27 Maggio 2019

La competizione non può essere meritocratica

scritto da

      La maggior parte delle donne in Italia ha redditi sotto i 15mila euro. Più salgono gli scaglioni di reddito, più la presenza femminile va rarefacendosi. La fotografia emerge dai dati recentemente diffusi da Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef) sul reddito imponibile pro capite del 2017 confermano che la differenza di genere nel nostro Paese è molto marcata: maggiore è il livello di reddito lordo annuo, minore è la percentuale di donne che si collocano a quel livello.     La presenza femminile è predominante nelle fasce di reddito da 0 a 15.000 euro, con la punta massima in corrispondenza...

22 Maggio 2019

Emoji inclusive, in arrivo quelle "gender fluid"

scritto da

      Con la prossima versione di Android, il sistema operativo di Google, saranno messe a disposizione oltre 50 nuove emoji, tutte quante gender fluid, cioè non binarie, neutre dal punto di vista del genere. Una mezza notizia in realtà, poiché il consorzio Unicode, che si occupa della codificazione delle nuove emoji, ne aveva approvate oltre 60 di questo tipo già nel 2018. Unicode è l'entità che ha introdotto anni fa le numerose varianti del colore della pelle e del genere e che dato il via libera a più di 230 emoji per il 2019, accordando molto spazio alle forme di alterità: ancora genere, religione, etnia e...

20 Maggio 2019

Assalto al diritto all’aborto nell’epoca Trump

scritto da

      Non si ferma l’onda anomala delle leggi antiaborto, l'ultima firmata la scorsa settimana in Alabama dalla governatrice repubblicana, Kay Ivey, che ha reso operative le più restrittive norme d'America sull'aborto, approvate dal congresso dello stato, twittando la motivazione: "La legge afferma con forza l'idea che ogni vita è preziosa ed è un regalo di Dio" . E con loro tutte queste leggi portano anche ondate di polemiche in tutto il Paese e sui social media, proiettando il tema dell'aborto al centro della campagna elettorale per la Casa Bianca, con il coro dei democratici in testa che assicurano che si batteranno...

17 Maggio 2019

Ma con i tartufi non si fanno i bambini

scritto da

Quanto è importante dare un prezzo alle cose? Le cose, senza un prezzo, hanno un valore? E’ di questa settimana la notizia che no, l’iva sugli assorbenti femminili non verrà abbassata, resterà quella dei “beni di lusso”: al 22%. Sappiamo che i rasoi da barba sono invece tassati come beni di prima necessità, al 4% (aliquota che da quest’anno premia anche i tartufi). ***Ci scusiamo con i lettori per aver riportato un'informazione inesatta diffusa nei giorni scorsi da parlamentari e ripresa dalle maggiori testate italiane. Il nostro errore è stato non controllare la lista dei prodotti a Iva agevolata*** Eppure con la...

06 Maggio 2019

Elezioni europee, 6 milioni le donne indecise e per i partiti sono queste sconosciute

scritto da

      Oggi, nel leggere le prime pagine e la rassegna stampa, mattutina abitudine del mestiere,  mi imbatto sul titolo che campeggia in prima pagine del Sole 24 Ore del lunedì “Lega e PD in gara per gli indecisi” e, al di là delle appartenenze politiche, quello che realmente colpisce la mia attenzione è il dato di analisi degli indecisi: il 66% è donna. Penso a quanto fino ad oggi ho visto durante la campagna elettorale, alle affissioni dei grandi partiti i loro messaggi sui social, i discorsi dei loro leader durante i comizi e ne deduco che oggi abbiamo un problema e non è una questione né di...

02 Maggio 2019

Per gli uomini maltrattanti percorsi di recupero ad hoc, anche in carcere

scritto da

  Per ogni donna che subisce violenza c’è un uomo che la “agisce”. E a quegli uomini è dedicato l’articolo 16 della Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia con la legge 77/2013, che impegna gli Stati firmatari ad adottare «le misure legislative e di altro tipo necessarie per istituire o sostenere programmi rivolti agli autori di atti di violenza domestica, per incoraggiarli ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali, al fine di prevenire nuove violenze e modificare i modelli comportamentali violenti». Non solo. Il testo raccomanda di «istituire o sostenere programmi di trattamento per...

31 Marzo 2019

“La bambina con due papà”. È l’amore che fa una famiglia

scritto da

      Pearl è una bambina curiosa. Ama scoprire il mondo che la circonda e adora conoscere nuovi amici. Quando a scuola le dicono che arriverà una nuova compagna di classe, è elettrizzata e non vede l’ora di conoscerla. Matilda ha i capelli biondi, la faccia birichina e fa subito amicizia con lei. Insieme corrono veloci, saltano nelle pozzanghere e si arrampicano sui rami più alti degli alberi. Un pomeriggio, mentre le due bambine giocano, Pearl decide di fare una domanda alla sua amica. Quel giorno Matilda prima di entrare nel cortile della scuola, ha salutato un papà diverso da quello che la accompagna sempre....

13 Marzo 2019

La Repubblica dei freelance, ecco cosa chiedono al mercato del lavoro

scritto da

      “L’Italia è una Repubblica fondata sullo stage” Sull’ironia di questa frase di Beppe Severgnini nasceva nel 2009 il blog “La Repubblica degli stagisti”. Il suo scopo era di raccogliere testimonianze, consigli e pratiche attorno alle tematiche dello stage, che era diventato in quegli anni quasi il solo modo per accedere al mondo del lavoro dopo l’università. Molti datori di lavoro lo utilizzarono poi come un mezzuccio per avere a disposizione manovalanza a basso costo (spesso gratis), magari anche incentivi economici, mentre l’esperienza offerta, che doveva essere formativa per gli stagisti, di...

08 Marzo 2019

Per gli uomini maltrattanti percorsi di recupero ad hoc, anche in carcere

scritto da

      Per ogni donna che subisce violenza c’è un uomo che la “agisce”. E a quegli uomini è dedicato l’articolo 16 della Convenzione di Istanbul, ratificata dall’Italia con la legge 77/2013, che impegna gli Stati firmatari ad adottare «le misure legislative e di altro tipo necessarie per istituire o sostenere programmi rivolti agli autori di atti di violenza domestica, per incoraggiarli ad adottare comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali, al fine di prevenire nuove violenze e modificare i modelli comportamentali violenti». Non solo. Il testo raccomanda di «istituire o sostenere programmi di...

08 Marzo 2019

Tempi lunghi e sentenze 'light': la tutela delle donne vittime di violenza e gli scogli giudiziari

scritto da

      Le norme ci sono e sarebbero efficaci. Quello che non funziona è la loro applicazione. E’ questa la posizione di legali, magistrati, associazioni ed esperti sull’impianto normativo dei casi di violenza di genere e violenza domestica. Un’applicazione troppo spesso carente, non puntuale, che ha gravissime conseguenze sulla vita delle vittime. Ritardi nelle indagini, poca consapevolezza delle dinamiche insite nel circolo della violenza contro le donne, scarsa formazione, vittime che dopo la denuncia non sono messe in una situazione di sicurezza o non sono seguite nel corso dell’iter, sentenze che minimizzano: sono...