16 Maggio 2022

L'Italia è ancora il Paese del posto fisso

scritto da

    Quanto durano mediamente i rapporti di lavoro? Quante persone restano occupate presso la stessa azienda per più di 10 anni? Quali sono i vantaggi di una relazione di lunga durata per le imprese e per i dipendenti? In Italia un rapporto di lavoro dipendente dura in media 12 anni (sia per gli uomini sia per le donne); nessun Paese europeo ci supera, e la media OECD si attesta a 8 anni.     Il primato italiano nella durata dei rapporti di lavoro è confermato anche dai dati Eurostat: l’Italia è terza in classifica per numero di occupati che lavorano alle dipendenze dello stesso datore da più di 10 anni;...

27 Aprile 2022

La necessità di riscrivere il tempo, sopratutto in azienda

scritto da

  “Il tempo è il più saggio perché svela ogni cosa” disse una volta Talete, filosofo, astronomo e matematico dell’Antica Grecia. Nel tempo si vive, si provano emozioni, si lavora, ci si sposta, si aspetta. Insieme allo spazio, è ciò che impegna fisici e matematici da secoli e ciò che definisce le coordinate in cui si muove la nostra esistenza. Il rapporto con il tempo è complesso e sfaccettato: lo si percepisce, gli si attribuisce senso e significato, lo si tenta di gestire. A volte, lo si subisce. Ogni persona ha le sue modalità, tanto che in psicologia si parla di Psicologia del Tempo o Approccio Temporale. La...

12 Gennaio 2022

Tra digitale e sostenibilità si gioca la parità di genere

scritto da

      Circa un anno fa, a commento del III Rapporto annuale dell'Osservatorio mercato del lavoro e competenze manageriali di 4Manager, scrivevamo su queste colonne: “Oggi, alla vigilia dell'avvio degli investimenti oggetto del PNRR e alla riformulazione della nostra economia, in chiave digitale ed ecologica, va colta l'occasione e posta la massima attenzione da parte di tutti gli stakeholder affinché si riparta in modo equo, trasparente, meritocratico e - ove occorre – con i giusti correttivi e meccanismi incentivanti, per superare le asimmetrie di genere che hanno depotenziano sino ad oggi il nostro Paese”. Da...

01 Novembre 2021

Come cambia il concetto dell’abitare: vale ancora la pena avere la casa di proprietà?

scritto da

      Un tempo avere una casa di proprietà era il sogno di tutti. Nell’immaginario collettivo l’acquisto della prima casa era una delle tappe obbligate per ritenersi una persona abbastanza realizzata. Oggi molte cose sono cambiate e non soltanto a causa della difficoltà a trovare un impiego a tempo indeterminato. Sembra essere mutato il concetto stesso dell’abitare, che non riguarda più soltanto l’oggetto-casa, intesa come luogo fisso e stabile, ma ha a che fare con l’esperienza quotidiana delle persone. Con la vita che, rispetto a venti anni fa, è sempre meno statica e meno radicata in un determinato luogo. In...

17 Ottobre 2021

Leadership, sono le emozioni la chiave per motivare gli altri

scritto da

Le emozioni abitano dentro di noi, e ci rendono umani. Imparare a conoscerle può portarci a crescere come leader o a vedersi emotivi, perché vivi, aperti e vulnerabili all'esperienza del mondo. Si disvelano in due libri, uno scritto in un contesto aziendale e formativo, l’altro filosofico. Nel titolo “Human Leadership” di Nancy Cooklin, sono due i concetti importanti: essere leader ed essere umani. E per leader l’autrice intende una guida, una persona che ha il coraggio di iniziare per creare una realtà a cui gli altri vogliono appartenere, e così facendo riesce a influenzare positivamente. Ma per guidare gli altri,...

18 Maggio 2021

Smart working, i giovani lo preferiscono ma le Big Tech tornano in ufficio

scritto da

      Un'indagine condotta da Marketers ha fatto emergere una tendenza che si sta delineando in questi mesi: quasi tutti gli under 30 italiani preferirebbero continuare a lavorare in smart working. Il lavoro da remoto è ormai diventato parte del futuro. Il 97% degli intervistati, infatti, si definisce favorevole a continuare a lavorare in modalità “smart” per il resto della propria carriera, pur avendolo provato per poco tempo. Il 25% delle persone coinvolte, infatti, dichiara di averlo svolto al massimo per un anno, numeri che evidenziano il legame tra lo scoppio della pandemia e la scoperta di questa nuova...

16 Aprile 2021

Lavoro, ecco cosa impariamo dai 7 impegni presi dal ceo di Ibm

scritto da

    Abbiamo scoperto alcune cose importanti su come lavoriamo, nel corso dell’ultimo anno. Mentre le scoprivamo, abbiamo dovuto gestire queste scoperte, correre ai ripari, darci da fare. Così però le scoperte rischiano di restare nascoste dietro alle loro conseguenze, e invece, come in tutte le transizioni importanti, andrebbero evidenziate e celebrate per quel che sono: dei “nuovi inizi”. Inizi che aspettavano da anni di venir fuori, i cui semi erano già lì. Erano sepolti proprio sotto alle nostre abitudini, sotto al normale modo di fare le cose che prevale su ogni cambiamento perché è più efficiente e rapido,...

22 Settembre 2020

Lavoro, il 70% vuole continuare con lo smartworking e le città si svuotano

scritto da

      Ci voleva il Covid per sdoganare finalmente lo smartworking. Sono più di 10 anni che alcune aziende italiane hanno cominciato a farne uso, inizialmente per i colleghi con ruoli nelle vendite, IT o team internazionali, e poi per tutta l'organizzazione. Il Comune di Milano è stato il primo in Italia a indire una giornata dedicata al Lavoro Agile nel 2014 e nel 2017 lo smartworking è diventato legge. Solo in questi ultimi mesi possiamo dire che si è esteso veramente tra pubblica amministrazione e aziende private creando modelli organizzativi e comportamenti manageriali che cambieranno in modo più ampio e...

07 Aprile 2020

Covid-19, l’Abruzzo in testa alle Regioni italiane in smart working

scritto da

    L’emergenza coronavirus in Italia ha cambiato le nostre vite, la quotidianità del lavoro, persino quello delle Pubbliche Amministrazioni che, nel nostro immaginario, sembra tra le attività più statiche di sempre. I dipendenti pubblici lavorano in smart working, o lavoro agile, attenendosi alle indicazioni elaborate dall’Agenzia per l’Italia Digitale, un vero e proprio vademecum in 11 raccomandazioni per lavorare on line in sicurezza. Stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione sotto i nostri occhi e sebbene si tratti di un cambiamento di sole poche settimane c’è già un risultato che merita di essere...

14 Gennaio 2019

Lavoro, 246mila giovani italiani vanno all'estero, ma non è una fuga

scritto da

    Sono quasi 28mila i giovani italiani che, con una laurea in tasca, nel 2017 sono volati all'estero. A loro si aggiungono 33mila diplomati di 25 anni e più che hanno preso la stessa strada. Una scelta fatta da più di 244 mila giovani negli ultimi cinque anni. E più della metà, il 64% per l'esattezza, ha un titolo di studio medio-alto. I dati emergono dall'ultimo report Istat intitolato "Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente". Il testo specifica anche quali sono le destinazioni più richieste. Il Regno Unito, nonostante Brexit, è ancora il Paese che accoglie la maggioranza degli italiani...