che l’OMS metta a frutto tutto il suo potenziale. E lei è ha le competenze per farlo. Nominata nella rosa dei sei candidati nel settembre 2016, la prossima settimana (tra il 23 e...

03 Gennaio 2017

Quando la bufala online fa male alla salute

scritto da

La bufala online può servire a vendere di più, a fare più click, a spostare preferenze politiche, fino a far male alle persone: quando si promuovono notizie errate in ambito salute si gioca con la vulnerabilità di pazienti che non trovano risposte dalla medicina tradizionale e di familiari disposti a sperimentare qualsiasi cosa e a pagare cifre esorbitanti per alleviare il dolore dei propri cari. Eppure oggi la comunicazione della salute è fatta principalmente online: secondo un’indagine Medipragma l’81% degli Italiani dichiara di cercare in rete informazioni su sintomi, diagnosi, malattie e cure. Se però nel 58% dei casi le...

12 Ottobre 2016

Piccola (grande) agenda per la ministra Lorenzin

scritto da

La ministra Beatrice Lorenzin e la sua fissazione per l’infertilità (o per la fertilità?) non potevano lasciarmi indifferente. O meglio la sua imperizia nell’affrontare la questione. Centrale, cruciale. Centrale per le migliaia di individui che ogni giorno, tutti i giorni, fanno i conti con un dolore asfissiante. Cruciale per un paese che è lì lì pronto a perire di vecchiaia. Non cresciamo nel senso che invecchiamo ma non nasciamo. Così non si produce, ma soprattutto non si pensa, non si sogna, non si immagina. Si resta morenti a bordo mondo. Insomma se il problema dell’infertilità è una questione privata,...