05 Agosto 2022

Se sei infelice sul lavoro, alza la mano

scritto da

  Se la conoscenza fosse risolutiva, la quantità di informazioni di cui disponiamo oggi su quanto le persone siano infelici e stressate sul lavoro e sulle conseguenze di questo fatto renderebbero obsoleta la ricerca di ulteriori soluzioni: da Gallup a McKinsey, da Harvard ai principali centri di ricerca, tutte le voci si levano in un solo grande urlo: il posto di lavoro rende le persone infelici, quelle che possono ne stanno fuggendo. Raccogliamo e commentiamo dati su stress, mancanza di motivazione, problemi psicologici, assenteismo, calo della produttività: il fenomeno è tracciato al millesimo e, ciononostante, il trend non...

26 Aprile 2022

Leader del futuro o potenziale inespresso: tu che lavoratore sei?

scritto da

    La Great Resignation è il più grande fenomeno lavorativo mondiale a cui stiamo assistendo: secondo Forbes nel 2020 sono stati persi 114 milioni di posti di lavoro, il che equivale al 4,4% del PIL globale. All’inizio della diffusione del Covid, milioni di persone sono state licenziate o messe in cassa integrazione. Oltre a questa tipologia di lavoratori che ha sofferto enormemente, anche tantissime altre persone hanno ripensato ai propri lavori e tirato le somme: lavoro per vivere o vivo per lavorare? Con la riapertura delle attività, le imprese di tutti i tipi hanno avuto difficoltà nel trovare lavoratori. Le...

29 Ottobre 2021

Dal controllo alla fiducia: il lavoro ibrido chiede nuove regole

scritto da

    E’ l’argomento del giorno, la fonte di ansia del momento e al tempo stesso la nostra grande opportunità di cambiamento: il passaggio dal lavoro da remoto a un modello di lavoro ibrido, in grado di mettere insieme il meglio di entrambi i mondi e di portarci nella prossima fase evolutiva del lavoro umano. Dalla fase uno alla fase due è stato relativamente semplice perché non c’era alternativa: da “tutti in ufficio” a “quasi tutti a casa”, da un giorno all’altro come nemmeno nei progetti pilota più arditi si era mai immaginato di fare, il classico “salto evolutivo” inaspettato e determinato da fattori...

17 Ottobre 2021

Leadership, sono le emozioni la chiave per motivare gli altri

scritto da

Le emozioni abitano dentro di noi, e ci rendono umani. Imparare a conoscerle può portarci a crescere come leader o a vedersi emotivi, perché vivi, aperti e vulnerabili all'esperienza del mondo. Si disvelano in due libri, uno scritto in un contesto aziendale e formativo, l’altro filosofico. Nel titolo “Human Leadership” di Nancy Cooklin, sono due i concetti importanti: essere leader ed essere umani. E per leader l’autrice intende una guida, una persona che ha il coraggio di iniziare per creare una realtà a cui gli altri vogliono appartenere, e così facendo riesce a influenzare positivamente. Ma per guidare gli altri,...

15 Ottobre 2021

Lavoro: è possibile mantenere una relazione sana tra azienda e collaboratori?

scritto da

      In questi mesi nei posti di lavoro vengono al pettine i nodi che lo stato di emergenza degli ultimi due anni ha fatto passare in secondo piano: vuol dire che tornano a sentirsi più chiari i malumori di colleghi e collaboratori, che aver “tenuto” così a lungo ha creato delle aspettative di cambiamento che adesso tardano a trovare conferma, che essere a metà del guado fa sentire ad alcuni l’urgenza di conoscere il proprio destino professionale e ad altri la necessità di continuare a sentirsi al sicuro, restando immobili dove si è. Distinguere tra stati d’animo così diversi e trattarli diversamente per...

20 Luglio 2021

Gameducation, nelle scuole per imparare arrivano i giochi

scritto da

    Studiare è un gioco da ragazzi? Forse sì se parliamo di gameducation, ovvero i metodi d’apprendimento basati sul gioco. Questo nuovo sistema didattico potrebbe rappresentare un aiuto in vista del nuovo anno scolastico per aumentare la motivazione dei giovani studenti che, secondo i recenti dati dell’americano EdWeek Research Center, hanno un calo di motivazione pari all’87% e un crollo morale dell’82%. Trovare una soluzione e aumentare il tasso di coinvolgimento degli allievi diventa quindi fondamentale perché, come evidenziato da uno studio riportato da Learning Sciences, che ha coinvolto 128 scuole e 110mila...

29 Marzo 2021

Lavoro, il progetto dell'università Ca' Foscari dedicato alle studentesse

scritto da

      “Poca fiducia in se stesse, nel futuro. Poca energia, voglia di darsi luce, convinzione nel valorizzare i propri talenti e proporsi. Abbiamo pensato che dovevamo cercare di aiutare le studentesse a conoscersi meglio, attraverso modelli di donne che avevano già trovato una collocazione nel mondo del lavoro, a cui potersi ispirare”. Con queste parole Arianna Cattarin, direttrice del Career Service dell’Università Ca’ Foscari, presenta il progetto LEI (Leadership, Energia, Imprenditorialità) per la promozione del ruolo delle donne nel mondo del lavoro: un impegno e una promessa per accompagnare le giovani...

13 Agosto 2020

Smartworking, la tecnologia è pronta e noi lo siamo?

scritto da

      La tecnologia è il mezzo che può permetterci relazioni lavorative anche a distanza. Ma le persone erano e sono pronte a tutte queste opportunità offerte dalla tecnologia? Capi e collaboratori, clienti e fornitori hanno realmente saputo vivere al meglio questo periodo? Chi come me lavora nel settore delle risorse umane, ha vissuto un momento eccezionale e ricchissimo dal punto di vista dell’osservazione, della ricerca e della possibilità generativa, ma molto difficile nel poter realmente aiutare le persone. La pandemia è stata portatrice di stress e reattività che a loro volta hanno generato un aumento...

16 Aprile 2020

"Remote but not Smart” working: come motivare il team

scritto da

    Molti ragazzi della mia generazione ma soprattutto di quelle precedenti sognavano di potersi mettere nei panni di Sean Connery e Pierce Brosnan e diventare un agente ‘007’. Nessuno di loro però sognava questo numero come un orario dettato dal remote working di una pandemia: 24 h al giorno di lavoro 7 giorni su 7 (dalle 00 alle 00 per 7 giorni). Il remote working ben fatto può essere un boost per il morale e la produttività, mal fatto può portare inefficienza, danni alle relazioni e demotivazione. Come evitare allora di trasformare le imprese in un covo di “fasulli agenti segreti dell’MI6”? Ho raccolto,...

09 Novembre 2019

Renata Rossi, le escursioni della prima guida alpina in Italia

scritto da

      “Quando nasci e vivi in montagna, qualcosa ti lega. Io ho le radici qui, come un albero”.   Renata Rossi è nata nella Val Bregaglia, a 100 m dalla Svizzera: è la prima guida alpina italiana donna. Chiara Todesco, giornalista e appassionata di montagna, ne ha tratteggiato il ritratto assieme a quello di altre guide alpine donne nel libro “Le signore delle cime”. “Ho fatto il liceo classico" racconta Renata, "un anno di medicina e tre anni di psicologia a Padova, ma ho sempre sentito il richiamo dalla montagna. Quando mi sono decisa a seguire la mia strada ho inizialmente gestito con un'amica un rifugio...