Elena Delfino

Volevo fare la giornalista per raccontare i fatti, ma poi mi sono innamorata delle storie. E ho scoperto che le storie più belle, non a caso, si chiamano imprese. Da quasi vent'anni il mio mestiere è andare oltre ai numeri e dare volto e voce alle persone che hanno avuto il coraggio di credere in un'idea e trasformarla in business imprenditoriale. Molte di loro sono donne. Molte di più di quanto vi facciano credere. Su twitter @Elenadelfy
18 Febbraio 2020

La cucina che include ha una stella Michelin

        "Io cucino per fare altro". Cristina Bowerman è nota al grande pubblico per essere spesso "l'unica donna". Unica cuoca tra ventiquattro nuovi stellati nel 2010 a ricevere la stella Michelin per il suo ristorante Glass di Roma. Unica chef ambassador di Expo. Unica presidente dell'associazione italiana Ambasciatori del Gusto. Ma questa professionista di origine pugliese, con una laurea in giurisprudenza a Bari, graphic designer in California e poi di nuovo laureata in Arti culinarie alla Culinary Academy di Austin in Texas, negli anni ha fatto della cucina un ingrediente per - appunto - fare altro. E la stella...

06 Febbraio 2020

Big data: il futuro delle professioniste passa da qui, per almeno due motivi

        Che i big data siano i pilastri su cui si fonderanno alcune professioni del futuro è cosa nota. Data scientist e data engineer sono tra le figure emergenti del 2020, ma ci sono abbastanza ragioni per credere che saranno sempre più richieste in un orizzonte temporale che andrà ben oltre i prossimi dodici mesi. Per dirla con le parole di un articolo appena pubblicato da Insidebigdata.com, "technology is king" e data science e analytics sono gli elementi alla base dell'industria moderna. Quel 'technology is king' declinato al maschile suggerisce però che sì, per le donne la faccenda è in salita. Nel 2019, su...

21 Gennaio 2020

Startup: meno pitch e più numeri per conquistare gli investitori

    E se fosse il pitch a compromettere le possibilità di una startupper o imprenditrice di ottenere investimenti, a vantaggio dei colleghi uomini? Se fosse proprio il momento di presentazione dell'idea di business agli investitori il momento in cui il gender gap si manifesta in una maniera sottile ma inequivocabile? E' la tesi di un articolo scritto da due venture capitalist e una docente universitaria per Harvard Business Review. Il punto di partenza sono i numeri che già conosciamo: nel 2018, solo il 3% del capitale di rischio negli Stati Uniti è andato a società fondate da donne. Tuttavia, il numero delle...

24 Dicembre 2019

Donne, quante prime volte nel 2019

      Sono politiche, sportive, artiste, scienziate. Sono donne che nel 2019 per la prima volta hanno raggiunto traguardi in settori solitamente appannaggio di uomini. Che hanno infranto porte o soffitti di cristallo o stabilito record impensabili fino ad ora. Come Mikaela Shiffrin, americana, la prima sciatrice che circa un mese fa ha collezionato la quarantunesima vittoria nello slalom, una in più di Ingmar Stenmark. Le astronaute Christina Koch e Jessica Meir, della NASA, il 21 ottobre dovevano uscire nello spazio dalla Stazione Spaziale Internazionale per la passeggiata per sole donne dall'evocativo nome di Eva: per...

10 Dicembre 2019

Cambio vita, le donne lo fanno meglio

    “Dovrebbero esserci molti percorsi diversi, che intreccino tempo libero, lavoro, formazione e famiglia per tutta la vita, che accompagnino le persone dalla nascita alla morte con luoghi dove fermarsi, riposare, cambiare rotta e ripetere alcuni passi lungo la strada. Così non sarebbe solo la terza età a durare più a lungo, ma si espanderebbero anche la giovinezza e la maturità”.   Laura Carstensen, psicologa e fondatrice dello Stanford Center on Longevity, in suo contributo sul Washington Post. "Quando l'ho letto - risponde dalle colonne di Forbes Joan Michelson, career e book coach - il mio primo pensiero è stato:...

