30 Aprile 2021

I convegni sulle donne e con le donne sono importanti... se fanno cultura

scritto da

      Avviso alle naviganti: le donne sono tornate di moda. Per una serie concomitante di eventi, l’attenzione verso la disparità di genere è riemersa dalla pandemia e ha trovato terreno fertile in dati veramente sconfortanti. Sono donne la maggioranza delle neo disoccupate, è delle donne il maggior carico di gestione dei disequilibri tra vita e lavoro, le donne sono (ancora) le principali assenti dai tavoli della politica e dell’economia. Insomma, passano gli anni (e i decenni) e le statistiche le vedono tornare indietro mentre il mondo va avanti… senza di loro? Il tema è serio: l’incapacità di avanzare sul...

10 Marzo 2021

Anche le psicologhe hanno un problema: è il gender pay gap

scritto da

      Maggioranza di donne iscritte all'ordine professionale, minoranza di posizioni di prestigio e inferiori livelli medi di retribuzione. Anche tra gli psicologi e le psicologhe in Italia si ripropone quel gender gap tipico del nostro mercato lavorativo. Gli iscritti all'Ordine degli psicologi, nel 2020, erano poco meno di 118mila, di cui 98.500 donne e 19.500 uomini.  Nel Consiglio nazionale dell'Ordine gli incarichi sono ripartiti al 50%: nove consiglieri sono uomini e nove donne, il presidente nazionale è David Lazzari, presidente dell'Ordine umbro, mentre la vicepresidente è Laura Parolin, che guida l'Ordine...

04 Gennaio 2021

Il 2021 di Londra: donne, Covid e Brexit

scritto da

    A poco più di un giorno dalla fine dell’anno, il governo inglese annuncia che le scuole secondarie non apriranno come previsto il 4 gennaio. Si posticipa la data di almeno 2 settimane, con possibili ulteriori ritardi nelle zone a rischio più alto. Il 2021, quindi, inizia con un tema che già conosciamo (nel Regno Unito e altrove): la decisione, inevitabile eppure presa all’ultimo minuto, di chiudere le scuole si traduce in un nuovo carico sulle spalle delle donne. Visti i numeri e la variante più contagiosa del virus – più di 50.000 casi al giorno, che continuano a salire – la decisione, appunto, era...

04 Maggio 2020

L'Italia non può permettersi di essere un club per soli uomini

scritto da

      Fino a quando le donne italiane dovranno sobbarcarsi i problemi senza vedere riconosciuti i propri sacrifici? Fino a quando accetteranno di essere ricacciate indietro nel momento in cui si tratta di decidere? E fino a quando tollereranno di vedersi passare davanti uomini che vantano maggiori meriti che spesso non hanno? Queste domande nascono dal diffuso malcontento che serpeggia oggi tra le tante donne italiane che non sono più disposte a essere dei fantasmi in un Paese che si ostina a non volerle vedere come protagoniste a pieno titolo del presente e del futuro. È sotto gli occhi di tutti che nella crisi del...

08 Marzo 2020

8 Marzo, essere le prime della classe non basta

scritto da

È una strada ancora in salita quella delle studentesse italiane. Si applicano di più, hanno maggiori interessi e voti più alti, ma poi quando varcano la soglia del mondo del lavoro hanno retribuzioni inferiori e, peggio, risultano penalizzate se hanno figli. È lo scenario fotografato dalle indagini Almadiploma e Almalaurea che in occasione della Festa dell’8 Marzo hanno raccolto i dati sulle performance femminili, dai banchi della scuola superiore fino al mercato del lavoro passando per gli anni dell'università. Come emerge dallo studio, le ragazze registrano risultati in media migliori fin...

11 Ottobre 2017

Ue, donne più vicine agli uomini ma restano meno potenti e più impegnate (Eige)

scritto da

      Un miglioramento di 4,2 punti in dieci anni. Un nulla, quindi. E' il risultato che emerge dall'analisi del Gender Equality Index 2017 di Eige (European Institute for Gender Equality). L'indice a livello europeo è salito, infatti, a 66,2 punti su 100 nel 2015 contro i 62 punti del 2005, con un'accelerata nell'ultimo triennio. Certo un panorama non particolarmente roseo. Il rapporto, presentato oggi a Bruxelles, conferma i Paesi del Nord Europa alle prime posizioni, con Svezia e Danimarca che svettano. L'Italia, passata dal 26esimo al 14esimo posto in classifica, è stata, però, menzionata come Paese in cui il...

06 Giugno 2017

La lenta riscossa delle (super)donne africane passa anche dai cartoni animati

scritto da

Buone notizie per le donne africane. Secondo lo studio “Prospettive economiche in Africa”, appena pubblicato, alcuni Paesi del continente avrebbero raggiunto un livello di sviluppo medio-altro con effetti positivi anche sul fronte del rispetto delle pari opportunità. Il report - realizzato dalla Banca africana dello sviluppo in collaborazione con l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e con il programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo – illustra, infatti, i progressi fatti da 18 Paesi su 54 dal punto di vista della sanità, dell’istruzione e, in generale, della qualità di vita. Questo non significa...