17 Dicembre 2019

Global gender gap: l'Italia scivola al 76esimo posto

scritto da

    Per la parità tra uomini e donne la strada è ancora lunga. Ci vorranno un centinaio di anni (per precisione 99,5) secondo il Global Gender Gap Report 2020 del World Economic Forum pubblicato oggi. Per la parità a livello di accesso alla partecipazione economica addirittura 257 anni. Il dato naturalmente è a livello globale. E l'Italia? Se lo scorso anno avevamo festeggiato la risalita al 70esimo posto (dall'82esimo posto del 2017), quest'anno dobbiamo incassare un brutto colpo. Siamo scivolati al 76esimo posto su 153 Paesi, solo una tacca più su del posizionamento che avevamo nel 2006.     A penalizzarci,...

13 Dicembre 2019

Tre cose che le donne pensano, e a volte dicono, sul potere

scritto da

    La rete si anima alla notizia che la prima ministra finlandese è una donna di 34 anni: il capo di governo più giovane del mondo è una donna, figlia di due donne, madre di una bambina. Una storia tutta al femminile, che la prima ministra non vuole in alcun modo cavalcare – la parola d’ordine sembra essere “normalizzare”: una donna (più quattro, così è la coalizione) alla guida di un Paese non deve più fare notizia! – ma è anche una storia che le appartiene inevitabilmente e che inevitabilmente porterà in giro con sé, in tutto quel che fa e dice ed è. E’ inevitabile, infatti, che le prime donne a rompere...

12 Dicembre 2019

Cristiana Capotondi e Alessandro Benetton a confronto su calcio femminile, leadership e formazione

scritto da

  Il calcio femminile da ieri ha una possibilità in più di andare verso il professionismo. La commissione Bilancio del Senato ha dato via libera all'emendamento alla manovra che spiana la strada al professionismo nello sport per le donne dal momento che prevede un incentivo per le società le cui federazioni decidono di passare al professionismo, attraverso uno sgravio contributivo per tre anni al 100% fino a un tetto di 8000 euro. Una norma che ha trovato un'accoglienza positiva nei club calcistici di Serie A femminile, ma che vale per tutte le discipline. Alle decisioni del legislatore si accompagna un cambiamento culturale...

10 Dicembre 2019

Sanna Marin e l'Europa dove le donne arrivano al potere in politica. O forse no

scritto da

      Una Commissione europea molto al femminile. La BCE ha una nuova presidente. In Ruanda, 25 anni dopo il genocidio etnico, le donne in parlamento occupano il 61% dei seggi. Dal 9 dicembre, poi, in Finlandia la prima ministra, Sanna Marin, è la più giovane al mondo a capo di una coalizione di partiti tutti a guida femminile. A raccontarla con queste notizie sembra che la questione della partecipazione femminile alla politica stia vivendo un risveglio. Tanti i role model, da Giacinta Arden ad Alexandria Ocasio-Cortez, che arrivano a occupare molte pagine dei (social)media. E qualche buona pratica, come per esempio la...

02 Novembre 2019

Pink Tank, un libro che mette le politiche italiane a confronto

scritto da

      È di un bel colore rosa intenso, che vira sul corallo; un carro armato su fondo bianco campeggia sulla copertina dell’ultimo libro di Serena Marchi: “Pink Tank”. Più del titolo è però il sottotitolo, stampigliato in nero appena più in basso di quel particolarissimo logo, a rendere l’immediatezza del tema: “Donne al potere. Potere alle donne”. Il volume è appena uscito per Fandango nella collana Documenti e il nome della giornalista è legato alla casa editrice già per l’opera prima, “Madri comunque”, e poi per “Mio Tuo Suo Loro”. Il titolo qui è in realtà un gioco di parole. E svela un...

04 Settembre 2019

Dove sono le donne? Appelli al nuovo governo per le pari opportunità

scritto da

      Dove sono le donne? Se lo chiedono in tante e in tanti (almeno lo speriamo) in queste concitate giornate di crisi di governo, durante le quali la compagine femminile, nei diversi schieramenti, è pressoché ridotta al lumicino, se non del tutto assente. Stride molto questo dato, alla luce di quanto normalmente accade in altri parti d’Europa (sebbene al G7 appena concluso ci sia stata solo Angela Merkel come unica rappresentante di un governo) e così si moltiplicano gli appelli perché anche la formazione del Governo Conte bis non sia l’ennesima occasione sprecata. Nella giornata di ieri la Consigliera Nazionale...

03 Settembre 2019

Amazzonia: siamo sicuri di non esserne responsabili anche noi?

scritto da

    “Preoccupiamoci per le ragioni giuste e ci avvicineremo alle soluzioni”. In un momento di allarme generale sui cambiamenti climatici, dovuto anche alle particolarissime circostanze di  un'estate di disastri ambientali, queste parole sono come acqua fresca. A pronunciarle è Giorgio Vacchiano, ricercatore in gestione e pianificazione forestale presso l'Università Statale di Milano e divulgatore scientifico. Intendiamoci: va bene preoccuparsi, è il minimo a questo punto della storia. Va bene se all’improvviso ci siamo svegliati tutti per renderci conto di qualcosa che gli scienziati stanno provando a spiegarci da...

02 Settembre 2019

Donne e politica: il successo elettorale aumenta la probabilità di divorzio

scritto da

      Se si dovesse andare alle elezioni, c’è una cosa che le donne che intendono candidarsi devono sapere: in caso di successo elettorale, la loro probabilità di divorziare raddoppia (a parità di altre condizioni). Ce lo insegna una ricerca appena pubblicata sull’American Economic Review (2018) che analizza le probabilità di divorziare di uomini e donne che si candidano alla carica di sindaco o di parlamentare, in Svezia. La Svezia è una delle società più egualitarie dal punto di vista del genere. In Svezia, già da trent’anni, il tasso di istruzione delle donne ha superato quello degli uomini, e la...

30 Agosto 2019

Perché è pericoloso che metà del Paese resti sempre in panchina

scritto da

        Esiste una voce di Wikipedia che non ha l'equivalente maschile: è la “Lista delle donne capo di Stato”. Attualmente ci sono donne Capo di Stato in 27 Paesi, negli altri 169 Paesi il potere (e la responsabilità) sono in mano agli uomini, che continuano evidentemente a essere la soluzione di default. Il caso ha voluto che nella stessa settimana sulle pagine dei giornali abbiamo visto foto del G7 e del cosiddetto “tomoministri” italiano. Tutti maschi: sia qui che là, con qualche rara eccezione. Se possibile ancora più tristemente, sono state diffuse alcune foto delle mogli dei Capi di Stato del G7...

27 Agosto 2019

Governo, nel toto ministri mancano le donne

scritto da

      Un toto ministri quasi tutto al maschile. E' quello che ci è stato proposto nei giorni scorsi dagli ambienti vicini alla politica. Nomi nuovi, nomi già sentiti, ma comunque di uomini. E l'ipotesi di una donna premier è passata un'altra volta come una folata di vento passeggera, come a distrarre l'attenzione dalle opzioni più realistiche. Perché, d'altra parte, se donna fosse, lo sarebbe solo per sanare una situazione in cui gli uomini non vogliono sporcarsi le mani. Per poi ripresentarsi alle prossime elezioni come non responsabili di decisioni (dovute) pesanti. Mario Monti e Elsa Fornero hanno pur insegnato...