12 Novembre 2019

Perché il mentoring aiuta le professioniste a fare carriera

        "Quando avevo trent'anni lavoravo in una grande azienda e ho ricevuto una proposta di lavoro in Brasile. Mi ero appena fidanzata e il mio capo di allora aveva cercato di trattenermi anche mettendomi in guardia rispetto alle evoluzioni del mio percorso professionale. Ho scelto senza lasciarmi influenzare dalle conquiste immediate e dalle convenzioni sociali, sapendo bene quello che volevo. E sono partita. Tre anni più tardi sono tornata in Italia: l´azienda nel frattempo era cambiata ma io ho comunque continuato la mia crescita e mi sono sposata con il mio fidanzato, che mi aveva aspettata".     Così...

19 Settembre 2019

Occupazione femminile: l'Italia è penultima in Europa. Ma alle donne va bene così?

Come può andare a lavorare una donna, o anche solo sostenere un colloquio, se non ha il diritto di uscire di casa senza permesso? Come può immaginarsi imprenditrice se, per legge, non può avere capitali o beni propri? Sono situazioni che esistono, in Paesi neanche troppo lontani da noi. E dove le condizioni sono queste, l'occupazione femminile è, naturalmente, bassissima. Women, Business and the Law 2019: A Decade of Reform, una recente ricerca della Banca Mondiale, ha misurato la discriminazione di genere in 187 economie negli ultimi dieci anni. Nel Medio Oriente e nel Nord Africa, in particolare, dove si registra una sorta di...

25 Agosto 2019

"Liberati della brava bambina". Ovvero come tornare a respirare

        Una donna non ha bisogno di chiamarsi Elena di Troia per sapere che cosa significa 'fare la brava', essere oggetto di decisioni prese da uomini, per te, sulla tua pelle, per un tuo presunto bene, per una felicità che non ti corrisponde. Una donna non ha bisogno di avere vissuto la vita di Medea per sapere che cosa vuol dire annullarsi per amore di un uomo, dare la parte migliore di te per farlo stare bene e crescere per poi essere abbandonata per un'altra, magari più giovane. Una donna non ha bisogno di essere un personaggio epico, del mito o di una serie televisiva contemporanea per riconoscere quella sottile...

16 Agosto 2019

Le ragazze della Gen Z viaggiano da sole

      Viaggiano da sole. Per dimostrare a se stesse di potercela fare, per scoprire chi sono davvero, per superare un momento particolare della vita. E anche per sentirsi libere e non doversi adattare ad abitudini di altri, famigliari o amici che siano. Sono le donne della generazione Z, americane in testa. Secondo una ricerca di Hostelworld, il numero di donne e ragazze nate tra il 1995 e il 2010 che scelgono di viaggiare in solitaria è in decisa crescita, addirittura segna un aumento dell'88 per cento dal 2015 a oggi. L’indagine si basa sui dati delle prenotazioni effettuate e vede in testa, dopo le globe trotter...

30 Luglio 2019

Ospitalità diffusa: locale, digitale, ma soprattutto in mano a imprenditrici

    Si chiama “ospitalità diffusa” ed è un segmento del turismo relativamente recente in Italia che comprende alloggi in affitto gestiti in forma imprenditoriale. Un’offerta che si affianca a bed and breakfast e agriturismi, ma che sostanzialmente utilizza il patrimonio delle seconde case inutilizzate, 5 milioni secondo gli ultimi dati Istat disponibili.     In questo panorama ha fatto capolino quattro anni fa Italianway, startup del settore turismo-hospitality, che gestisce oltre 500 immobili, e che ha chiuso il 2018 con un giro d’affari di 11 milioni di euro. La società ha lanciato il primo franchising...