13 Febbraio 2019

Donne ai vertici, costruiamo l'ascensore per far emergere i talenti

scritto da

    Quando si parla delle pari opportunità e dell’uguaglianza di genere nel mondo del lavoro la mente va quasi automaticamente alla Legge Golfo-Mosca del 2011, che ha introdotto le quote di genere nei consigli di amministrazione e nei collegi sindacali delle società quotate e delle società pubbliche (anche se per molti studiosi la parità di genere nelle società pubbliche derivava già direttamente dalla Costituzione). La Legge sta svolgendo il suo compito egregiamente, l’Italia ha fatto un balzo in avanti nelle classifiche internazionali, facendo così bella figura sulla strada della “modernità” e dimostrando...

11 Febbraio 2019

Venezuela, non mancano le catene umane dentro e fuori dal Paese

scritto da

    Parlare di ciò che si prova sulla pelle quando, come madre, come figlia, come sorella, come amica, come poeta e come cittadina italo venezuelana, vedi che il Paese dove sei nata si sgretola precipitando verso il fallimento più assoluto, è doloroso. Non si può immaginare il senso di impotenza che i venezuelani hanno vissuto in questi ultimi anni. Un senso di impotenza che fa soffrire e scatena una solitudine interiore che quasi immobilizza anche nei comportamenti e nelle consuetudini di vita. Sradicando tradizioni popolari e intaccando amicizie e parentele. I pensionati di lavori più modesti stanno anche peggio....

11 Febbraio 2019

Magistratura, imparare l'imparzialità è difficile ma lo dobbiamo al popolo italiano

scritto da

    Il pensiero della differenza di genere ci ha insegnato che essere un uomo o una donna, in qualsiasi contesto, non è un dato neutro. E’ l’unico dato, originario, con cui facciamo i conti, da quando nasciamo a quando muoriamo. Anzi, che ci portiamo oltre, anche nella memoria altrui. L’essere stati noiosi, neri, bianchi, coraggiosi, arroganti, omosessuali, sposati, corrotti finisce con il nostro corpo. Quel che resta, imperituro, è il nostro nome al maschile o al femminile. Appartenere ad un genere segna la storia di una vita, di un progetto, di un modo di essere, di un’aspettativa sociale, di un ingabbiamento...

18 Gennaio 2019

La resurrezione delle donne deve per forza passare dalla distruzione degli uomini?

scritto da

    Occhi puntati sulle donne: stanno cambiando, sono cambiate, sapranno cambiare? E che ne sarà di quel che sono state, soprattutto se si tratta di caratteristiche chiave per la sopravvivenza della specie, come la maternità? Tutta questa attenzione ci fa sentire a volte “come un gatto in tangenziale”: restiamo immobili per non fare una brutta fine sotto i riflettori. Le ricerche dicono che non sta funzionando: di questo passo la parità arriverà (forse) tra 202 anni. Il futuro sarà forse donna, ma resterà futuro ancora molto a lungo. Se allarghiamo lo sguardo, ci accorgiamo che sulla scena c’è un altro attore:...

16 Gennaio 2019

Tratta di esseri umani, parte il bando da 24 milioni

scritto da

      Donne sfruttate sessualmente, altre costrette a lavorare a lavori faticosi. Altre ancora, come nel caso di Irina, sfruttate due volte, di giorno nella faticosa raccolta dei pomodorini, di notte nel giro della prostituzione. E’ la piaga delle vittime della tratta, una forma di schiavitù che esiste oggi in Italia, coinvolge soprattutto donne, ma anche uomini e transessuali ed è, purtroppo, diventata un fenomeno rilevante. In attesa del secondo piano nazionale anti-tratta, entra nel vivo il bando da circa 24 milioni del Dipartimento delle Pari opportunità che scade l’11 febbraio. Domani ci sarà l’Infoday rivolto...

16 Gennaio 2019

La Supercoppa nel Paese che discrimina le donne

scritto da

    Le proteste non hanno sortito l’effetto sperato. Oggi le squadre di calcio italiane Juventus e Milan si affronteranno scendendo in campo a Jeddah in Arabia Saudita per la partita che assegnerà la Supercoppa Italiana. Nonostante le fortissime polemiche delle ultime settimane nate quando è iniziata la vendita dei biglietti per assistere a questo match. Nel King Abdullah Stadium le donne sono confinate in un settore, quello dedicato alle famiglie, mentre gli uomini possono accedere sia a quest’ultimo che ad altri settori “singles” interdetti alle donne. L’indignazione generale si è sollevata anche nel mondo...

10 Gennaio 2019

Il bambino capovolto: si sta diffondendo una visione distorta dell'infanzia?

scritto da

In definitiva, sotto le vesti di questo culto dell’infanzia/noi abbandoniamo il bambino a se stesso/nella gestione della sua difficile situazione:/celebrandolo, lo ignoriamo. (Marcel Gauchet) E’ pieno di scorci illuminanti, che meritano più di una visita, Il bambino capovolto di Giampaolo Nicolais. Non semplicemente un libro da leggere, ma un libro che non si può non leggere se si hanno dei figli o dei nipoti, o si è impegnati a diverso titolo nella cura, nella difesa e nella tutela dell’infanzia. Uscendo dai consueti circuiti accademici e dalle riviste di settore, Giampaolo Nicolais - professore associato di Psicologia...

07 Gennaio 2019

La Frontiera di Alessandro Leogrande, per capire cos’è la migrazione

scritto da

    Mi sono spesso chiesta, negli ultimi tempi, che cosa avrebbe detto Alessandro Leogrande sulle vicende degli sbarchi negati, delle chiusure dei porti, dell’arresto del sindaco di Riace Mimmo Lucano. In questa Italia sconquassata di inizio 2019 manca una voce come la sua, e tanto. I fortunati che hanno avuto modo di conoscerlo e di ascoltarlo sanno bene a che cosa mi riferisco. Chiunque sui social si riempie la bocca sulla questione dei migranti dovrebbe leggere “La Frontiera” (Feltrinelli, 2015) prima di sputare sentenze, improperi, anatemi. Chiunque lavori – a qualsiasi livello – su questa dolorosa e difficile...

31 Dicembre 2018

Sei mesi di governo gialloverde: poche (e controverse) le misure per le donne

scritto da

    Il "codice rosso" per chi subisce violenza e due novità sui congedi parentali: la possibilità, per le future madri, di lavorare fino al nono mese di gravidanza e l'aumento da quattro a cinque giorni del congedo obbligatorio per i neopapà. Insieme all'aumento a 1.500 euro l'anno del bonus "asilo nido" per le famiglie nel corso degli anni 2019-2021, che poi dovrebbe ritornare a mille euro dal 2022, e alla proroga di "opzione donna", il sistema che permette alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con requisiti anagrafici più favorevoli rispetto a quelli in vigore, ma al prezzo di decurtazioni anche molto...

28 Dicembre 2018

Sta' zitta e vota: perchè le donne italiane continuano a perdere terreno (in silenzio)

scritto da

      Ancora una volta l’Italia è al 118° posto su 149 Paesi nel mondo per partecipazione delle donne all’economia secondo il report annuale del World Economic Forum: abbondantemente ultima in Europa e tra i Paesi cosiddetti "avanzati". Ma non è così grave. Abbiamo ancora la democrazia: possiamo migliorare. O no? Un recente articolo de la rivista Atlantic passa in rassegna le affinità tra i diversi “uomini forti” a capo di cinque Paesi nel mondo, trovandovi un evidente punto in comune: tutti stanno togliendo diritti alle donne. L’articolo si intitola infatti: “I nuovi autoritarismi hanno dichiarato guerra...