19 Gennaio 2023

I dati che abbiamo e quelli che mancano per capire la violenza di genere

scritto da

  Quanto è difficile capire quando una donna sta rischiando la vita a causa della violenza di un uomo che vuole controllarla? Cosa serve per chiarire il quadro spesso opaco e subdolo della violenza che si nasconde nelle mura domestiche o nelle relazioni di coppia? L'ultimo caso di cronaca è quello del drammatico femminicidio di Martina Scialdone, avvocata di 35 anni, uccisa a Roma a colpi di pistola dall'ex compagno, il 61enne Costantino Bonaiuti, fuori dal ristorante dove i due avevano cenato. Un altro femminicidio, ma non l'unico in un inizio di anno che ha visto già 5 donne uccise, tutte in ambito familiare-affettivo. Il...

09 Novembre 2022

Disabilità, nasce la piattaforma di dati aperti per l'Italia

scritto da

    Ripartire dai numeri, in un contesto in cui si discute delle persone con disabilità solo in modalità emergenziale: se i dati non esistono, nemmeno le persone. “Nei titoli di giornale si parla solo quando ai bambini con disabilità viene negato l’accesso a scuola in mancanza dell’insegnante di sostegno, quando non hanno accesso ai servizi di logopedia, quando un giovane adulto viene assunto come cameriere in un bar, quando qualche atleta paralimpico sembra compiere un’impresa eccezionale, mentre la maggior parte dei giovani con disabilità non riesce neanche a praticare uno sport a livello amatoriale”. Sono le parole di...

21 Luglio 2022

Perché li chiamiamo femminicidi?

scritto da

Il termine femminicidio è entrato nell'uso comune in Italia da una decina d'anni, ma la sua genesi è lontana e il suo utilizzo ancora discusso. Non è raro, tuttora, per esempio tra giornalisti, trovarsi a discutere sull'opportunità del suo utilizzo. Tra le più frequenti critiche che mi è capitato di sentire ci sono quella che sarebbe denigratorio per le donne uccise, che si tratta di un termine cacofonico e poco comprensibile, scorretto ("perché allora non si parla di maschicidi?"), solo per citarne alcune. La questione della definizione però non è una questione di lana caprina o per appassionati del genere: definire...

17 Maggio 2021

Violenza contro le donne, picco di chiamate al 1522 nell'anno della pandemia

scritto da

  L'anno della pandemia porta a una crescita record delle richieste di aiuto al numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking. Richieste arrivate per telefono ma anche per chat, visto che anche solo fare una telefonata durante il lockdown poteva rappresentare un problema, in contesti di violenza domestica. Crescono le violenze da parte dei familiari e le richieste di aiuto da parte di ragazze con meno di 24 anni e donne con più di 55 anni e si conferma il ruolo fondamentale dei centri antiviolenza. I dati diffusi dall'Istat motrano che nel 2020 le chiamate al 1522, il numero di pubblica utilità contro la violenza e...

24 Febbraio 2021

Violenza sulle donne: D.i.Re, 2021 ancora senza nuovo piano, rafforzare la governance dei fondi

scritto da

                    Fondi insufficienti per i centri antiviolenza, governance delle risorse “sbagliata” e un 2021 che parte senza il nuovo piano anti violenza, visto che quello precedente è scaduto nel 2020. Sono le lacune nella lotta alla violenza sulle donne che Antonella Veltri, presidente di D.iRe-Donne in rete contro la violenza, mette in luce in un’intervista a Alley Oop Il Sole 24 Ore, di fronte a un mutato scenario politico, una ministra delle Pari opportunità, Elena Bonetti, riconfermata ma senza portafoglio, e ancora criticità, acuite dal Covid, nella gestione finanziaria dei centri anti violenza, pur...

30 Dicembre 2020

Le 10 italiane che hanno lasciato il segno nel 2020

scritto da

        Il 2020 passerà alla storia come un anno funesto, ma tra le cattive notizie ci sono stati anche diversi primati positivi e avvenimenti virtuosi che dovremmo ricordare con la stessa convinzione con cui ricorderemo la pandemia e tutto il resto. Come ogni anno, la redazione di Alley Oop ha individuato alcune donne italiane che hanno lasciato un segno nel corso di quest’anno, e che meritano di essere ricordate per ciò che hanno fatto o hanno rappresentato. Eccole, in rigoroso ordine alfabetico. Pasqua Attanasio Imprenditrice agricola, è la nuova presidente del GAL Daunia Rurale 2020 di San Severo, eletta all'unanimità....

16 Dicembre 2020

Diventare genitori: con la pandemia una scelta sempre più difficile

scritto da

    Facciamo meno figli, è ufficiale, lo sappiamo, ce lo dice anche l’Istat. Resta complesso capire il perché. Secondo Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istituto di statistica, sono le difficoltà economiche e sociali a frenare le famiglie, che in media desidererebbero due figli. Ai fattori di contesto vanno associate anche altre cause, perché il problema è assai più complesso di quanto la soluzione di un bonus potrebbe farci sperare. Flavia Gasperetti, nel suo saggio “Madri e no, Ragioni e percorsi di non maternità”, scrive: “Forse, ipotizzo, non dovremmo basarci solo sulle statistiche [...], forse è agli studi...

16 Dicembre 2020

Lavoro, dal governo a Confindustria l'obiettivo dichiarato è la parità di genere

scritto da

        Un gap che non può più aspettare di essere colmato. La parità di genere sul lavoro non è solo una questione di uguaglianza di diritti ma è necessaria alla ripresa del Paese, dopo la crisi della pandemia. Serve una svolta, però, in tempi rapidi. Perché nella situazione attuale e senza cambi di rotta serviranno ancora 60 anni per raggiungere la piena parità e per colmare il gender gap sul mercato del lavoro e sono davvero troppi. A metterlo in evidenza è un rapporto pubblicato dall'Osservatorio mercato del Lavoro e competenze manageriali di 4.Manager. Non solo: anche l'analisi di Asvis sull'attuazione degli...

08 Dicembre 2020

Linda Laura Sabbadini: "Senza uguaglianza di genere, non può esserci crescita"

scritto da

      Il 2021 sarà l'anno del debutto dell'Italia nell'ospitare il G20. Un'occasione importante, che porterà l'attenzione anche sulle azioni da intraprendere per la parità di genere. D'Altra parte è stato proprio il premier Giuseppe Conte, nell'inaugurare la presidenza italiana, a indicare fra le priorità di lavoro l'empowerment femminile. In questa direzione, il lavoro messo a punto nel Communique da parte dell'engagement group Women20 – riunitosi a a Riyadh lo scorso ottobre - è stato posto sul tavolo dei leader del G20 già il 20-21 novembre. Si tratta di un documento corposo, articolato in una serie di...

20 Novembre 2020

Il piano anti-Covid di Women20 per il G20

scritto da

      Spesso ci dimentichiamo che non siamo sole. A combattere la battaglia della parità di genere – oltre a tutte coloro che ci hanno spianato la strada sin qui, come ci ha ricordato Kamala Harris - ci sono milioni di donne in tutto il mondo organizzate in associazioni, movimenti, enti e istituzioni che ogni giorno lavorano per affermare i diritti e le istanze di metà della popolazione mondiale. Anche e, soprattutto, in momenti drammatici come il 2020. Uno delle più rappresentativi è il gruppo di interesse della società civile Women 20, nato in seno al G20 nel 2015 durante la presidenza turca, con l'obiettivo di elaborare...