14 Novembre 2019

Atletica paralimpica, argento per Monica Contrafatto ai Mondiali di Dubai

scritto da

      Non era in condizioni perfette, aveva un problema al piede, ma ha dato il massimo. Ha sfoderato grinta, determinazione, fame di vittoria e ha vinto un bellissimo argento ai Mondiali Paralimpici che si stanno svolgendo, in questi giorni, a Dubai, negli Emirati Arabi. Monica Contrafatto è vicecampionessa iridata nei 100 metri, la seconda donna più veloce al mondo nella sua categoria 100 T63. In pochi anni, questa donna di sport, che ha saputo riprogrammare la sua vita, è diventata una campionessa fortissima, capace di portare l’Italia, il suo Paese sul podio. “Sono partita sulla pista scattando in...

05 Novembre 2019

Elisa Balsamo: "Da una Colnago rossa con le rotelle sono arrivata agli ori su pista"

scritto da

    Le gambe bruciano ancora, dopo il durissimo mondiale di Harrogate, tra il gelo e i fiumi d’acqua dello Yorkshire («Perché non siamo riuscite a riprendere la Van Vleuten in fuga? Perché ha guardarlo in tv non ti rendi conto di quanto è stato duro non solo correre, ma perfino pedalare, in quelle condizioni») e dopo le fatiche in pista, che le hanno regalato un bel bronzo europeo nell’inseguimento a squadre ad Alpendoorn, in Olanda; e allora il pensiero torna subito alla primavera italiana, colorata di rosa dalla carovana del Giro d’Italia, che quest’anno è passato proprio sotto casa sua («È vero! Ero alla...

01 Novembre 2019

Eleonora Giorgi: "Ho attraversato il deserto di Doha e vinto una medaglia inseguita da tanto

scritto da

      Sul suo comodino c’è il volume Storie della buonanotte per bambine terribili. Eleonora Anna Giorgi, milanese, 30 anni, non è più una bambina per l’anagrafe ma per lo spirito e il suo stato mentale di sognatrice professionista è una bambina a tutto tondo ed è anche terribile, tenace, indistruttibile come ha dimostrato nella 50 km di marcia del Mondiale di atletica che si è svolto a Doha dal 27 settembre al 6 ottobre. Un calvario fra i grattacieli della capitale del Qatar, un massacro di fatica, di paura di non arrivare in fondo, di vomito e nervi da imbrigliare: Eleonora ha conquistato il traguardo e un bronzo...

05 Aprile 2018

Sara Cardin, la karateka italiana che punta a una medaglia a Tokyo 2020

scritto da

    Centro preolimpico Matteo Pellicone, a Ostia, sul litorale romano a due passi dal mare. Qui ha sede il centro federale della Fijlkam, la Federazione Italiana Judo, Lotta, Karate, Arti Marziali. Un palazzetto dello sport che, dall’adiacente fermata di Castelfusano della linea Roma-Lido, sembra una navicella spaziale appena atterrata sul nostro pianeta, tutto intorno un grande parcheggio, il centro medico e poi palestre, foresteria, area ristorazione e uffici insieme a spazi culturali con il primo museo degli sport di combattimento. A farci da guida all’interno è Sara Cardin, campionessa azzurra di karate, grandi occhi...